Indice del forum Il forum sulla Qualità di QualitiAmo
Torna all'homepage di QualitiAmo
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Individuazione dei processi aziendali
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La nuova ISO 9001:2015 e versioni precedenti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
dario
Enigmatico sorridente


Registrato: 27/11/07 16:30
Messaggi: 3455
Residenza: Banco - Bedigliora

MessaggioInviato: Mar Apr 04, 2017 6:48 am    Oggetto: Rispondi citando

Elena Greco 13 ha scritto:
Parlare di processi principali (quelli del campo di applicazione) e processi di supporto e/o gestionali, ha senso per voi?


In genere in tutti i corsi di economia aziendale classici si classificano i processi in:
- strategici
- principali (o di core business)
- sostegno o supporto o amministrativi

Come spiega Paolo, è dal 2000 che si è iniziato a mappare i processi nei sistemi di gestione. Ormai tutti i certificatori, auditor, assessor sono abituati a vedere mappature di tutti i tipi.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Paoloruffatti
Yoda


Registrato: 26/07/08 11:05
Messaggi: 3960
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Mag 05, 2017 7:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sono stato redarguito per aver sostenuto che quello su cui voi tutti dissertate ben da 8 anni fa (era il 2009) era una chiavica ancora pensata"per funzioni" (per parlare chiaro essere precisi).

Io modestamente cercavo (come ho fatto allora) di far capire la necessità di una nuova attività poco nota in Italia, specie nelle PMI diventate dei veri e propri covi di Guelfi, che si sarebbero fatti tagliare la testa pur di NON abbandonare un loro modo di lavorare caotico attuale (da gastrite assicurata) che consiste nel sostituirsi al proprietario [chiamarlo imprenditore sarebbbe troppo!] nella gestione complessiva dell'azienda, prendendo decisioni che nella loro povera ignoranza sarebbero "giuste", come quella che quotidianamente prendono il "capi produzione" nel "finire la barra o il nastro per la prossima fornitura di cui si aspettano la richiesta dal Cliente (immancabilissilma per loro esperienza: fin che gli va a bene gli va bene)

Intanto la loro costituisce una riserva di pezzi, da galera per la Guardia di Finanza [magazzino non gestito, ma buttato li tra i pezzi con n° di commessa, di "pezzi fantasma"] ...... che dal punto di vista di gestione "organizzativa" crea un sacco di ritardi ][fatti di "cinque minuti" ciascuno (dicono loro), sparsi dovunque.

Poi, qualcuno di voi, scopre la necessità tra i processi di supporto che ci sia la Manutenzione (senza che me ne voglia chi l'ha inventato).

Io rincaro la dose per dire che il Responsabile della Manutenzione deve essere legato con doppio filo a quello della Programmazione, perchè quest'ultimo deve sapere (PER PRIMO) che la macchina xy è rotta e che ritornerà disponibile (per la ripresa dei processi produttivi in cui essa compare) entro il .....al pomeriggio!...in modo che i Process Owner interessati siano adeguatamente informati [badate bene NON c'è più il Capo Reparto o capo officina...il Guelfo per intenderci] per poter raccontare in tempo al Cliente, che aspetta i pezzi. ...che ci sarà un ritardo causa funerale della zia o altra balla invereconda, ma credibilissima].

In questo modo, ripeto, si è sicuri di aver tolto un sacco di ritardi (e casini) dovuti ai passaggi tra funzioni, non coordinate.

Ciò è frutto della mia vecchia esperienza e chi mi ha redarguito dice che questa è una sola esperienza personalissima e che ce ne sono ben altre.
Per favore ditemele, perchè non le conosco, come nel caso di chi ha in catalogo 20.000 codici di produzione (come ricordavo nel mio post sorpa riportato) e quindi secondo qualche Solone è necessario avere una mappatura di TUTTI e 20.000 i codici prodotto. BISOGNA RAPPRESENTARLI TUTTI, come in effetti vuole la miope norma nuova!.

