CLASSIFICARE I PROCESSI

In base a quali criteri possono essere classificati i processi?

Processo

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

I processi, a seconda del ruolo che ricoprono all’interno dell’organizzazione, possono essere classificati in diversi modi.

Prendendo come esempio la catena del valore di Porter, li possiamo dividere in:

1) PROCESSI PRIMARI (logistica in entrata, attività operative, logistica in uscita, marketing e vendite, servizi)
2) PROCESSI DI SUPPORTO (approvvigionamenti, sviluppo delle tecnologie, gestione delle risorse, attività infrastrutturali)

La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici di valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto a pagare per il prodotto che soddisfa pienamente i propri bisogni.
Il vantaggio competitivo dipende da un migliore svolgimento di attività ad alto potenziale in termini di valore rispetto ai concorrenti. Secondo Davenport, invece, i processi si possono dividere in:

1) PROCESSI OPERATIVI (sviluppo del prodotto, acquisizione clienti, identificazione prerequisiti clienti, produzione, logistiche integrate, gestione degli ordini, servizio post-vendita)
2) PROCESSI DI MANAGEMENT (monitoraggio delle performance, gestione delle informazioni, gestione patrimoniale, gestione risorse umane, pianificazione delle risorse)

Secondo Stalk e Hout si dividono, invece, in:

1) PROCESSI DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
2) PROCESSI COMPLEMENTARI

In linea generale, possiamo considerare questa tipologia di classificazione come la più comune, ultimamente:

1) PROCESSI OPERATIVI: sono quelli più legati al business dell’organizzazione e che riguardano direttamente la creazione dei prodotti o dei servizi. Esempi classici possono essere il processo di progettazione, il processo produttivo, il processo commerciale, ecc. Sono i processi che, più di altri, forniscono direttamente valore aggiunto al prodotto/servizio.
2) PROCESSI DI SUPPORTO: sono quelli che supportano i processi operativi presidiandoli in modo da renderli più efficaci e più efficienti. Questi processi sono quelli che vengono maggiormente destinati ad un discorso di outsourcing. Tra questi processi possiamo ricordare la gestione del sistema informativo, la formazione delle risorse umane, la gestione finanziaria, la manutenzione, l’approvvigionamento, ecc.
3) PROCESSI DI CONTROLLO (o strategici o gestionali): sono i processi che pilotano tutto il Sistema di Gestione della Qualità dettando la direzione verso la quale deve tendere. Sono processi solitamente portati avanti dai vertici dell’organizzazione. Tra questi ricordiamo: il riesame del Sistema di Gestione della Qualità, la definizione degli obiettivi dell’organizzazione, la misurazione dei risultati, l’elaborazione di strategie, la gestione del personale, ecc.

I PROCESSI PIU’ COMUNI

Vediamo ora quali sono i processi più comuni che ritroviamo all’interno delle organizzazioni:

1) Stabilire la politica aziendale e gli obiettivi strategici
2) Gestire le verifiche ispettive
3) Fare la revisione del Sistema di Gestione della Qualità
4) Gestire i documenti del Sistema Qualità
5) Gestire le registrazioni della qualità
6) Capire il mercato e conoscere i clienti determinandone i bisogni e le aspettative (fidelizzare il cliente)
7) Vendere
8) Gestire le comunicazioni con il cliente (attività di marketing, ecc)
9) Monitorare la soddisfazione del cliente
10) Gestire le comunicazioni interne
11) Pianificare
12) Progettare
13) Mantenere l’aggiornamento relativamente ai requisiti normativi, ai regolamenti e ai requisiti cogenti
14) Effettuare campionature
15) Effettuare ricerca e sviluppo
16) Approvvigionare (valutazione e selezione dei fornitori, gestione dei fornitori)
17) Ricevere e stoccare i prodotti, prelevare il materiale, imballarlo e spedirlo
18) Pianificare la produzione
19) Produrre
20) Controllare la produzione (controllo ambientale, controllo macchinari, controllo materiali, ispezioni, misurazioni)
21) Identificare i prodotti e tracciarli
22) Validare i processi
23) Gestire le non conformità
24) Gestire le azioni correttive/preventive
25) Monitorare e misurare i risultati
26) Effettuare la manutenzione e controllare le infrastrutture
27) Effettuare l’inventario
28) Fornire un servizio post-vendita
29) Gestire le risorse umane (gestire il personale, elaborare le politiche del personale, assicurare la soddisfazione dei collaboratori, gestire i reclami del personale relativamente al sistema di remunerazione, adempiere a tutte le richieste degli enti esterni preposti, gestire i dati personali dei dipendenti con la sicurezza necessaria, consolidare il clima aziendale)
30) Gestione la formazione (sviluppare il personale)
31) Gestire le risorse finanziarie (gestire le transazioni finanziarie, elaborare la reportistica informativa interna ed esterna, adempiere agli obblighi di legge)
32) Gestire l’information technology (pianificare la necessità di tecnologie informatiche, sviluppare un sistema di supporto ai processi dell’organizzazione, implementare tutti i sistemi di sicurezza e controllo necessari, facilitare la condivisione dei dati, il loro immagazzinaggio e la loro conservazione, gestire il back up dei dati)
33) Migliorarsi in maniera continua

PER SAPERNE DI PIU':

I processi e il Sistema di Gestione della Qualità
Cosa cambia con la gestione per processi<
Come classificare i processi
Definire un processo e rappresentarlo
La varianza
Processi e miglioramento continuo

La mappatura dei processi
La strategia è un processo di miglioramento continuo
L'efficacia dei processi
Descrivere i processi che non si conoscono
Un percorso per scegliere i processi da migliorare
Un percorso per scegliere i processi da migliorare - 2
L'approccio bottom up
Gli aforismi sui processi


cerca nel sito