IL DEPLOYMENT DEGLI OBIETTIVI - QUALITA', CERTIFICAZIONE E PROVE

di Stefano De Falco e Roberto Passariello

Vi presentiamo un estratto dal libro di Stefano De Falco e Roberto Passariello dal titolo: "Qualità, certificazione e prove". Si parla di deployment degli obiettivi. Buona lettura!

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Tratto dal libro: "Qualità, certificazione e prove" di Stefano De Falco e Roberto Passariello da cui vi proponiamo questo estratto che tratta il deployment degli obiettivi).

(...)

Un'organizzazione, con l'intento di sviluppare o migliorare un sistema di gestione per la qualità, non può prescindere dallo stabilire una propria politica per la qualità che tenga conto in primis delle esigenze, esplicite e implicite, dei propri clienti e che, al tempo stesso, sia credibile, realista e coerente con tutte le altre politiche aziendali.

La politica per la qualità, formulata dall'alta direzione, esprime l'insieme degli obiettivi, degli indirizzi e delle strategie dell'organizzazione, relativi alla qualità.

Attraverso la politica per la qualità, l'alta direzione definisce gli obiettivi generali, cioè quelli strettamente legati ai requisiti delle parti interessate e alla qualità del prodotto/servizio che l'organizzazione si impegna a garantire ai propri clienti.

E' importante, in particolar modo, definire obiettivi misurabili e, per ognuno di essi, fissare un valore di traguardo cui tendere in un periodo prestabilito.

Caratteristica principale di qualsiasi obiettivo è la misurabilità; essa permette di valutare precisamente e con oggettività il grado di raggiungimento dell'obiettivo stesso e di effettuarne il monitoraggio continuo nel tempo. Se l'obiettivo non è direttamente misurabile questa caratteristica viene garantita mediante l'assegnazione di uno o più indicatori, in grado di trasformare in numeri gli aspetti qualitativi dell'obiettivo.

In ottica ISO 9001, per realizzare una vera gestione basata sull'approccio per processi, il management aziendale è chiamato a condividere gli obiettivi generali con i soggetti coinvolti nelle varie attività dell'ìorganizzazione e a tradurli in obiettivi specifici per ognuno dei processi, sia operativi che di supporto, individuati all'interno dell'azienda.

Tale attività, indicata spesso come "deployment degli obiettivi", deve essere considerata come un processo vero e proprio, di notevole importanza; con esso l'alta direzione riesce a far penetrare e comprendere, all'interno di tutta l'organizzazione, la politica per la qualità, generando al tempo stesso, nei soggetti coinvolti, un aumento della motivazione e della consapevolezza dell'importanza del proprio contributo per il raggiungimento degli obiettivi generali e quindi dei livelli di qualità attesi dal cliente.

Per questo motivo e, più in generale, per avere degli obiettivi realistici e il più possibile condivisi è importante che il processo di deployment degli obiettivi coinvolga i responsabili e gli esperti dei vari processi e che gli obiettivi assegnati siano chiari, di facile comprensione e, soprattutto, misurabili.

L'assegnazione a ogni processo di precisi obiettivi misurabili consente di costruire un sistema di monitoraggio mediante il quale è possibile valutare continuamente il grado di allineamento dei vari processi ai propri obiettivi specifici e, di conseguenza, agli obiettivi generali. In definitiva, il deployment degli obiettivi di un'organizzazione si articola e si sviluppa nelle seguenti fasi:

  • individuazione degli obiettivi generali e, se necessario, dei relativi indicatori;
  • assegnazione a ogni obiettivo, o suo indicatore, di un valore target da raggiungere e del tempo a disposizione per farlo;
  • identificazione dei processi correlati a ciascun obiettivo generale;
  • declinazione (deployment) degli obiettivi generali in obiettivi specifici e, se necessario, definizione degli indicatori corrispondenti;
  • assegnazione di un valore target da raggiungere, per ognuno degli obiettivi specifici, o dei suoi indicatori

Per portare a compimento l'intero processo, l'organizzazione deve prevedere e attuare il monitoraggio continuo degli obiettivi ed effettuare riesami periodici, finalizzati a verificare che gli obiettivi specifici siano sempre realistici, adeguati e coerenti con quelli generali.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Nella pratica, si individuano gli obiettivi generali, si fissano per ognuno di essi degli indicatori che possano renderlo misurabile e monitorabile e, per ogni indicatore , si fissa un valore target.

Assegnare un obiettivo generale a un processo significa considerare importanti i risultati delle attività di quel processo ai fini del raggiungimento dell'obiettivo e dare una misura di questa importanza. Quindi, si ripete per gli obiettivi quanto fatto per quelli generali; poi seguendo la stessa logica si deve procedere alla declinazione di tutti gli obiettivi generali, così da ottenere la rete completa delle relazioni fra obiettivi generali di qualità del prodotto/servizio e obiettivi specifici di processo, a cui risulta associato l'intero sistema degli indicatori.

In conclusione, in un'organizzazione gestita mediante un reale approccio per processi, il deployment degli obiettivi diventa un processo trasversale che si sviluppa lungo tutta la catena manageriale, partendo dall'alta direzione, con la definziione della politica per la qualità e coinvolgendo tutti i dipendenti verso obiettivi comuni, condivisi da tutti.

(...)

PER SAPERNE DI PIU':

I pranzi di lavoro per il Responsabile Qualità


cerca nel sito