IL PROCESSO DI CREAZIONE DELLA VISION NELLA PMI

di Guido Granchi e Mirco Gasparotto

Vi presentiamo un estratto del libro "Nuovi modelli di leadership dal quale abbiamo estratto questo articolo sulla vision nelle PMI.
Buona lettura!

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Tratto dal libro: "Nuovi modelli di leadership di Guido Granchi e Mirco Gasparotto)

La vision non è solo quella individuale del leader, ma anche le organizzazioni, le aziende e tutti gli enti dovrebbero averla, perché in essa è contenuta la ragione della loro esistenza.
Eppure quante volte in azienda, come consulenti, tocchiamo con mano come la vision aziendale, quando è formulata, rimane relegata nei piani alti del top management e la maggior parte dei dipendenti la ignora.
Oppure è riportata nel sito internet o scritta in bella mostra sull’house organ interno ma rimane lettera morta, perché nessuno la agisce nella quotidianità della vita aziendale.

La creazione della vision aziendale di solito prende forma quando il top management risponde a queste domande:

  • come ci immaginiamo l’azienda tra 5, 7,...X anni?
  • in che modo possiamo dare un contributo unico al sistema allargato in cui opereremo?
  • quali benefici avranno i nostri stakeholder?
  • come la nostra vision esprime e dà forza ai valori aziendali più profondi?

Come molti studi hanno evidenziato, il tessuto economico italiano è caratterizzato dalla presenza di un elevato numero di PMI, accanto ad una percentuale relativamente limitata di aziende di grandi dimensioni.
Nella piccola e media impresa, il processo di formulazione della vision di solito passa attraverso queste fasi:

  • Spesso il processo prende le mosse dalla formulazione abbozzata da un solo individuo: l’imprenditore “visionario” è colui il quale riesce ad immaginare utilizzi nuovi di prodotti già esistenti o a creare prodotti o servizi a cui nessuno ha mai pensato.
    Queste persone di solito possiedono una straordinaria capacità naturale di intuire i gusti e le tendenze dei consumatori anticipando le mosse dei concorrenti.
  • Questa prima formulazione della vision viene poi arricchita nel tempo dal contributo del top management o da un gruppo di risorse ancora più ampio.
    Ciascun dirigente in base alle sue capacità e competenze (ad esempio amministrativa, finanziaria, tecnica, commerciale), attraverso un intenso e costante lavoro di squadra, dà il suo contributo allo sviluppo della vision originaria.
  • Tutto il processo è costantemente alimentato da una forte immaginazione e creatività, con un utilizzo prevalente dell’emisfero destro del cervello. La formulazione della vision non si può identificare con il budget, le strategie o i piani industriali dell’azienda.
    La vision si colloca ad un livello più alto e contiene i principi ispiratori di tutte le scelte e decisioni aziendali.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

  • Quando il board dell’azienda riflette sulla propria vision cogliendone la straordinaria importanza e non perché è di moda o perché i concorrenti già lo hanno fatto, i dirigenti si rendono ben presto conto che tale processo può richiedere mesi e a volte anche anni.
    Il tempo investito in questa attività però viene ampiamente ripagato nel lungo periodo in termini di efficacia ed efficienza dell’organizzazione.

PER SAPERNE DI PIU':

Le 10 caratteristiche dei leader
Le competenze richieste ai leader
I tratti distintivi di un leader
La leadership strategica
Mojo: parliamo di leadership
L'ambiente influenza la leadership: la teoria della contingenza
Leadership e strategia: evoluzione nel tempo
Leadership e miglioramento
Leader e leadership: le caratteristiche
Due tipologie di leadership
Diventare leader: l'importanza dell'apprendimento continuo
Diventare leader: l'intelligenza emotiva
Aforismi sulla leadership
La leadership: intervento di un utente di QualitiAmo
Terminologia della Qualità: lo stile della leadership
Briciole di successo e leadership ideale
Gestione del talento e leadership
L'influenza della leadership sulle abitudini e sui comportamenti del gruppo



cerca nel sito