Indice del forum Il forum sulla Qualità di QualitiAmo
Torna all'homepage di QualitiAmo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Info su nuova revisione ISO 17025
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Norme, leggi, cogenze, linee guida, notizie e aggiornamenti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 7:39 am    Oggetto: Info su nuova revisione ISO 17025 Rispondi citando

Ciao a tutti,
sapere darmi un'indicazione su quando potrebbe essere il periodo buono per l'uscita della nuova 17025?
Magari anche quali possano essere le novità più importanti se le sapete...

Grazie mille
Top
Profilo Invia messaggio privato
QualitiAmo - Alberto
Moderatore


Registrato: 10/11/09 10:26
Messaggi: 4551

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 8:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Secondo il sito dell'ISO dovrebbe essere pubblicata il 31 maggio 2017.
Per quanto riguarda le modifiche, in rete trovi un po' di cose. Ad esempio, puoi leggere questa pagina ma ce ne sono altre.
_________________
Alberto - Staff di QualitiAmo

ISO 9001:2015 - SI AGGIUNGE ALLA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO IL NUOVO TESTO CHE SVELA I SEGRETI DELLA FUTURA NORMA



IL PRIMO LIBRO NATO SULLE PAGINE DI QUALITIAMO



Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 9:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Ho avuto due audit 17025 recentissimamente e l'auditor ha semplicemente affermato che l'unica differenza per ora la fa l'altezza dell'asticella...
In un audit richieste mai viste prima (quasi da accanimento) e nell'altro forte attenzione al tema dell'incertezza di misura.
Ma di cambiamenti prospettati, nulla.
Non che ce ne sia bisogno. Anzi!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Paoloruffatti
Yoda


Registrato: 26/07/08 10:05
Messaggi: 4046
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 10:41 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Dario,
la tua chiusura che cito:
Citazione:
Non che ce ne sia bisogno. Anzi!

mi sa che ha centrato il gravissimo problema che secondo me nelle stanze del potere legislativo (tecniche) per poter lavorare ne inventano una al giorno....poi arrivano i brontosauri degli enti nazionali che tendono a ripristinare il tutto.
E si va avanti così all'infinito... pare proprio che si siano dimenticati che esiste l'azienda che lavora e che fatica (se la sono dimenticata come nel "Castello" di Kafka [con il povero neoassunto "agrimensore" che gira col la lettera di assunzione in mano per capire dove deve andare] la ragione per cui sono li "a menare e carte in mesà" come fa dire Goldoni ad un suo personaggio (girare le carte nell'ammezzato: a questo piano intermedio a Venezia nelle procuratie vecchie di piazza San Marco, soprattutto, c'erano gli uffici di coloro che gestivano i noli delle navi che andavano a prendere le spezie in esteremo oriente (circumnavigando ovviamente l'Africa).

Allora purtroppo si perdeva qualche nave: oggi no!

So che quandoi uscirà la nuova 17025 del 2016 saranno cavoli amari per te, ...ma dai coraggio!, ......siamo nati per soffrire!
Ciao e stammi bene!
Paolo


PS: a proposito di Goldoni, durante il periodo di guerra con l' Autarchia proclamata da Mussolini ti davano una tessera per acquistare il pane "nero" che Mussolini, con apposita legge non ancora abrogata, aveva concesso ai Fornai di fare il pane contenente il 20% di segatura di legno e gesso....tanto da renderlo immangiabile e indigeribile.
Così una mattina apparve legata al collo del monumento a Goldoni (di bronzo!) una pagnotta con l'immancabile strofetta dettata dal popolo su un cartello che diceva
"...e disi ti, Goldoni mio, che ti ga el stomego de fero se te pol digerir 'sto pan de l'Impero!"
grandissima vero?
ciao
_________________
Ing. Paolo Ruffatti
Consulente di Organizzazione Aziendale... ora in pensione
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 12:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie a tutti per gli interventi!

Io mi sto occupando con priorità 1 dell'accreditamento del laboratorio di taratura della mia azienda.
Tenuto conto che la deadline è "prima è, meglio è", siete anche voi concordi che non vale la pena di aspettare di capire cosa cambierà e procedere immediatamente con le attività di preparazione del sistema per accreditarsi con la normativa attuale?

Grazie ancora per tutto l'aiuto
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Lun Ott 10, 2016 1:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Giusto, non aspettare, che tanto se il tipo che ti manda l'organismo di accreditamento è in gamba, capisce subito se il labo funziona o se è fatto di cartaccia.
Se lavorate bene, come sempre, uscite in piedi con le solite 4...6...7 NC (meno non ne fanno altrimenti poi le statistiche si guastano)... Oltre, o è un auditor junior che deve farsi notare o "cazziare" (se esagera) o davvero nulla da salvare.

