LE COMPETENZE CHE DOVREBBE AVERE UN
MANAGER

Staff di QualitiAmo

Quali sono le competenze pił importanti per un manager? Scopriamole insieme!

manager

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Ogni manager ha caratteristiche peculiari che lo rendono adatto a ricoprire la posizione che occupa e a lavorare in un determinato ambiente ma ci sono competenze che dovrebbero essere facilmente riscontrabili in qualsiasi persona che faccia questo mestiere o aspiri a farlo.
Vediamo quali sono:

  • ascoltare tutti i clienti interni ed esterni e verificare con costanza che le loro aspettative vengano soddisfatte;
  • saper delegare in base alle competenze di ogni collaboratore, alle sue conoscenze, alle sue capacità e alla motivazione dimostrata nello svolgere il lavoro;
  • spiegare con chiarezza chi deve fare cosa e le ragioni. Fornire ad ognuno il necessario livello di autorità per poter svolgere in autonomia il lavoro che deve fare;
  • riuscire a far coincidere gli obiettivi dell'organizzazione con quelli individuali delle singole persone, sfruttando capacità, caratteristiche, competenze, interessi di ogni collaboratore;
  • prendere sempre spunto dalla realtà in cui si lavora per trovare occasioni per mettere alla prova le nuove conoscenze acquisite dai collaboratori;
  • saper creare un senso di appartenenza e di orgoglio professionale in ogni persona fornendo aspettative chiare, controllando che ognuno abbia le risorse necessarie per poter svolgere il lavoro, assicurando la formazione necessaria, ecc;
  • far crescere le persone aumentando il loro grado di responsabilità, mano a mano che fanno passi avanti nel loro percorso di formazione;
  • favorire una comunicazione dall'alto in basso ma anche dal basso verso l'alto;
  • stabilire un sistema per l'autovalutazione di ogni persona e di raccolta di feedback che porti i collaboratori a valutare con costanza il lavoro svolto e ad aggiustare eventuali cali di performance;
  • ricercare con costanza idee e suggerimenti da parte dei collaboratori e poi far partire dai migliori di essi nuovi progetti di sviluppo;
  • stabilire e mantenere nel tempo procedure atte al monitoraggio dei processi e dei risultati raggiunti;
  • istituire sistemi di misurazione e controllo che siano in linea con i risultati che si vogliono raggiungere;
  • costruire con i collaboratori un rapporto di fiducia;
  • saper raccogliere tutti i dati che servono per chiarire i fatti e trovare soluzioni;
  • saper identificare le vere cause di un problema;
  • prestarsi sempre a chiarire con i collaboratori eventuali preoccupazioni, problematiche e gestione delle emergenze;
  • riconoscere eventuali segnali premonitori di problematiche prima che queste insorgano;
  • saper trovare una soluzione immediata per riuscire a tamponare momentaneamente un problema e, nel frattempo, studiare quale soluzione risulta migliore per evitare che la problematica si ripeta nel lungo termine;
  • preparare in anticipo ogni incontro o riunione, spiegando il loro scopo, assicurandosi di preventivare il tempo necessario per discutere tutti i punti in oggetto, preparando, se necessario, le persone a sostenere durante gli incontri ruoli specifici come quello di facilitatore, moderatore, verbalizzatore, ecc. Assicurare che a tutti venga concesso il tempo necessario per parlare;
  • saper condurre al meglio una trattativa, in modo da prendere in considerazione le necessità di tutte le parti interessate;
  • sviluppare la capacità di comunicare verbalmente e in forma scritta con chiarezza, in modo logico, presentando le proprie idee in maniera concisa, organizzata e tale da essere compresa da tutti;

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

  • riconoscere ai collaboratori il merito di aver avuto buone idee o di aver svolto un buon lavoro;
  • aiutare a risolvere eventuali conflitti, esplorando i punti in comune tra le parti e identificando le differenze per poi supportare una risoluzione che vada bene per tutti o, comunque, per la maggioranza delle persone coinvolte;
  • comunicare sempre la propria visione delle cose e del futuro che ci si aspetta
PER SAPERNE DI PIU':

Le 5 competenze fondamentali per un manager