Indice del forum Il forum sulla Qualità di QualitiAmo
Torna all'homepage di QualitiAmo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

6.1 Azioni per affrontare rischi ed opportunità
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La nuova ISO 9001:2015 e versioni precedenti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8616

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 9:43 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, riprendo questo vecchio topic per una domanda secca: l'analisi dei rischi deve comunque essere presentata in forma scritta o la direzione può parlarne a voce durante l'audit?
_________________
Il pessimista è ottimista con esperienza
Top
Profilo Invia messaggio privato
chester
Apprendista forumista


Registrato: 22/01/13 13:58
Messaggi: 83
Residenza: a cavallo del confine italo-svizzero

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 10:43 am    Oggetto: Rispondi citando

Durante l'audit di certificazione 9001 / 14001 / 18001 a noi è stata richiesta in forma scritta (SWOT e PFMEA)
[ma non so quanto faccia testo una certificazione di un Ente svizzero vs. quelli che "frequentate" voi ] Cool
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo
QualitiAmo - Stefania
Moderatore


Registrato: 16/09/07 17:37
Messaggi: 23740

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 10:50 am    Oggetto: Rispondi citando

KK ha scritto:
Ciao, riprendo questo vecchio topic per una domanda secca: l'analisi dei rischi deve comunque essere presentata in forma scritta o la direzione può parlarne a voce durante l'audit?


L'analisi può essere orale ma i risultati ottenuti da essa devono essere scritti. Altrimenti che riferimenti hai, qualsiasi cosa succeda?
_________________
Stefania - Staff di QualitiAmo

ISO 9001:2015 - SI AGGIUNGE ALLA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO IL NUOVO TESTO CHE SVELA I SEGRETI DELLA FUTURA NORMA



IL PRIMO LIBRO NATO SULLE PAGINE DI QUALITIAMO



HAI DATO UN'OCCHIATA AL REGOLAMENTO DEL FORUM PRIMA DI SCRIVERE IL TUO MESSAGGIO?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ian
Nuova recluta del forum


Registrato: 25/06/15 09:34
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 11:37 am    Oggetto: Rispondi citando

chester ha scritto:
Durante l'audit di certificazione 9001 / 14001 / 18001 a noi è stata richiesta in forma scritta (SWOT e PFMEA)
[ma non so quanto faccia testo una certificazione di un Ente svizzero vs. quelli che "frequentate" voi ] Cool

L'unica cosa che fa testo credo che siano le norme e i rispettivi contenuti, al di là di quello che per la propria nazionalità l'ente o l'auditor chiede o magari preferirebbe vedere per sua forma mentis (per essere buoni), anche perché una eventuale non conformità va scritta solo su quella base Cool
_________________
Davide
Top
Profilo Invia messaggio privato
QualitiAmo - Stefania
Moderatore


Registrato: 16/09/07 17:37
Messaggi: 23740

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 11:42 am    Oggetto: Rispondi citando

ian ha scritto:
L'unica cosa che fa testo credo che siano le norme e i rispettivi contenuti, al di là di quello che per la propria nazionalità l'ente o l'auditor chiede o magari preferirebbe vedere per sua forma mentis (per essere buoni), anche perché una eventuale non conformità va scritta solo su quella base Cool


Davide, tu hai ragione da vendere ma io farei un ragionamento diverso.
Ancora prima di vedere se la norma chieda o meno qualcosa, perché non proviamo a ragionare se A NOI serva avere un'analisi dei rischi scritta oppure no?
Stabilito questo, cerchiamo di capire cosa chiede la norma (nello specifico, non richiede apertamente un'analisi dei rischi scritta).

