IL MIGLIORAMENTO PER GRANDI
INNOVAZIONI E IL MIGLIORAMENTO
CONTINUO

Staff di QualitiAmo

Kairyo o Kaizen? Due tipologie di miglioramento

kairyo

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La posizione di ricercatori ed esperti in materia di Qualità a proposito dell'opportunità dei due diversi approcci indicati nel titolo di questo nostro articolo sviluppati dalle organizzazioni per rispondere alla necessità di incrementare la propria capacità competitiva, è andata mutando nel tempo in linea con quello che è stato l'andamento dei risultati ottenuti dall'industria giapponese e da quella americana.

Negli anni '70 la maggiore potenza economica mondiale, gli Stati Uniti, viveva una profonda crisi economica e industriale dettata più che dalle particolari congiunture economiche e commerciali, da una vera e propria crisi di identità.
In particolare, i paradigmi industriali e produttivi, ossia i principi e le pratiche della produzione di massa di ispirazione fordista da una parte e il Controllo Qualità, che avevano permesso agli USA di dominare il mondo, improvvisamente diventarono non solo inadeguati ma addirittura un ostacolo sulla strada della competitività.

In quel momento gli USA si trovarono ad intrerpretare, nei confronti del Giappone, la scomoda parte di un novello dottor Frankeinstein costretto a subire, suo malgrado, la ribellione della sua creatura.
Come tutti i paradigmi che avevano costituito la spina dorsale dalla scuola manageriale statunitense, anche l'approccio al miglioramento basato sulla sola innovazione tecnologica (approccio di tipo "Kairyo", si identifica con interventi di tipo radicale, con un approccio "a foglio bianco" che mette in discussione l'esistente a partire dalle fondamenta) risultava essere ormai inadeguato sotto la spinta della capacità delle industrie giapponesi di fornire dei prodotti con un livello di difettosità non solo inferiore a quello dei corrispondenti prodotti made in USA, ma addirittura in costante calo durante l'intero ciclo di vita grazie all'impegno di tutti i livelli organizzativi.

In questo contesto culturale che si andava affermando, il miglioramento per innovazioni sembrava destinato a finire definitivamente in soffitta o, se fosse sopravvissuto, si intravedevano le condizioni non solo di una netta separazione, ma addirittura quelle di una notevole contrapposizione nei riguardi del miglioramento continuo.

Sono passati anni, la verghiana fiumana del progresso ha trascinato con sé tempo, uomini, aziende e credenze e gli studiosi sembrano aver assunto una nuova posizione sulla presunta contrapposizione tra questi due approcci arrivando a sostenere non solo la necessità di valutare l'opportunità di attuare uno o l'altro approccio in funzione delle particolari condizioni di mercato ma, addirittura, la loro complementarietà.

I risultati ottenuti dall'industria americana negli anni '90, soprattutto nel settore high-tech, hanno visto le azioni del miglioramento per grandi innovazioni recuperare terreno nei confronti di quelle del miglioramento continuo ("Kaizen", approccio che prevede che ogni attività vada continuamente valutata e migliorata in termini di tempo richiesto, risorse utilizzate, risultato qualitativo, ecc.).
Ci fu chi affermò, con ragione, che in mercati altamente turbolenti come quelli ad elevata intensità tecnologica, l'acquisizione di cospicui vantaggi competitivi possa venire solo attraverso l'innovazione e che il miglioramento continuo risulta essere fondamentale per il suo miglioramento.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Ecco avvenuta l'integrazione tra i due approcci: essere capaci di innovare quando l'esistente risulta essere inadeguato per l'incremento o anche solo per il mantenimento delle proprie quote di mercato, essere capaci di migliorare con continuità il nuovo per tenere ad opportuna distanza i concorrenti.

Ma esistono delle difficoltà sulla strada che porta alla complementarietà dei due approcci, dettate dal fatto che alcune aziende padroneggiano meglio uno dei due a causa della cultura che li caratterizza che porta, in fase di pianificazione, a destinare maggiori risorse all'innovazione piuttosto che al miglioramento continuo o viceversa.

E da voi su cosa ci si concentra maggiormente: sul Kairyo o sul Kaizen?

PER SAPERNE DI PIU':

Il Kaizen e il miglioramento continuo
Processi e miglioramento continuo
Migliorare i flowchart
Gli elementi del processo di miglioramento continuo
I principi del miglioramento
Kaizen, Cocomi e miglioramento continuo
I principi ispiratori del miglioramento continuo
Il miglioramento per grandi innovazioni e il miglioramento continuo
Philip B. Crosby: i 14 passi verso il miglioramento
Il diagramma di flusso del miglioramento
Leadership e miglioramento
Miglioramento continuo tramite i gruppi di lavoro
Il miglioramento
Il miglioramento (2)


cerca nel sito