UNI ISO 26000: L'IDENTIKIT DELL'AZIENDA RESPONSABILE DEL TERZO MILLENNIO

di UNI





Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Sono sette comandamenti e non dieci, ma di impatto ugualmente forte. Sette criteri di comportamento che andranno presi alla lettera dall'azienda o dall'organizzazione che vuole avere una responsabilità sociale vera, un atteggiamento virtuoso che non sfoci solo in una filantropia "di facciata".
Li ha elaborati l'ISO (International Organization for Standardization), l'organizzazione mondiale per la definizione di norme tecniche, e raccolti nelle linee guida della futura norma UNI ISO 26000.

"La UNI ISO 26000 rappresenta un salto di qualità epocale nell'ambito della normazione - spiega Piero Torretta, presidente dell'UNI, l'ente di normazione che rappresenta l’Italia in seno all'ISO -. Con questa norma, infatti, gli enti di normazione dei diversi Paesi del mondo che decideranno di applicarla, si sono fatti carico di indicare gli standard che posso no definire l'impresa o l'organizzazione virtuosa, moderna e, per questo, anche di maggiore successo.

È indubbio che un'organizzazione riconosciuta dal pubblico anche quale modello di realtà rispettosa dei diritti umani, dell'ambiente e dei diritti sindacali, sia anche maggiormente considerata sotto il profilo dell'affidabilità dei propri servizi e prodotti. La responsabilità sociale ha evidenti riflessi sulla brand reputation, incidendo direttamente sul business".

Un'impresa o una qualsiasi organizzazione pubblica o privata che adotti un comportamento socialmente responsabile, monitorando e rispondendo alle aspettative economiche, ambientali, sociali di tutti i portatori di interesse (stakeholders), dovrà secondo la UNI ISO 26000 rispettare le seguenti linee guida:

  • Responsabilità: l'organizzazione deve assumersi la responsabilità del suo impatto sulla società e sullo sviluppo. Deve accettare eventuali controlli e ha il dovere di risponderne
  • Trasparenza: l'organizzazione deve essere trasparente in tutte le sue decisioni ed attività, in particolare in relazione alla sua natura, ai suoi obiettivi, ai risultati in termini di responsabilità sociale e alla provenienza delle sue risorse finanziarie
  • Etica: l'organizzazione deve comportarsi sempre in modo onesto, equo e integro moralmente. In questo atteggiamento deve essere compreso il rispetto per persone, ambiente, animali e il rispetto delle esigenze di tutti coloro che in qualche modo sono coinvolti nella attività dell'azienda
  • Rispetto degli stakeholder: l'organizzazione deve identificare tutti coloro che, direttamente o indirettamente, sono coinvolti nell'attività d'impresa e avere particolare attenzione per le loro necessità
  • Rispetto della legge: l'organizzazione deve accettare che il rispetto del ruolo della legge è obbligatorio e accettare che nessun individuo o ente è al di sopra di esso
  • Rispetto degli standard di comportamento internazionali: conseguentemente, l'organizzazione dovrà aderire ai principi stabiliti a livello internazionale, e rispettarli il più possibile nel caso in cui operino in nazioni con una legislazione che entri in conflitto con queste norme
  • Rispetto dei diritti umani: l'organizzazione deve riconoscere l'importanza e l'universalità di questi diritti ed evitare di trarre vantaggio da situazioni in cui tali diritti non siano rispettati.

La UNI ISO 26000 è il frutto di un lavoro di armonizzazione a livello internazionale che è durato diversi anni, dovuto alla necessità di avere un documento di riferimento ufficiale, di valore mondiale, massimamente rappresentativo per fare chiarezza sulla responsabilità sociale di tutte le organizzazioni (imprese, pubbliche amministrazioni, no-profit...) perché sebbene la sensibilità verso la responsabilità sociale sia in continua crescita, sono ancora troppe le interpretazioni - a volte riduttive se non addirittura strumentali - che se ne danno.

In linea con le ultime tendenze dell’attività ISO, la guida non riguarda dei prodotti fisici ma dei processi e dei sistemi organizzativi immateriali, il che ha reso necessaria la formazione di un gruppo di lavoro formato non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dai portatori d'interesse stessi, tra cui spiccano i sindacati, che per la prima volta hanno partecipato molto attivamente ai lavori di normazione. In totale l'elaborazione della ISO 26000 ha visto il coinvolgimento volontario di oltre 400 esperti e 175 osservatori provenienti da 91 Paesi di tutto il mondo.

Su esplicita sollecitazione delle parti interessate coinvolte nei lavori di normazione e alla luce della sua peculiarità, la UNI ISO 26000 non prevede alcuna verifica sulla sua esecuzione né conseguenti certificazioni. Spetterà dunque alle varie imprese ed organizzazioni mettere in atto i principi e le indicazioni in essa contenute, lasciando ad ogni Paese la libertà sulle modalità di applicazione. I lavori arriveranno a conclusione entro la fine del 2010.

Lucina Mercadante (Direzione centrale prevenzione INAIL): "La sicurezza sul lavoro è un tema fondamentale della responsabilità sociale. I punti chiave della redazione del documento sono il coinvolgimento, l'applicabilità estesa, la base volontaria, non prevedere un meccanismo di certificazione, non prevedere uno sviluppo secondo un modello di gestione".

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

Pia Valota (esperto UNI per le politiche per i consumatori): "Nessuno chiede alle imprese di trasformarsi in istituti di carità, ma semplicemente di contribuire ad un sistema di consumo adeguato ai tempi arrivando ad un'offerta sostenibile. Non bisogna dimenticare, come diceva Ford, che il consumatore è in tutta la catena di produzione, in tutti i ruoli, ovvero è il lavoratore che consuma".

Cliccate qui per visualizzare e scaricare i documenti - in formato PDF - presentati nel corso dell'incontro "Responsabilità Sociale: le prime anticipazioni sulla linea guida UNI ISO 26000".

(Fonte: UNI)

PER SAPERNE DI PIU':

La nuova ISO 26000
ISO 26000 e modello UNESC
La ISO 26000 sulla responsabilità sociale



cerca nel sito