Fare il SGQ di un laboratorio è mettere su informazione documentata che c'è sapere (competenze) e che la metrologia è in quel sapere. Tutto il resto è 9001 fatto bene...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Mar Ott 11, 2016 7:21 am    Oggetto: Rispondi citando

Sono così punitivi in sede di audit?
Tieni conto che con la 9001 la mia attuale azienda non prende nc da 3 anni
Solo osservazioni e spunti di miglioramento.
L'azienda da cui arrivavo invece a giugno ha servito sul piatto 8 nc di cui 3 gravi e con l'audit ho fatto amicizia e mi ha detto che è stato leggero, altrimenti avrebbe dovuto far chiudere. Mad
Top
Profilo Invia messaggio privato
Slender Man
M.A.S.P.


Registrato: 20/04/12 13:28
Messaggi: 2473

MessaggioInviato: Mar Ott 11, 2016 3:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Nella foto, l'auditor dal cuore d'oro.


_________________
"It's my way, or the highway." (James Dalton, Esq.)
"Manly hearts to guard the fair" (Job Description)
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Mer Ott 12, 2016 7:01 am    Oggetto: Rispondi citando

KK ha scritto:
Sono così punitivi in sede di audit?
Tieni conto che con la 9001 la mia attuale azienda non prende nc da 3 anni
Solo osservazioni e spunti di miglioramento.
L'azienda da cui arrivavo invece a giugno ha servito sul piatto 8 nc di cui 3 gravi e con l'audit ho fatto amicizia e mi ha detto che è stato leggero, altrimenti avrebbe dovuto far chiudere. Mad


Non sono punitivi. Sono formalisti.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Gio Ott 13, 2016 12:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Se volessi prevedere il mio Sistema Qualità ISO17025 con una struttura di questo tipo:
- Manuale
- Procedure Gestionali
- Procedure Tecniche
- istruzioni operative
- moduli

Accredia che tu sappia vuole comunque l'ultima revisione di tutti i documenti oppure è sufficiente consegnare i primi tre livelli?
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Gio Ott 13, 2016 5:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, La struttura che proponi è OK.
Devi sempre fornire documenti aggiornati.
Se hai una PT (procedura tecnica) revisionata nel 2016 evidentemente la devi fornire in rev.16 ma se una PT ha revisione ultima 2013, mica devi modifcarla... per cosa?
Parti sempre dal principio che accreditamento significa dimostrazione formale di competenza organizzativa, manageriale e tecnica! Sei tu che devi sapere perché lo stato delle tue procedure è quello attuale.

Io preparo l'accreditamento partendo dalla lista di controllo 17025... attenzione a utilizzare l'ultima rev. 2015 !!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Gio Ott 13, 2016 6:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

No, forse ho posto la domanda in maniera errata e non ti ho dato tutti gli elementi...
Parto con alcuni presupposti:

- il laboratorio che sto cominciando a seguire attualmente è parte di un'azienda certificata 9001 ma non è mai stato accreditato.

- hanno fatto un tentativo di mettere in piedi una bozza di sistema qualità 17025 mutuando il sistema da un altro centro accreditato all'estero (loro amico e di cui si avvalgono spesso), nella speranza che i sistemi potessero combaciare. Poi hanno contattato un consulente accredia (o che conosce bene accredita) per capire se stessero lavorando bene ma il consulente li ha bocciati su tutta la linea.

- A questo punto hanno cercato una figura competente in materia qualità (me) che riscrivesse da zero il sistema, quindi parto dal foglio bianco.

Qui si inserisce la discussione che ti ho fatto prima, con la struttura che avevo in mente.
Ora cerco di declinarti meglio la domanda.
Dando per assodata assodata la struttura di cui sopra, pensavo di allegare al manuale qualità 17025 un elenco delle procedure, in modo da poterlo gestire con una revisione a parte e quindi più snella.

a) Se i moduli sono richiamati nelle istruzioni e le istruzioni sono richiamate nelle procedure, nel mio manuale posso mettere l'elenco aggiornato (con revisione e data) delle sole procedure oppure devo elencare anche le istruzioni e i moduli se no storcono il naso?

b) Ad accredia, per la domanda di accreditamento, dovrò consegnare anche istruzioni e moduli anche se non sono richiamati nel manuale?

c) alcuni processi gestionali o attività gestionali potrebbero essere in condivisione con quelli 9001, nel caso devo consegnare anche le procedure 9001 e tenerle sotto controllo consegnando ad accredia ogni nuova revisione? Anche se non riguardano requisiti specifici 17025?

