LA GESTIONE DELLE REGISTRAZIONI

Staff di QualitiAmo

Impariamo cosa significa gestire le registrazioni

registrazioni qualita

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La gestione delle registrazioni della Qualità non è altro che un controllo sistematico di tutti questi documenti dalla loro la creazione (o dal loro ricevimento), attraverso la loro trasformazione, distribuzione, gestione, organizzazione e archiviazione.

Poiché le informazioni sono una risorsa importante per le organizzazioni (soprattutto per quelle che vogliono lavorare in Qualità), la gestione delle registrazioni include necessariamente anche la gestione più ampia delle informazioni. Pertanto, la gestione delle registrazioni potrebbe essere impostata anche nell'ottica di una più generica ed estesa gestione delle informazioni.

La nascita della gestione delle registrazioni

La gestione delle registrazioni non è nuova. La ritroviamo, ormai, da parecchi anni all'interno delle organizzazioni più avvedute tanto che si è trasformata in un vero e proprio requisito all'interno della ISO 9001: punto 4.2.4 della norma: tenuta sotto controllo delle registrazioni.

Addirittura è stato pubblicato uno standard apposito, la ISO 15489, suddiviso in due fascicoli:

  • ISO 15489 - Informazione e documentazione - Gestione dei documenti di archivio (record) - Principi generali
  • ISO 15489-2 - Informazione e documentazione - Gestione dei documenti di archivio (record) - Parte 2: Linee guida

che altro non è che uno standard per le politiche di gestione delle registrazioni e che ha come scopo quello di garantire un'attenzione adeguata all'argomento e la garanzia che la protezione dei dati si applichi a tutte le registrazioni.

Cosa significa "registrazione"?

Il termine "registrazione" ha un significato specifico all'interno di una generica gestione dei dati, in quanto definisce un'informazione memorizzata, indipendentemente dal supporto o dalle sue caratteristiche, che è la prova delle operazioni di un'organizzazione e che ha valore in quanto richiede il suo mantenimento per un periodo di tempo ben specificato.

Alcuni esperti hanno stimato che, di tutti i documenti creati da un'organizzazione, solamente il 10-15% può essere definito come "registrazione". Ogni organizzazione dovrebbe, quindi, stabilire come prima cosa quali documenti e quali informazioni (oltre a quelli specificati dalla ISO 9001 se si tratta di azienda certificata) debbano diventare delle registrazioni da gestire in un certo modo.

Impariamo a gestire le registrazioni

Le registrazioni possono appartenere a diversi ambiti perché possono essere lettere, promemoria, report, apparire su carta o su supporti ottici o digitali, essere visualizzabili su una Intranet aziendale, ecc. Un'organizzazione può riceverle attraverso la posta ordinaria, la posta elettronica, il fax, i corrieri, Internet, ecc.
Altre tipologie di registrazioni da considerare sono quelle orali che possono venire memorizzate su CD, DVD o le immagini che possono essere conservate tramite fotografie.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Di solito, le registrazioni vengono classificate in due gruppi:

  • in base al tipo di utilizzo
  • in base al luogo in cui vengono utilizzate

Sta, poi, a noi scegliere quella che giudichiamo la migliore per la nostra organizzazione.

Una classificazione in base all'utilizzo che si fa della registrazione comprende i documenti relativi alle transazioni (fatture, ordini, assegni, preventivi, dichiarazioni, contratti, documenti di spedizione, fogli di presenza, cataloghi, listini, ecc.) e tutti i documenti di riferimento che, invece, contengono tutte le informazioni necessarie per portare avanti le operazioni di un'azienda nel lungo periodo.

Un classificazione che si basi sul luogo di utilizzo comprenderà sia i documenti interni che i documenti esterni. Esempi classici di registrazioni di questo tipo sono quelle che contengono le informazioni necessarie per operare in un certo posto all'interno dell'organizzazione (registrazioni di magazzino, richieste di acquisto, ecc.)

PER SAPERNE DI PIU':

Le registrazioni della Qualità


cerca nel sito