LA ISO 9001:2015 E L'OUTSOURCING

La bozza nella nuova ISO 9001:2015 contiene alcuni
spunti nuovi per
ciò che riguarda l'outsourcing. Scopriamoli insieme

Articolo di Staff di QualitiAmo

iso-9001-2015-outsourcing


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Tra i maggiori cambiamenti della nuova ISO 9001:2015 troviamo il fatto che non si parli più in maniera distinta di "acquisti" (l'attuale paragrafo 7.4 della norma ISO 9001:2008) e "outsourcing" (l'attuale punto 4.1) ma, più in generale, di "external provision of goods and services" (fornitura esterna di beni e servizi).
Non c'è più, dunque, una netta distinzione tra gli acquisti e ciò che ci si procurava attraverso il processo dell'outsourcing ed è davvero un bene viste le difficoltà che le organizzazioni hanno avuto nel recepire gli attuali requisiti che trattano la materia.

L'Annex A chiarisce che la nuova terminologia "externally provided products and services" serve a sostenere il concetto che se l'organizzazione acquista qualcosa da un fornitore, attraverso il processo dell'outsourcing o in altro modo non importa, è tenuta ad adottare un atteggiamento che prenda in considerazione i rischi legati a questa tipologia di attività in modo da determinare quali controlli adottare affinché siano appropriati al singolo fornitore, al prodotto, al servizio o al processo acquisito all'esterno.
Dato che tutto il tema dell'outsourcing (specialmente ciò che fosse o non fosse outsourcing) aveva creato parecchi problemi quando venne pubblicata l'attuale ISO 9001, dare finalmente una spiegazione come quella che abbiamo appena riportato non fa che rendere la nuova ISO 9001:2015 più user-friendly.

Facendo un salto indietro nella storia, fu importante che la norma del 2008 introducesse per la prima volta il concetto di "outsourcing" perché, all'epoca, stava diventando un fenomeno crescente in molte organizzazioni che sceglievano di concentrarsi sulle proprie competenze specifiche delegando all'esterno lo svolgimento degli altri processi non "core".
Fu proprio questa tipologia di strategia a creare la necessità di gestire in maniera più integrata l'intera catena di fornitura in un'ottica che andava al di là della semplice logistica. Le distanze chilometriche tra i fornitori e le aziende aumentavano in un'ottica di globalizzazione e bisognava essere in grado di gestire al meglio il nuovo fenomeno. Pensate solamente a problematiche quali la gestione delle informazioni, dei rischi, della sicurezza o dei documenti di supporto!
Oggi, invece, il nuovo paragrafo 8.4. "Control of externally provided products and services" (Controllo dei prodotti e dei servizi acquisiti dall'esterno) riconosce che, sebbene le moderne organizzazioni si approvvigionino in base a processi che vanno al di là degli acquisti tradizionali, la preoccupazione per i controlli che devono essere applicati a ciò che si acquista non cambia. Ecco perché si mette ben in chiaro fin dal titolo che lo scopo di chi guida il processo di controllo di ciò che viene approvvigionato si estende a tutto ciò che viene acquisito, senza alcuna distinzione. Ci si riferisce, dunque, ai classici prodotti e servizi, ai prodotti e servizi approvvigionati dall'esterno che vengono poi incorporati nei prodotti e nei servizi venduti dall'azienda, ai prodotti e servizi che vengono forniti ai clienti dell'azienda direttamente dal fornitore, ai processi o alle parti di processo condotti all'esterno dell'azienda, alle partnership e persino alle risorse esterne che lavorano all'interno dell'organizzazione sotto il suo diretto controllo (se ne parla nel nuovo paragrafo 7.2).

Non si discrimina, dunque, in base alla natura di ciò che si acquista ma in base alla sua criticità.

Per essere certi che si capisca bene che la figura del fornitore tradizionale è stata superata, la nuova norma utilizza la terminologia "external provider" che va a sostituire il vecchio termine "supplier" in modo da includere in questa nuova definizione ogni tipologia di azienda che approvvigioni qualsiasi cosa per l'organizzazione.

E' chiaro, dunque, che la responsabilità di ogni singola organizzazione al momento dell'acquisto di un bene, di un servizio o di un processo non possa essere delegata in toto al fornitore che non può in nessun caso essere considerato l'unico responsabile di ciò che l'azienda cliente fornisce al suo cliente finale. Il "provider" va visto come una sorta di partner con cui collaborare allo scopo di ottenere prodotti, servizi e processi che permettano di ottenere la soddisfazione del cliente finale.
Per rafforzare ulteriormente questo concetto di collaborazione, si specifica chiaramente che occorre prestare tutta la necessaria attenzione non solo a ciò che è di proprietà del cliente (l'attuale paragrafo 7.5.4 della ISO 9001) ma anche a ciò che appartiene a un fornitore.

Stabilito, dunque, che i controlli non dipendono dal fatto che si acquisti da fornitori esterni o, ad esempio, da compagnie dello stesso gruppo, cerchiamo di capire bene come essi si interfaccino con il nuovo concetto di risk management che permea tutto il nuovo documento.
I controlli su ciò che si acquista andranno effettuati in base ai rischi che comporta ogni singola acquisizione, così come anche le performance di ogni singolo fornitore andranno esaminate e monitorate in funzione di questi rischi e indipendentemente dal fatto che si fornisca un prodotto, un servizio o un processo. Ricordate che nella futura norma il risk management diventerà un aspetto estremamente importante per ogni sistema qualità e che, se non avete ancora esteso una buona gestione dei rischi alla valutazione dei vostri fornitori, è bene iniziare fin da ora per anticipare i cambiamenti del 2015.

La necessità di effettuare controlli su beni e servizi (compreso l'outsourcing) acquistati da fornitori esterni era già inclusa, come sappiamo, nei requisiti dell'attuale norma ma la nuova ISO 9001:2015 richiede che tutto il processo venga gestito in maniera integrata con il fornitore. Si continua, dunque, a percorrere la strada già tracciata dalla versione del 2008 della norma ma si dà maggiore enfasi a considerare qualsiasi cosa acquistata come qualcosa che va gestita e controllata indipendentemente dalla sua natura.

Anche nell'esaminare - come richiesto dal draft della nuova ISO 9001- il proprio contesto e lo scopo, un'organizzazione dovrà prestare grande attenzione ad ogni tipologia di aquisizione esterna al fine di determinare e pianificare preventivamente la tipologia di controllo da effettuare su di essa. Come sempre, poi, le performance dei singoli fornitori andranno valutate all'interno del processo di riesame della Direzione.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Chiudiamo ricordando che non sarà più possibile escludere l'applicazione di un requisito giustificandosi semplicemente col fatto che un processo sia stato svolto esternamente all'azienda o che una funzione (passateci ancora una volta questo termine che presto apparterrà al passato perché si dovrà ragionare solamente in termini di processi e non di funzioni) non appartenga all'azienda. Ogni organizzazione dovrà imparare a vedersi all'interno di un sistema complesso che si chiama supply chain e che è spesso caratterizzata da processi e funzioni in outsourcing.

PER SAPERNE DI PIU':

Elementi variabili dell'outsourcing
10 problemi legati all'outsourcing
Lean manufacturing e outsourcing
Terminologia: outsourcing
L'outsourcing nella ISO 9001:2008
ISO 9001:2008 e processi in outsourcing
Esternalizzazione e outsourcing
Cosa controllare in caso di outsourcing?
Gestire l'outsourcing: schema
Outsourcing e Automotive



cerca nel sito