ISO 9001:2015 - CAPIRE L'ORGANIZZAZIONE
E IL SUO CONTESTO

di Alberto Luci

La nuova ISO 9001:2015 ci chiede di comprendere a fondo il contesto in cui opera un'organizzazione. Cosa significa esattamente?

iso-9001-2015-contesto-organizzazione

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La ISO 9001: 2015 è stata appena pubblicata (settembre del 2015) ma sta già apportando grandi cambiamenti al modo di affrontare la Qualità delle singole organizzazioni.
Tra i cambiamenti più significativi di questa nuova edizione della 9001, troviamo il punto 4.1 che ci invita a comprendere l'organizzazione e il suo contesto.

Cerchiamo, dunque, di capire come adempiere a questo nuovo requisito che specifica come un'organizzazione debba determinare eventuali problemi esterni e interni che possono diventare rilevanti nell'ottenimento del suo scopo e nell'applicazione delle sue strategie o che possono influenzare la sua capacità di raggiungere il risultato desiderato.

La ISO 9001:2015 spiega che il processo decisionale deve avvenire secondo tre precisi riferimenti.
Il primo ci spiega che le decisioni devono essere basate sull'evidenza e non è affatto difficile capire che le decisioni migliori siano proprio quelle che si fondano su fatti e prove e non su semplici congetture.
La seconda cosa di cui tenere conto è quasi "nascosta" all'interno del paragrafo 0.1 che ci spiega come affrontare i rischi e le opportunità connesse con il contesto e gli obiettivi. Affrontare i rischi significa gestire le incertezze in modo proattivo. Gestire ciò che è incerto sognifica che le decisioni devono essere prese tenendo in considerazione le possibili conseguenze positive (opportunità) e negative (rischi) che il futuro può portare.
Infine, nel paragrafo 5.1 che tratta di leadership e impegno, troviamo un requisito dedicato al top management nel quale si chiede di garantire che gli obiettivi della politica della qualità siano compatibili con il contesto e la direzione strategica dell'organizzazione.

In sostanza, tutti e tre i riferimenti richiedono che le decisioni informate vengano prese sulla base di un qualche tipo di prova.
E dove possiamo trovare questa prova? Tutto ciò di cui avete bisogno è disponibile nell'ambito della vostra organizzazione, all'interno o all'esterno cioè nel contesto della vostra azienda.

Facciamo subito qualche esempio di contesto interno.
La vision, la mission, gli obiettivi strategici, le risorse, la cultura, i rapporti contrattuali, questo e molto altro sono tutti fattori da considerare quando si deve prendere una decisione o affrontare un momento di incertezza.

D'altra parte, l'ambiente sociale, politico, normativo, finanziario, economico, le tendenze del mercato, l'ambiente naturale, l'insieme dei vostri concorrenti e i vostri stakeholder esterni fanno tutti parte del vostro contesto esterno.

Ciascuno di questi fattori deve essere considerato nella gestione dei rischi e delle incertezze, così come quando si devono prendere decisioni che possono influenzare la qualità del prodotto o del servizio fornito.

Una delle preoccupazioni che vengono sollevate più di frequente su questo nuovo requisito è legata all'audit. . Come può un auditor controllare accuratamente il contesto di un'organizzazione e verificare che si sia preso in considerazione ogni suo aspetto?
Possiamo rispondere facilmente ricordando che i sistemi di gestione della qualità si basano sul ciclo PDCA, conosciuto anche come ciclo di Deming. Comprendere l'organizzazione e il suo contesto fa proprio parte di questo processo di miglioramento continuo e, come tale, non viene mai completato al primo giro della ruota. La norma ci chiede - infatti - di monitorare e riesaminare periodicamente le informazioni relative al contesto interno ed esterno e questo spiega ampiamente come il contesto sia qualcosa in continuo movimento.
Ecco perché nessuno si aspetta che in un solo audit il verificatore abbia ben chiaro l'intero contesto in cui opera un'azienda.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

In sostanza, le decisioni che riguardano il sistema qualità non sono molto diverse da qualsiasi altra decisione e perché siano buone occorre esaminare tutte le incertezze che possono aiutare o, al contrario, ostacolare i vostri obiettivi.
Le decisioni migliori si basano sulle migliori evidenze disponibili, la maggior parte delle quali si trovano nel contesto esterno ed interno di ogni organizzazione.

PER SAPERNE DI PIU':

Forum - ISO 9001:2015: il contesto di un'organizzazione


cerca nel sito