E' DAVVERO IMPOSSIBILE?

Staff di QualitiAmo

Impostare un intervento formativo per spiegare che (quasi) niente è impossibile se si sa come farlo

impossibile

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Una delle frasi che sentiamo spesso ripetere all'interno delle nostre organizzazioni è: "non è possibile!"
Cosa c'è di meglio, dunque, che insegnare alle persone che quasi niente è davvero impossibile se si sa come farlo?

Sfidate le persone che partecipano all'intervento formativo a bere da un bicchiere senza utilizzare una cannuccia o le mani e senza mettere il naso nel bicchiere.

Distribuire dei bicchieri di plastica, riempite ognuno di essi con un po' d'acqua, e date ai partecipanti il tempo necessario per prendere confidenza con l'esercizio.
Quando saranno abbastanza scoraggiati e vi diranno che non c'è modo di bere l'acqua seguendo le istruzioni che avete dato, mostrate questo semplice "trucco".

Appoggiate le labbra sul bordo del bicchiere, in modo che il naso stia al di fuori del recipiente. Adesso inclinate la testa in modo che l'acqua inizi a scorrere dal bicchiere alla bocca e il gioco è fatto! E non avete barato, avete rispettato tutte le regole!

A questo punto potrete spiegare alle persone che vi stanno seguendo che, ogni volta che si sentiranno scoraggiate davanti a qualcosa che sembra impossibile, basterà provare a cambiare la prospettiva dalla quale si sta esaminando il problema e forse si troverà la soluzione che, a volte, è semplice proprio come bere un bicchiere d'acqua!

Adesso che avete mostrato il senso della vostra sfida alle persone che partecipano a questa "lezione", provocatele nuovamente chiedendo loro di battervi in velocità nel bere tre bicchieri di aranciata.

Posizionate sul tavolo davanti a voi tre bicchieri pieni di aranciata e mettetene altrettanti davanti alla persona che vorrà sfidarvi.
In cosa consiste la sfida impossibile? Nel fatto che i vostri bicchieri saranno grandi mentre quelli del vostro avversario saranno molto piccoli! Chi potrebbe pensare di non riuscire a battervi?

L'unica regola che porrete sarà che non si possono toccare i bicchieri dei rispettivi concorrenti.
Tutto chiaro? Vedrete che saranno in molti a volervi sfidare perché convinti di vincere!

Pronti? Via!

Bevete il vostro primo bicchiere di aranciata e usate il bicchiere ormai vuoto per coprire l'ultimo bicchiere del vostro avversario.
Adesso, con estrema calma, bevete tutta la vostra aranciata fino all'ultimo bicchiere e godetevi la vittoria!
Non avete toccato i bicchieri dell'avversario ma gli avete impedito di bere senza barare.

L'impossibile diventa possibile con un po' di creatività e un po' di formazione che ci aiuti ad affrontare nel modo giusto il problema.
Sensibilizzare le persone su questa questione le aiuterà a fermarsi un attimo di più a riflettere se una cosa sia o meno davvero "impossibile" e a sforzarsi di trovare comunque una soluzione.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

La parte migliore di questa oretta di formazione sarà che i partecipanti avranno una voglia matta di riproporre questi trucchetti al di fuori della classe per provarli su amici e colleghi e che, in questo modo, condivideranno senza alcuno sforzo la loro formazione con gli altri in un momento piacevole di svago.

Una buona pubblicità per i futuri interventi formativi!

PER SAPERNE DI PIU':

Su QualitiAmo non sono presenti altri articoli su questo argomento