La qualità, prima di tutto, deve servire A NOI.
_________________
Stefania - Staff di QualitiAmo

ISO 9001:2015 - SI AGGIUNGE ALLA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO IL NUOVO TESTO CHE SVELA I SEGRETI DELLA FUTURA NORMA



IL PRIMO LIBRO NATO SULLE PAGINE DI QUALITIAMO



HAI DATO UN'OCCHIATA AL REGOLAMENTO DEL FORUM PRIMA DI SCRIVERE IL TUO MESSAGGIO?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ian
Nuova recluta del forum


Registrato: 25/06/15 09:34
Messaggi: 12

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 12:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

QualitiAmo - Stefania ha scritto:
ian ha scritto:
L'unica cosa che fa testo credo che siano le norme e i rispettivi contenuti, al di là di quello che per la propria nazionalità l'ente o l'auditor chiede o magari preferirebbe vedere per sua forma mentis (per essere buoni), anche perché una eventuale non conformità va scritta solo su quella base Cool


Davide, tu hai ragione da vendere ma io farei un ragionamento diverso.
Ancora prima di vedere se la norma chieda o meno qualcosa, perché non proviamo a ragionare se A NOI serva avere un'analisi dei rischi scritta oppure no?
Stabilito questo, cerchiamo di capire cosa chiede la norma (nello specifico, non richiede apertamente un'analisi dei rischi scritta).

La qualità, prima di tutto, deve servire A NOI.


Per quanto può valere rientro in un sottoinsieme che mi impone l'utilizzo di tutte quelle belle cosine (PFMEA, SWOT, BIA, ...) non solo a fini di certificazione (ma anche per quello), e personalmente documento quasi tutto.
Attenzione però, era un discorso generale per sottolineare cosa l'ente di certificazione deve attestare in qualunque parte del mondo operi. Se un'azienda ritiene di governare i propri rischi con un'analisi non documentata da cui scaturiscono due righe del riesame della Direzione penso sia abbastanza libera di farlo in base a ciò che sta scritto sulla ISO 9001, il che poi non significa che sia un approccio utile o condivisibile.
_________________
Davide
Top
Profilo Invia messaggio privato
MikiMarru
Come da manuale


Registrato: 21/11/07 21:34
Messaggi: 761
Residenza: Brescia

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 1:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

chester ha scritto:
Durante l'audit di certificazione 9001 / 14001 / 18001 a noi è stata richiesta in forma scritta (SWOT e PFMEA)
[ma non so quanto faccia testo una certificazione di un Ente svizzero vs. quelli che "frequentate" voi ] Cool


Ciao, sei riuscito ad utilizzare la fmea per le opportunità?

PS
Se l'ente svizzero è quello che penso io non mi stupisco....
_________________
Credo fermamente nel detto: "Non ti do il pesce, ma la canna da pesca, e ti insegno a usarla, perché tu possa pescare da solo". E' possibile che la mia risposta sia da intendere in tal senso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
chester
Apprendista forumista


Registrato: 22/01/13 13:58
Messaggi: 83
Residenza: a cavallo del confine italo-svizzero

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 5:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao,
abbiamo usato la fmea per quei processi che attraversano (più o meno) tutto il percorso aziendale (ad esempio la tracciabilità dei materiali dall'ingresso all'uscita) e lo SWOT per le analisi dei dipartimenti, considerando SW interni ai reparti e OT in ingresso / uscita sia verso l'interno dell'organizzazione che verso l'esterno.

(sono stato abbastanza fumoso?)

Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo
MikiMarru
Come da manuale


Registrato: 21/11/07 21:34
Messaggi: 761
Residenza: Brescia

MessaggioInviato: Mer Nov 29, 2017 6:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

No, ho capito Smile
_________________
Credo fermamente nel detto: "Non ti do il pesce, ma la canna da pesca, e ti insegno a usarla, perché tu possa pescare da solo". E' possibile che la mia risposta sia da intendere in tal senso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3512
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Gio Nov 30, 2017 9:14 am    Oggetto: Rispondi citando

QualitiAmo - Stefania ha scritto:
KK ha scritto:
Ciao, riprendo questo vecchio topic per una domanda secca: l'analisi dei rischi deve comunque essere presentata in forma scritta o la direzione può parlarne a voce durante l'audit?


