La nuova ISO 9001:2023 o ISO 9001:2024

Staff di QualitiAmo

Quando verrà pubblicata la prossima ISO 9001? E' già iniziato il lavoro di revisione? Ci saranno cambiamenti sostanziali nella ISO 9001:2023 o ISO 9001:2024?

nuova ISO 9001:2024

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Come sa bene chi conosce da tempo la ISO 9001, lo standard viene regolarmente aggiornato a intervalli di tempo più o meno regolari (ogni 5 anni viene fatto un riesame dell'ultima versione della norma per capire se debba o meno subire una revisione). Abbiamo avuto:

  • la ISO 9001:1987 (prima stesura)
  • la ISO 9001:1994 (la prima revisione pose una grande enfasi sulle azioni preventive e fece un primo timido tentativo di ridimensionare il parco documentale di supporto al sistema qualità)
  • la ISO 9001:2000 (questa seconda revisione fu una riscrittura totale della norma che unificò i tre standard precedenti in un unico documento indirizzato a ogni tipologia di organizzazione. Con questa versione della ISO 9001 venne introdotto il concetto di gestione della qualità a supporto del controllo della qualità e dell'assicurazione della qualità e per la prima volta si fece la richiesta di integrare il sistema qualità nel business management aziendale)
  • la ISO 9001:2008 (con questa revisione inizò l'armonizzazione con la ISO 14001:2004)
  • la ISO 9001:2015 che è la norma attualmente in vigore e che è stata pubblicata nel settembre del 2015 (un'altra riscrittura completa della norma che introdusse il concetto di gestione dei rischi e il concetto di business performance contrapposto agli indicatori della qualità e ridusse ulteriormente i documenti di supporto al sistema qualità)

Scorrendo le date e le modifiche riportate, vediamo che, tendenzialmente, le modifiche sostanziali al testo vengono apportate ogni due revisioni. Ad esempio, la versione della norma del 2000 fu una sorta di "rivoluzione", mentre quella del 2008 confermò, sostanzialmente, il testo precedente con modifiche non degne di nota. Di nuovo, la versione del 2015 introdusse un'altra piccola rivoluzione nel panorama normativo della gestione dei sistemi qualità. Questo dovrebbe farci prevedere che la prossima versione della ISO 9001 non subirà dei rimaneggiamenti clamorosi. Questa, ovviamente, è la teoria. Ad oggi di certo non c'è ancora niente e, vista la profonda crisi che stanno attraversando in questo momento le certificazioni nel mondo (nel 2017, secondo i dati della stessa ISO, le certificazioni sono diminuite a livello mondiale di ben il 20%, mentre in Italia, dal 2014 al 2018, sono scese da 168.960 certificati a 87.794), si pottrebbe anche pensare a una semplificazione dello standard per le piccole imprese per provare nuovamente a coinvolgerle in questo viaggio affascinante verso l'eccellenza.

Se dubitiamo, quindi, che in questo particolare momento storico verranno introdotti nuovi requisiti, magari provenienti dalle norme di settori specifici come la IATF 16949 (sistema qualità nell'ambito automotive), la EN 9100 (settore aerospaziale) o la ISO TS 22163 (sistemi di gestione della qualità nel settore ferroviario) che, con maggiore probabilità, verranno tenute presenti per una revisione futura più sostanziale, è vero, però, che proprio alla luce del particolare momento storico, si potrebbe avviare un ragionamento profondo sulla parte relativa ai piani per la sicurezza e per una continuità operativa e su una maggiore integrazione della sicurezza delle informazioni, visto che molte organizzazioni si sono trovate in grandissima difficoltà a gestire tutte le problematiche, anche di ordine estremamente pratico, legate alla pandemia, allo smart working, agli audit a distanza, ecc.

Ad oggi, comunque, le uniche certezze che abbiamo è che nell'ottobre del 2020 è ufficialmente iniziato il riesame della ISO 9001:2015.

Per prepararsi adeguatamente a questo lavoro, a novembre del 2019, l'ISO/TC 176/SC 2, cioè il sottocomitato che si occupa nello specifico dei sistemi qualità, ha deciso di creare un task group (TG) 5 per poter gestire efficacemente una potenziale revisione della ISO 9001.

L'ISO/TC 176/SC 2 ha pubblicato poche righe relativamente all'operazione di revisione della ISO 9001, spiegando che la SR (systematic review) relativa alla ISO 9001 si è conclusa il 2 dicembre del 2020 con 36 membri a favore di una riconferma della norma così com'è e altri 32 a favore della sua revisione.
Il comunicato prosegue spiegando che l'ISO consente a un comitato 6 mesi di tempo dopo la chiusura di una SR per annunciare la propria decisione sull'azione da intraprendere relativamente a uno standard e che, inoltre, consente che, dopo un'analisi dettagliata dei risultati della SR e tenendo conto di altri input, possa prevalere un'interpretazione diversa da quella indicata dalla maggior parte delle risposte degli organismi nazionali di normalizzazione.

A questo si aggiunge il fatto che il 31 dicembre 2020 si è concluso il sondaggio riservato agli utenti della ISO 9001:2015 per raccogliere informazioni utili ad avviare una potenziale revisione dell'ultima versione dello standard con l'obiettivo anche di valutare l'interesse delle organizzazioni alla certificazione del sistema qualità. I risultati del sondaggio sono attualmente in fase di elaborazione.

Cosa aspettarci, dunque, alla luce di tutto questo per ciò che riguarda la prossima versione della norma? In teoria due cose:

  • che la nuova ISO 9001:2023 (o ISO 9001:2024) venga pubblicata intorno al 2023-2024 (la seconda data è più probabile, anche alla luce delle problematiche legate alla pandemia mondiale);
  • che non contenga modifiche sostanziali ma solamente un chiarimento mediante la riformulazione di alcuni requisiti

In ultimo, quello che sappiamo su un'ipotetica revisione della norma, è che si sta revisionando l'Annex SL e che il lavoro è quasi terminato. I cambiamenti dovrebbero essere minori ma, di sicuro, dovranno essere inclusi nel prossimo aggiornamento della ISO 9001.

La prossima data da tenere presente sarà a marzo, quando si terrà una riunione dell'ISO / TC 176 / SC 2 "Strategic Planning and Operations Task Group" (SPOTG) durante la quale verranno presentati i risultati del sondaggio, insieme ad altri input, tra i quali i "Future concepts in quality management" sui quali sta lavorando il TC176.
Solamente al termine dell'elaborazione di tutti questi input ci si aspetta una raccomandazione su quale azione intraprendere relativamente al futuro della ISO 9001. Questa raccomandazione dello SPOTG verrà, quindi, fatta votare dai membri dell'SC2 per il periodo di un mese e la votazione dovrebbe concludersi il 1 maggio.

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Seconda parte)