PS: a rinforzo di quanto sopra devo dirvi di aver visto un'azienda (complessa perchè multinazionale, presente in diversi stati del mondo, ognuno co le proprie regole!) di qualcuno di voi che mi ha contattato privatamente in cui una proprietà ha gettato la spugna dopo aver fatto fronte, con ulteriori carte, nel disastroso tentativo di produrre una sorta di coordinamento tra le suddette mappature, in cui aveva naufragato invano per mesi, ed aveva assunto uno di voi per venirne a capo!

(I Cirenei non finiscono MAI di esistere!)

Io ho risolto il problema con pochi tipi di processi princilali (due o tre) ed i soliti 4-5 processi di supporto (già tutti esistenti, basta aggiungerci i due capitolertti sugli gli indicatori in chiaro e l'analisi del rischio imprenditoriale (non "da prodotto" ovviamente) che è tuttt'ora mancante da tutte le vecchie procedure che la 2008 aveva considerato degne da scriverci delle "procedure documtate"
[e che oggi giustamente relega tra i supporto del cap 7]

Ciao ....aspetto!
Paolo
_________________
Ing. Paolo Ruffatti
Consulente di Organizzazione Aziendale... ora in pensione


L'ultima modifica di Paoloruffatti il Ven Mag 05, 2017 7:57 pm, modificato 3 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Paoloruffatti
Yoda


Registrato: 26/07/08 11:05
Messaggi: 3960
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Mag 05, 2017 7:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

dario ha scritto:
Elena Greco 13 ha scritto:
Parlare di processi principali (quelli del campo di applicazione) e processi di supporto e/o gestionali, ha senso per voi?


In genere in tutti i corsi di economia aziendale classici si classificano i processi in:
- strategici
- principali (o di core business)
- sostegno o supporto o amministrativi

Come spiega Paolo, è dal 2000 che si è iniziato a mappare i processi nei sistemi di gestione. Ormai tutti i certificatori, auditor, assessor sono abituati a vedere mappature di tutti i tipi.

_________________
Ing. Paolo Ruffatti
Consulente di Organizzazione Aziendale... ora in pensione
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
bagaroz
Forumista di Alta Qualità


Registrato: 23/08/11 11:37
Messaggi: 524

MessaggioInviato: Mer Mag 17, 2017 5:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

io stavo preparando una nuova mappatura, molto più stringata.
Ho messo 3 processi principali alcuni di supporto con collegamenti ed altri senza collegamenti.
A vostro parere può avere un senso proseguire e provare ad affinarlo?



L'ultima modifica di bagaroz il Gio Mag 18, 2017 7:55 am, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
QualitiAmo - Alberto
Moderatore


Registrato: 10/11/09 11:26
Messaggi: 4352

MessaggioInviato: Gio Mag 18, 2017 6:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Bagaroz, per cortesia, ridimensiona l'immagine perché così è davvero enorme. Grazie.
_________________
Alberto - Staff di QualitiAmo

ISO 9001:2015 - SI AGGIUNGE ALLA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO IL NUOVO TESTO CHE SVELA I SEGRETI DELLA FUTURA NORMA



IL PRIMO LIBRO NATO SULLE PAGINE DI QUALITIAMO

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
#34
Veg-Quality


Registrato: 20/12/11 16:09
Messaggi: 3568
Residenza: Sotto al Monte Grappa

MessaggioInviato: Gio Mag 18, 2017 7:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Giusto quel mm in più.... non parlo1 Smile
_________________
"CHI HAI MANGIATO OGGI ??"
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage Yahoo
bagaroz
Forumista di Alta Qualità


Registrato: 23/08/11 11:37
Messaggi: 524

MessaggioInviato: Gio Mag 18, 2017 8:04 am    Oggetto: Rispondi citando

Sistemato,
ero convinto di aver ridimensionato prima di hostare l'immagine
Top
Profilo Invia messaggio privato
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 14:36
Messaggi: 7875
Residenza: Provincia di Milano

MessaggioInviato: Gio Mag 18, 2017 8:27 am    Oggetto: Rispondi citando

messaggio editato

L'ultima modifica di KK il Ven Mag 19, 2017 5:30 pm, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Paoloruffatti
Yoda


Registrato: 26/07/08 11:05
Messaggi: 3960
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Mag 19, 2017 1:03 am    Oggetto: Rispondi citando