L'analisi può essere orale ma i risultati ottenuti da essa devono essere scritti. Altrimenti che riferimenti hai, qualsiasi cosa succeda?


KK, eccomi Wink ... Perché scritto? Registra un file audio della discussione o videoregistra la discussione!

Io verifico (in audit) poi se date seguito alle decisioni, se affrontate i rischi, se affrontate le opportunità, come scrive il capitolo 6.1 :
Nel pianificare il sistema di gestione per la qualità, l'organizzazione deve considerare i fattori di cui al punto 4.1 e i requisiti di cui al punto 4.2 e determinare i rischi e le opportunità che è necessario affrontare (...)

Il problema per molti nasce al 6.1.2:
L'organizzazione deve pianificare:
a) le azioni per affrontare questi rischi e opportunità;
b) le modalità per:
1) integrare e attuare le azioni nei processi del proprio sistema di gestione per la qualità
2) valutare l'efficacia di tali azioni.


Casca l'asino quando chiedo: come hai valutato l'efficacia?
Qui il comitato tecnico pensava una cosa e noi qualitini pensiamo un'altra cosa...
Pianificare, implementare, verificare le azioni e sopratutto la loro efficacia è facile da scrivere, ma a volte costa troppo da applicare...
Buon senso e niente grattacieli di carta e sei a cavallo.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
QualitiAmo - Stefania
Moderatore


Registrato: 16/09/07 17:37
Messaggi: 23740

MessaggioInviato: Gio Nov 30, 2017 9:36 am    Oggetto: Rispondi citando

dario ha scritto:
Perché scritto? Registra un file audio della discussione o videoregistra la discussione!


Grazie, dario, per aver ricordato che, oltre allo scritto, ci sono altre possibilità.
Il concetto è che bisogna avere qualcosa su cui poter ragionare anche a distanza di tempo e una discussione orale non lo è perché non lascia traccia se non nella nostra memoria.
Per qualcuno lo scritto sarà il sistema migliore perché permette di riassumere i punti principali del ragionamento, di evidenziarli e ritrovarli in poco tempo senza doversi riascoltare o rivedere un'intera discussione ma se siete concisi e veloci nei ragionamenti anche una registrazione audio o video potrebbe funzionare. Perché no? Smile
_________________
Stefania - Staff di QualitiAmo

ISO 9001:2015 - SI AGGIUNGE ALLA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO IL NUOVO TESTO CHE SVELA I SEGRETI DELLA FUTURA NORMA



IL PRIMO LIBRO NATO SULLE PAGINE DI QUALITIAMO



HAI DATO UN'OCCHIATA AL REGOLAMENTO DEL FORUM PRIMA DI SCRIVERE IL TUO MESSAGGIO?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
fulvio.forestello
Apprendista forumista


Registrato: 19/01/17 11:30
Messaggi: 49
Residenza: Bagnolo Piemonte

MessaggioInviato: Gio Nov 30, 2017 10:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Guerra ha scritto:

Io ho pensato ad un file excel dove creo una tabella con i campi necessari (elenco fattori est/int, processi itneressati, parti iteressate, descrizioni effetti, classificazione, Rischio/opportunità, azione intrapresa, pianificazione, riesame efficacia azione, etc...).
Questo per avere un documento dinamico e non uno statico come può essere una procedura.


Il tuo documento di analisi risponde al requisito in maniera esaustiva: le indicazioni da tenere in considerazione sono quelle del settore in cui si opera, nel senso che l'azienda per l'analisi dei rischi dovrebbe utilizzare gli strumenti che già gli appartengono (es nell'automotive usare l'FMEA, nel food l'HACCP, ecc..). In aiuto viene comunque la UNI ISO 31000.
Il discorso traduzione in italiano è vecchio quanto la norma stessa: dal 87 non siamo stati in grado di tradurre correttamente Review e usiamo quella schifezza che si chiama Riesame, che ha un significato totalmente diverso nella nostra lingua.
Purtroppo lo schema che usiamo noi è quello Accredia e quindi ci teniamo la norma in italiano.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Slender Man
M.A.S.P.


