PHILIP B. CROSBY: 14 PASSI PER MIGLIORARE

Sono 14 i punti da seguire per migliorare il SGQ, secondo Philip B. Crosby

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Il programma di Crosby per il miglioramento, è una delle guide più pratiche e dettagliate che si possano reperire sull’argomento.

  • Il management deve impegnarsi nella qualità e questo impegno deve essere chiaro a tutti attraverso la formulazione di una politica della qualità concisa, chiara e accessibile a tutti. Il management deve essere determinato nel perseguire la qualità e formare i collaboratori nell'utilizzo degli strumenti della qualità.
  • Bisogna creare delle squadre che lavorino costantemente sul miglioramento continuo e i cui membri appartengano a tutti i principali dipartimenti dell’organizzazione dato che, potenzialmente, ogni settore di un’organizzazione può dare il suo contributo a difetti ed errori.
  • Occorre capire dove si nascondono i problemi e per comprenderlo dobbiamo essere capaci di misurare le non conformità per poterle valutare in maniera oggettiva. Bisogna misurare i processi per avere un’idea chiara del loro andamento, bisogna raccogliere dati dalle verifiche ispettive, dai report, dalle statistiche, dai feedback ricevuti dai clienti, ecc.
  • Bisogna calcolare i costi della mancanza di qualità (rilavorazioni, scarti, nuove ispezioni, ecc). Questo punto è impossibile da applicare se non sono state fatte precedentemente delle misurazioni, come richiesto nel punto 3.
  • Bisogna far crescere la consapevolezza nei confronti della qualità di tutti i collaboratori. Ci devono essere incontri periodici tra i collaboratori e il management per discutere problemi specifici.
  • Bisogna intervenire mediante azioni correttive sui problemi legati alla mancanza di qualità. Le azioni correttive vanno implementate secondo il principio di Pareto, affrontando preventivamente quel 20% di cause che crea l’80% di problemi.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

  • Bisogna mantenere monitorati i progressi nel migliorare la qualità, tendendo all’obiettivo “difetti zero”.
  • Occorre formare i supervisori relativamente al miglioramento continuo. I formatori vanno formati prima di poter formare a loro volta perché devono comprendere fino in fondo il loro ruolo nel processo di miglioramento.
  • Bisogna stabilire dei giorni denominati “a difetti zero”. Bisogna fare le cose bene la prima volta. Questo modo di lavorare deve diventare la regola per le organizzazioni che vogliono lavorare in qualità. Questo giorno deve simboleggiare che qualcosa è cambiato nel modo di fare qualità dell’organizzazione e deve dimostrare l’impegno del management.
  • I collaboratori vanno incoraggiati a creare i propri obiettivi di miglioramento.
  • Bisogna incoraggiare la comunicazione tra collaboratori e management relativamente agli ostacoli che si incontrano durante il cammino verso la qualità. I manager devono ragionare sui fatti riportati dai collaboratori e prendere decisioni.
  • Occorre riconoscere gli sforzi di coloro che partecipano ai programmi di miglioramento e premiarli.
  • Bisogna creare dei gruppi che lavorino sulla qualità per comunicare su base regolare.
  • Bisogna rifare tutto da capo perché il miglioramento non finisce mai

PER SAPERNE DI PIU':

Crosby: introduzione
Crosby: "pillole" del suo pensiero
Crosby: i 14 passi
Crosby: le 5 cose necessarie per avere successo
Crosby: le 6C
Crosby: il vaccino della Qualità
Crosby: le curiosità
Crosby: le opere
Crosby: gli aforismi
Per Crosby la Qualità è gratis
Crosby, Juran e Deming a confronto
Crosby, Juran e Deming a confronto (2)



cerca nel sito