Vedo di rispondere a Bagaroz di ieri alle 5:55
vedi ; quello che tu consideri (in nero i tre processi principali, in realtà E' UNO SOLO per me cioè, come nel 2009 qualcuno ha sottolineato che in molte aziende (quasi tutte capitate a me, sfigato) se non si fa come quelli che corrono la staffetta (CIOE' si anticipa, specialmente nella fase di Progettazione molte cose chè E' BENE ANTICIPARE, non si finisce più con i tempi di consegna

Io negli anni che vanno da 1970 al 1987) facevo centrali elettriche e così ci mettevo non più di 5 anni, contro i 10 anni che ci volevano in Brasile, ma anche in Germania(8) e/o Cecoslovacchia (7-8) e ricordo che una volta ad un tedesco che diceva che bisognava aspettare dall'UT le dimensioni di progetto del "castello turbina" (quattro pilastri in cui venivano inseriti e cementati i "tirafondi" cioè le quattro "vitone" del diametro di 45-50mm ciascuna e con dal lato non filettato quattro terminali a !J!, io dissi/chiesi ....ma è la prima turbina che fate? non ne avete mai fatte di "simili", alla loro risposta piccata che "si" ne avevano già fatte di simili", ma che cambiava la lunghezza di asse anche di molto, io risposi: ...... "ma se il TUO UT definisce SUBITO il n° di "stadi" del vapore (ancor prima di tirare una riga su loro progetto) e quindi la lunghezza dell'albero, trovate SUBITO gli interassi tra i tirafondi , in modo che la sezione civile dell'UT poteva già addirittura gettare da SUBITO in cantiere il "castello turbina" e proseguire con quello dei 24 edifici [di cui è costituita una centrale elettrica in tutto il mondo!], che è sempre stato il più lungo da costruire e montare. Risparmio secco: due mesi circa in cui l'UT meccanico definiva al millimetro quel benedetto interasse, in cui le variazioni erano sempre di qualche millimetro, recuperabile dall'annegamento nella "maschera" dei tirafondi in posizione esatta al millimetro!

Di casi simili con le centinaia di pompe di tutte le dimensioni e tipi che esistono in una centrale elettrica, si recuperavano "anni" di attesa che gli UT interessati alla progettazione dei vari "sistemi" [di solito circuiti di distribuzione e raccolta liquidi caldi e pericolosi) facessero il loro lavoro senza essere quelli che di solito vivono di stress e fiato caldo sul collo del capo cantiere che deve dare da lavorare a 2000 persone, tutti i giorni che il Signore manda in terra!.
(Vi dico per folklore che una centrale elettrica si progetta partendo non dalle macchine più o meno grosse, ma dal pipe rack, cioè le tubazioni che trasportano in giro il loro carico nel KM quadrato, di cui di solito è fatta una centrale, e di questi tubi per primi se ne definiscono i parametri più importanti (diametro e spessore) e si anticipano ai fornitori, assieme alla lunghezza in metri. A tempo debito si darà la lunghezza in centimetri, utile in cantiere e dove il fornitore manda sempre qualche barra in più....non si sa mai che manchi e fermi tutto!!)

Tutto l'Ansaldo lavorava così da anni (io non ho inventato nulla!), ma io ho imparato presto, da PM, questo modo di "essere" (e badate bene che eravamo negli anni '80-'87 ...solo mi viene da ridere quando leggo nella norma, del 2015 che l'UT "deve aver determinato 8.3.2.h i requisiti per la successiva produzione di prodotti ed erogazione di servizi

In pratica l L'UT deve aver finito il suo lavoro di progettazione per trasmetterlo alla produzione o all'Ufficio acquisti [di anticipi, come quello dello staffettista (o di cui sopra) nemeno a parlarne!]....questo si chiama sistema di organizzazione per "funzioni".
Cioè ciascuna Funzione aziendale si fa i fatti suoi e quando ha finito di mettere sui disegni di autocad anche i retini e fatte tutti i riesami, verifiche e, validazione....è venuta notte, allora e solo allora passa tutto alla funzione a valle, che può essere la produzione o l'ufficio Acquisti.....in modo che l'acquisitore del fornitore apre i suoi bravi disegni e comincia a trovare i metri di tubo da dn 40 da acquistare e "solo allora" passa l'ordine al suo fornitore....ecco spiegati i 10 anni che ci vogliono in Brasile e gli 8 il Germania!