Ora credo di aver posto meglio le mie domande
Smile

Grazie mille per tutto l'aiuto! Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Ven Ott 14, 2016 7:52 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao king, scusa se sono cattivo...
Se non hai già costruito un paio di sistemi 17025 farai una faticaccia.
La norma è chiara, ma applicarla è dura.
Devi davvero partire dal concetto che regge l'accreditamento.

Competenza. Costruirla non è esercizio da qualche mesetto...

La domanda era chiara. Il problema non sta nella struttura del giocattolo, ma nel contenuto.
La gestione documentale è davvero il meno del problema.
I miei manuali 17025 sono di 20...25 pagine. richiamo una matrice dei documenti e lì gestisco i documenti con il loro ciclo di vita.
Se non mi dimostri lo stato di aggiornamento di tutti i documenti del sistema sei in NC.
Ma davvero questo è un giochino.
Il problema arriva quando mi devi dimostrare le competenze degli operatori, dimostrare che sono abilitati per eseguire le prove, che sanno cosa è la metrologia, che sono capaci di discutere l'incertezza di misura, che ci sia sempre la tracciabilità verso i primari, che misuri conformemente a norme e che tieni conto di tutte le cogenze.
L'auditor Accredia ha il sesto e settimo senso e capisce subito se il concetto di competenza è diffuso o se è un termine astratto...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 13:36
Messaggi: 8567

MessaggioInviato: Lun Ott 17, 2016 7:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Anche qui temo di averti dato pochi dettagli sul caso specifico.
Se mi permetti ti fornisco qualche ulteriore informazione, così magari ragioniamo meglio sulla cosa e mi metti in guardia sui pericoli.

Dunque, la mia azienda costruisce da anni macchine prova-molle: dinamometri, torsiometri e cose di questo tipo.
E' una piccola azienda a conduzione familiare e fatto tutto loro in casa: meccaniche, parti elettriche, software, tutto.
Inoltre da sempre fanno assistenza manutenzione e taratura.
Quindi da svariati anni hanno tecnici che eseguono tarature pur se non accreditate.
Il laboratorio di taratura, in quanto tale, esiste da 25 anni.
Solo nell'ultimo periodo qualche cliente ha chiesto espressamente di avere la taratura accreditata, con bollino accredia.
Pertanto sono stati avviati i primi passi in questa direzione.
La struttura è la seguente:
- una Direzione di laboratorio che corrisponde al titolare, persona capace e competente da una vita in questo campo.
- responsabile di laboratorio, ragazo tecnicamente preparatissimo, già autonomo nell'eseguire anche in sede dal cliente e con la competenza necessaria.
- un responsabile qualità (io) che sto scrivendo da zero il sistema qualità.
- due tecnici, i più esperti in azienda, già a conoscenza dei primi rudimenti della normativa ma ancora da formare completamente a livello di prescrizioni

Io credo che potremmo sì avere dei problemi di competenza "formale" ma da un punto di vista tecnico non siamo indietro, perchè i ragazzi che dovranno fare le tarature fanno lo stesso mestiere da almeno 10 anni.
Detto questo, arrivo io che sto costruendo il sistema proprio dall'inizio ed è per questo che ti faccio queste domande, che sembrano avulse rispetto ai requisiti normativi, ma che in fondo non lo sono, perchè mentre il responsabile di laboratorio si sta occupando dei tecnici e degli strumenti, io mi sto occupando della parte di sistema.

Che dici, è cambiato il tuo giudizio ora?
Top
Profilo Invia messaggio privato
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 15:30
Messaggi: 3507
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Lun Ott 17, 2016 10:07 am    Oggetto: Rispondi citando

Altro che che è cambiato.
Sincero come sempre.
Un annetto...
Per accreditare da zero almeno un annetto.
Dimostrami (documentato) che il titolare ha le competenze e almeno un sostituto con le competenze. Chi valida (sapendo spiegare la rava e la fava anche sul calcolo dell'incertezza di misura) un rapporto di misura se il titolare è assente per tre mesi?
Dimostrami che avete un'esperienza di gestione documentata della formazione, abilitazione expertise del personale.
dimostrami che la metrologia è gestita con tarature, calibrazioni, tracciabilità ecc.
Dimostrami gli audit interni che avete fatto.
Scrivere tutto il sistema non è lungo.
scrivere, testare, approvare le procedure tecniche non è cortissimo.
Dimostrare agli esperti tecnici come avete sviluppato il calcolo dell'incertezza di misura mi fa già allungare un pochino i tempi...
Siete fortissimi tecnicamente, ma metrologicamente potrebbe darsi che abbisogni di ancora un po' di esperienza e formazione o?
I CV dimostrano la competenza tecnica?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Norme, leggi, cogenze, linee guida, notizie e aggiornamenti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it