IL DIAGRAMMA YAMAZUMI: INTRODUZIONE

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Un diagramma Yamazumi è un diagramma a barre che viene utilizzato nelle aziende che applicano la Lean manufacturing per mostrare i carichi di lavoro suddivisi tra un certo numero di operatori, tipicamente di una linea di assemblaggio o di una cella produttiva.

Il termine giapponese "yamazumi" indica, letteralmente, "impilare", "mettere una cosa sopra l'altra".

Questo strumento è stato portato alla ribalta da Toyota che lo utilizza per visualizzare il carico di lavoro dei suoi uomini e per facilitare l'attribuzione di nuove attività e l'individuazione e la rimozione di eventuali compiti privi di valore aggiunto.

Diagramma Yamazumi

Un diagramma Yamazumi serve per spezzare i singoli compiti delle persone e visualizzarli con un riferimento temporale in modo da accorgersi di eventuali sovraccarichi. Se viene mantenuto ben aggiornato, in un'ottica kaizen, è possibile in ogni momento visualizzare il carico di lavoro di un reparto.
Se osserviamo un diagramma Yamazumi, vedremo che il processo che dobbiamo analizzare viene scorporato in attività a partire dal basso. Spesso, per ogni blocco viene mostrato anche il tempo necessario ad evadere l'attività.

Questo strumento, solitamente, viene utilizzato insieme ad un diagramma che indica chiaramente quali persone possono compiere una certa attività dato che sono state appositamente formate per farlo.

Nel momento in cui c'è la necessità di ribilanciare il carico di lavoro a causa di un'oscillazione della domanda o perché, ad esempio, l'applicazione del miglioramento continuo ha portato ad una riduzione del ciclo di lavoro, è molto semplice rivedere la suddivisione delle attività tra i lavoratori.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Questo tipo di diagramma può essere anche utilizzato in un'ottica kaizen per capire dove un processo può essere migliorato.
Ad esempio, possiamo indicare con un colore particolare le attività che, a nostro giudizio, sono prive di valore aggiunto e andare ad investigarle con maggiore attenzione, se non altro per ridurne l'impatto a livello temporale. Le aree che, al contrario, sono quelle che forniscono valore aggiunto saranno quelle sulle quali concentrarsi maggiormente.
Ancora, possiamo individuare con un terzo colore le attività che rappresentano dei veri e propri sprechi che vanno eliminati.

Per una veloce visualizzazione, possiamo associare il colore giallo alle attività sospette, il verde alle attività a valore aggiunto e il rosso agli sprechi. In poco tempo si avrà, così, una chiara rappresentazione del processo e delle aree dove andare a lavorare maggiormente.

Quali sono i vantaggi dell'applicazione di un Yamazumi?

I vantaggi che possiamo ricavare applicando un diagramma come quello descritto sono, essenzialmente, 5:

1. E' uno strumento visuale e questo è molto utile dato che un'immagine serve più di mille parole. Grazie a queste veloci rappresentazioni di tipo intuitivo, i lavoratori e i manager possono vedere immediatamente dove hanno origine i ritardi e porvi rimedio

2. E' uno strumento molto semplice da utilizzare.Non c'è alcun bisogno di complicate analisi fatte da consulenti esterni quando possiamo contare su un buon diagramma Yamazumi ben dettagliato e aggiornato.

3. E' sempre disponibile. Può essere appeso nelle vicinanze di una linea di produzione per essere un'esortazione costante al miglioramento continuo.

4. E' uno strumento pubblico, tutti possono vederlo. In presenza di squadre di lavoro motivate, questo tipo di diagramma può essere utilizzato per aumentare la competitività tra reparti. Niente, infatti, motiva di più le persone di un pubblico riconoscimento dei brillanti risultati raggiunti.

5.Permette di visualizzare subito quali sono le poche cose sulle quali concentrarsi per migliorare. Ricordate cosa dice il principio di Pareto? Che il 20% delle cause creano l'80% degli effetti. Con uno schema Yamazumi è facile vedere quali sono i colli di bottiglia e le attività che limitano le nostre performance per concentraci sui "vital few", le poche cose davvero importanti.

Dove applicare un diagramma Yamazumi?

Un diagramma Yamazumi può essere applicato in moltissime realtà, non solo quelle tipicamente produttive.

In ufficio

Provate, ad esempio, ad applicarlo in ufficio, su un processo particolamente complesso.

Anche in ufficio si perde tempo con attività prive di valore aggiunto e si sprecano risorse lavorando male. Concentratevi sull'individuazione degli sprechi e delle attività prive di valore aggiunto e cercate di accorciare il tempo necessario per ogni processo. Il diagramma di Yamazumi vi sarà utilissimo in questo lavoro.

Nella vita quotidiana

Non avete mai tempo per fare le cose che vorreste fare? Provate ad applicare il diagramma di Yamazumi ad un'intera settimana della vostra vita, registrando le vostre attività. Non è difficile: vi basterà dividere la vostra settimana in 7 colonne di 24 ore e iniziate ad indicare le attività programmate (come, ad esempio, "palestra" o "pranzo"), assegnando loro un colore a seconda che le consideriate per la vostra vita attività a valore aggiunto o meno.
Il pranzo, ad esempio, sarà un'attività gialla perché serve per mantenervi attivi ma non aggiunge valore alla vostra vita come potrebbe fare, ad esempio, una seduta in palestra.
Suddividete il tempo rimanente in ore e inserite, giorno dopo giorno, tutte le vostre attività, indicandone sempre il colore. Dopo una settimana sarete in grado di vedere quanta parte della vostra vita aggiunge valore e quanta, invece, andrebbe rivista in un'ottica di miglioramento.

PER SAPERNE DI PIU':

Su QualitiAmo non sono presenti altri articoli su questo argomento


cerca nel sito