Io sto insegnando quello che ho imparato a tanti studi professionali e di questo me ne sono molto grati... certo ci potranno essere tanti altri metodi per risparmiare tutto il tempo che risparmiavamo noi, ma adesso non li vedo: vedo solo quel qualcuno tra di voi, che rincara la dose perchè ha capito i disastri che può fare una "funzione" Manutenzione (avusa cioè dal sistema AZIENDALE di "Programmazione") che lavora come un cane sciolto (cioè secondo le amicizie o la "sua" programmazione, fatta da: "chi primo arriva meglio alloggia" anche se la macchina rotta, il cui ricambio richiede dei mesi di approvvigionamento, è nel cammino critico di una commessa! e per il quale si devono fare carte false, se no, può portare un'azienda a chiudere i battenti in poco tempo....e buona notte al secchio!

Ciao
Paolo

PS Scusa KK, ma non ho capito propirio quello che mangia pop corn che hai inviato, me lo spieghi per
favore?...sai sono molto tonto.....
_________________
Ing. Paolo Ruffatti
Consulente di Organizzazione Aziendale... ora in pensione
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
KK
King of Kuality


Registrato: 23/04/09 14:36
Messaggi: 7875
Residenza: Provincia di Milano

MessaggioInviato: Ven Mag 19, 2017 9:26 am    Oggetto: Rispondi citando

Messaggio editato
Top
Profilo Invia messaggio privato
bagaroz
Forumista di Alta Qualità


Registrato: 23/08/11 11:37
Messaggi: 524

MessaggioInviato: Dom Mag 21, 2017 11:27 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Paolo,
l'esempio che riporti è chiaro però non capisco come "formalizzarlo" in termini di flow-chart.
Tu dici che i miei 3 processi sono uno unico a livello di macroprocessi, all'interno di questo unico processo poi però come inserisci le attività?

Per fare chiarezza mi dilungherò un attimo sulla realtà in cui opero (molto distante dalla gestione della grossa commessa).

I prodotti che realizziamo sono di questo tipo:

Operativamente procediamo in questo modo:
GESTIONE OFFERTE
- Ufficio commerciale apre su sistema gestionale le richieste di offerta arrivate dai funzionari di vendita o dai clienti
- ogni giorno analizziamo congiuntamente ufficio commerciale e ufficio tecnico le richieste di offerta per prodotto speciale (diciamo 15-20 offerte al giorno)
- Ufficio tecnico entro 48 ore (tranne in casi particolari) completa la fase di calcolo costo
- Ufficio commerciale emette offerta

GESTIONE ORDINI
- Ufficio commerciale apre su sistema gestionale i piani prodotto degli ordini arrivati, inserendo la data di consegna richiesta dal cliente (normalmente 3-5 al giorno)
- Ufficio tecnico entro le 48 ore prepara distinta base, ciclo di lavoro e disegni
- La pratica viene processata da ufficio pianificazione che conferma la data di produzione ed apre gli ordini. Se la data richiesta dal cliente non è fattibile si confronta con ufficio commerciale per ripianificare eventualmente altri ordini
- Produzione procede con la fabbricazione (2-4 settimane lavorative in media)
Top
Profilo Invia messaggio privato
MZorzy
Apprendista forumista


Registrato: 21/07/16 16:10
Messaggi: 100

MessaggioInviato: Lun Mag 22, 2017 9:22 am    Oggetto: Rispondi citando

bagaroz ha scritto:

(diciamo 15-20 offerte al giorno)
ordini arrivati (normalmente 3-5 al giorno)


scusa l'off topic ma normalmente ci sono dalla 10 alle 17 offerte al giorno di cui non seguirà mai un ordine ?
_________________
piegato tecnico,
niubbo sul sistema di gestione ma volonteroso di migliorare.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La nuova ISO 9001:2015 e versioni precedenti Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it