LA CULTURA DELLA QUALITA' NELLE PMI

La ISO 9001:2015 e le piccole e medie imprese

cultura-qualita-PMI


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Ci sono, essenzialmente, due modi di "fare qualità" all'interno di una piccola o media impresa: si può puntare alla qualitÓ del lavoro, limitandosi a garantire la conformità dei risultati, o ci si può impegnare nella qualità dei processi di supporto del sistema e del business. In questo secondo caso si dà l'avvio alla nascita di una vera e propria cultura della qualità, basata sul supporto attivo da parte della direzione.
Solitamente, quando la PMI può contare su una leadership forte, nasce automaticamente una cultura basata sulla collaborazione e capace di promuovere un lavoro davvero di qualitÓ.

La cultura della qualitÓ è ciò che sta alla base della politica della qualità e delle politiche aziendali, ciò che orienta le pratiche adottate su base quotidiana in un'organizzazione e ciò che guida i processi necessari per svolgere il lavoro.
Costruire una cultura della qualitÓ significa iniziare a individuare i valori fondamentali dell'azienda, stabilire quali filosofie la guidino e quali comportamenti e atteggiamenti contribuiscono all'operatività quotidiana. Se si punta a costruire una cultura della qualità in una PMI si devono fornire ai collaboratori che interagiscono ogni giorno con i clienti, con i fornitori e, in generale, con gli stakeholder, gli strumenti e la formazione per migliorare su base continua e fare in modo di assicurare all'organizzazione un lavoro di qualitÓ. In una piccola o media impresa, la cultura della qualitÓ viene implementata attraverso la collaborazione di tutti perché è il modo in cui si risolvono i problemi e si raggiungono gli obiettivi. ╚ proprio questo uno degli elementi chiave che differenzia una PMI che ha una cultura della qualità da una grande azienda.

Se una PMI è nata da parecchi anni, la sua cultura si è sviluppata nel corso del tempo, man mano che una generazione di dipendenti ha passato il testimone a quella successiva, diventando qualcosa di difficilmente scindibile dal modo di lavorare delle persone all'interno di quell'azienda. Ecco perché, se vogliamo iniziare a cambiare la cultura di una PMI orientandola verso la qualità, servono impegno, costanza, pazienza e una gestione attenta del processo di cambiamento.

Una trasformazione di questo genere non può prescindere da uno dei punti fondamentali della ISO 9001:2015 che ci spiega come la qualità sia un lavoro che deve partire dalla direzione che ne sarà sempre la diretta responsabile. La norma ci è sicuramente di aiuto se vogliamo costruire una cultura della qualitÓ perché, ad esempio, al punto 5.1.1 fornisce un elenco di attivitÓ in cui il top management deve essere coinvolto per far crescere la percezione di un cambiamento verso la qualità.
La direzione non deve limitarsi a promuovere la qualitÓ come processo ma anche capire come tutti i processi aziendali si intreccino e interagiscano tra loro nel sistema qualità.

Limitarsi a raggiungere la conformitÓ non aiuta a creare una cultura della qualità e ad ottenere l'eccellenza. Occorrono obiettivi sfidanti, monitorati tramite parametri efficaci per capire dove ci si trova all'interno del mercato di riferimento e come muoversi verso l'eccellenza. Troppo spesso la qualitÓ ottiene la prioritÓ solamente sulla scia di qualche evento negativo o di qualche crisi ma è decisamente meglio implementare il cambiamento e apportare al sistema qualità le modifiche necessarie per affrontare rischi e opportunità prima che si verifichino situazioni di crisi.

Una cultura orientata alla qualità in una piccola o media impresa si riconosce dal fatto che le iniziative volte al miglioramento vengono avviate quando sta andando tutto bene perché è proprio nei periodi positivi che si costruisce il consenso e si ottiene la sponsorizzazione delle persone nei confronti di un modo di lavorare basato sulla qualità.
In questa tipologia di PMI si lavora per allineare le iniziative "della qualitÓ" agli obiettivi strategici, perché la qualità è vista come un supporto e un sostegno alle strategie .

La maturità di un PMI può raggiungere diversi livelli:

  • al vertice ci sono le piccole e medie imprese che possono essere considerate dei veri e propri leader nel campo dell'innovazione che guidano il mercato per ci˛ che riguarda le attese da parte dei clienti e gli standard di qualitÓ del settore;
  • subito sotto ci sono le aziende che riescono a gestire in un'ottica di qualitÓ condivisa persone, processi e tecnologie e che lavorano facendosi guidare da una cultura della qualitÓ;
  • al di sotto ancora troviamo le aziende che gestiscono la qualitÓ come richiesto dalla ISO 9001:2015;
  • al penultimo posto ci sono le PMI che si sforzano di controllare la qualitÓ che forniscono al cliente e di fornirgliela su una base che possa essere ripetibile nel tempo;
  • al livello pi¨ basso ci sono le piccole e medie imprese che non riescono a standardizzare il loro livello di qualitÓ e che riscontrano variazioni significative nei loro processi

Esiste una correlazione diretta tra il livello a cui opera una PMI e la sponsorizzazione del top management per ciò che riguarda la cultura della qualità e l'adozione delle migliori pratiche del settore. ╚ importante che le piccole e medie imprese inizino a considerare la qualità un centro per creare valore e non come un centro di costo. Se per unl'organizzazione, infatti, la qualità Ŕ un centro di costo, gli investimenti in questo campo saranno ridotti al minimo necessario per ottenere la certificazione ISO 9001 ma se per l'organizzazione la qualità Ŕ un centro di valore, si farà di tutto per costruire una cultura che cerchi di recepirla in tutte le aree.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla norma)

Le PMI che ritengono che la qualità coincida con un ufficio e non con una responsabilità condivisa spesso non riescono nemmeno a predisporre di un processo formale per la gestione dei rischi, a valutare adeguatamente la qualità dei loro fornitori e a costruire quotidianamente il miglioramento continuo. Tutto questo, di solito, corrisponde a una mancanza di supporto da parte dei dirigenti e alla mancata analisi dei dati effettuata durante il riesame della direzione. Spesso, chi non ha una cultura della qualità, fatica anche ad avere indicatori della qualità che restituiscano la "fotografia" dell'andamento del sistema qualità in tempo reale.

PER SAPERNE DI PIU':
Tutti gli articoli sulla ISO 9001
ISO 9001:2015 e PMI
ISO 9001:2015 - 8 modi per sviluppare una cultura della qualitÓ
La cultura di un'organizzazione - L'ottavo future concept su cui si baserÓ la prossima ISO 9001
La cultura della qualitÓ
Costruire un sistema qualitÓ - La cultura di un'organizzazione
Six Sigma e cultura
Risk management nelle PMI. Un reale caso di successo
La ISO 9001:2015