Registrato: 20/04/12 13:28
Messaggi: 2495

MessaggioInviato: Gio Nov 30, 2017 12:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

dario ha scritto:
QualitiAmo - Stefania ha scritto:
KK ha scritto:
Ciao, riprendo questo vecchio topic per una domanda secca: l'analisi dei rischi deve comunque essere presentata in forma scritta o la direzione può parlarne a voce durante l'audit?


L'analisi può essere orale ma i risultati ottenuti da essa devono essere scritti. Altrimenti che riferimenti hai, qualsiasi cosa succeda?


KK, eccomi Wink ... Perché scritto? Registra un file audio della discussione o videoregistra la discussione!

Io verifico (in audit) poi se date seguito alle decisioni, se affrontate i rischi, se affrontate le opportunità, come scrive il capitolo 6.1 :
Nel pianificare il sistema di gestione per la qualità, l'organizzazione deve considerare i fattori di cui al punto 4.1 e i requisiti di cui al punto 4.2 e determinare i rischi e le opportunità che è necessario affrontare (...)

Il problema per molti nasce al 6.1.2:
L'organizzazione deve pianificare:
a) le azioni per affrontare questi rischi e opportunità;
b) le modalità per:
1) integrare e attuare le azioni nei processi del proprio sistema di gestione per la qualità
2) valutare l'efficacia di tali azioni.


Casca l'asino quando chiedo: come hai valutato l'efficacia?
Qui il comitato tecnico pensava una cosa e noi qualitini pensiamo un'altra cosa...
Pianificare, implementare, verificare le azioni e sopratutto la loro efficacia è facile da scrivere, ma a volte costa troppo da applicare...
Buon senso e niente grattacieli di carta e sei a cavallo.


Il limite della discussione all'italiana è che rischia di finire senza azioni e responsabilità.

In passato mi son trovato bene ricapitolando alla lavagna i punti salienti durante e alla fine della discussione, evidenziando appunto COSA e CHI e COME. Poi foto alla lavagna, e agli atti ci va solo quella (o, come magistralmente suggerito, quella + la registrazione della riunione stessa)
_________________
"It's my way, or the highway." (James Dalton, Esq.)
"Manly hearts to guard the fair" (Job Description)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Guerra
Forumista classe "oro"


Registrato: 27/09/13 07:38
Messaggi: 5661

MessaggioInviato: Dom Dic 17, 2017 6:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ci sono dei documenti tra questi l'analisi dei rischi che a mio parere devono essere tangibili; questo ovviamente prima di tutto perchè utile e poi perchè richiesto da qualche norma.
Dipende sempre dall'importanza del documento.
In questo caso credo il documento possa essere definito utile all'azienda nella misura in cui questo viene periodicamente consultato ed aggiornato.
"Verba volant sccripta manent".
Le registrazioni possono essere utili, ma difficilmente consultabili.
Una tabella semplice rende immediata la consultazione.
Un documento scritto aiuta l'auditor a capire e poi verificare (il "poi" in senso secondario di importanza) la bontà di quanto fatto dall'azienda.
Non sempre gli auditor possono essere esperti di quel particolare settore ed un documento cartaceo da consultare con mano è per loro molto utile.
_________________
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3512
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Lun Dic 18, 2017 7:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ma allora perché la 9001 2015 ha modificato "documenti" in "informazioni documentate"? Ma allora la tecnologia serve solo a amplificare il "gap tecnologico"?
Mii sono matusa, obsoleto, ma qui siamo nelle caverne...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La nuova ISO 9001:2015 e versioni precedenti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it