LE CARTE DI CONTROLLO: INTRODUZIONE

A cosa servono? Come vanno utilizzate?

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Le carte di controllo sono strumenti utilizzati nel controllo statistico preventivo della qualità. Servono per verificare se un processo è sotto controllo o meno.

Tramite questi grafici si possono prevedere eventuali scostamenti e, quindi, intraprendere azioni correttive prima che si producano delle vere e proprie difettosità.

Per analizzare la variabilità di un processo, le carte utilizzano gli indici statistici. Un processo viene ritenuto sotto controllo quando, attraverso l’analisi di misure effettuate, si può predire, con ragionevole approssimazione, il suo futuro andamento.

La prima carta di controllo fu proposta nel 1924 da Walter A. Shewhart che scrisse, accompagnandola: "il modello di rapporto allegato è stato progettato per indicare se le variazioni osservate nella percentuale di apparati difettosi siano o no significative, a indicare, cioè, se il processo sia soddisfacente".
Iniziò così l’era del controllo statistico della qualità.

Le carte di controllo, dunque,servono per comprendere se uno strumento è statisticamente sotto controllo e, quando non lo è, danno una valida indicazione realtivamente al motivo del fuori controllo.

Possono essere definite strumenti grafici di controllo continuo e in linea del processo del quale forniscono una rappresentazione grafica dell’evoluzione temporale.
Dal processo sotto esame vengono raccolti i dati necessari e da questi vengono ricavati i parametri statistici quali media, deviazione standard e range. Questi valori vengono poi riportati sulla carta.

Queste operazioni vengono compiute in maniera ripetitiva per un certo numero di campioni, dopo di che la carta di controllo è pronta per essere letta e interpretata.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Questi strumenti forniscono importanti informazioni sul processo produttivo permettendo di capire:

  • quando intraprendere le azioni correttive e quando lasciare il processo al suo naturale sviluppo
  • quali tipi di azioni correttive sono necessarie e il reale effetto che hanno sul processo

Le carte di controllo vengono utilizzate, soprattutto, nelle fasi "Improve" e "Control" della metodologia Six Sigma.

Elementi fondamentali che costituiscono questi strumenti per il controllo sono:

  • la definizione dell’oggetto del controllo
  • le linee guida per la misurazione
  • i piani d’azione
  • le parti coinvolte nel processo e i responsabili

PER SAPERNE DI PIU':

Le carte di controllo
Scegliere la carta di controllo
Come funzionano le carte di controllo
Le tipologie delle carte di controllo



cerca nel sito