UTILIZZARE I PRINCIPI DELLA QUALITA'
ALL'INTERNO DEL NOSTRO SISTEMA DI
GESTIONE - 2

Staff di QualitiAmo

Come usare i principi della qualità in maniera operativa?

principi qualita

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

Coinvolgimento delle persone

Un'organizzazione che applichi a dovere questo terzo principio della qualità ha persone che:

  • si sentono in sintonia con l'organizzazione;
  • sono orgogliose di raccomandare l'azienda ad altri perché la giudicano un buon posto dove lavorare;
  • nel lavorare lì, sono convinte di avere vantaggi che vanno al di là della semplice retribuizione;
  • sono allineate ai valori e all'etica dell'azienda

Approccio per processi

Come sappiamo, questo quarto principio è il risultato della fusione dei due vecchi principi della qualità "approccio per processi" e "approccio sistemico".

Se l'azienda applica bene questo principio, chi lavora per lei:

  • conosce nel dettaglio gli obiettivi che deve raggiungere e sa a quali processi si riferiscono;
  • sa quali misurazioni verranno utilizzate per stabilire se questi obiettivi siano stati raggiunti oppure no;
  • ha ben chiare le responsabilità e le autorità relative agli obiettivi fissati;
  • svolge esclusivamente quelle attività che sono necessarie per il raggiungimento degli obiettivi concordati;
  • gestisce i rischi collegati alle attività che svolge;
  • sa quali risorse, informazioni e competenze sono necessarie per il raggiungimento degli obiettivi a lui affidati;
  • sa quando il processo sta raggiungendo gli obiettivi concordati;
  • capisce che gli output di un processo possono influenzare quelli di un altro;
  • cerca sempre modi migliori di fare le cose e di migliorare l'efficienza del processo

Miglioramento

Un'organizzazione applica questo principio se le persone che vi lavorano:

  • migliorano prodotti, servizi, processi e sistemi e fanno diventare questo miglioramento un obiettivo quotidiano;
  • applicano al loro lavoro i principi di base del miglioramento incrementale e di quello radicale;
  • fanno riflessioni periodiche per ridiscutere i criteri di eccellenza e per identificare le aree di potenziale miglioramento;
  • migliorano su base continua l'efficacia e l'efficienza dei processi;
  • promuovono attività di prevenzione;
  • forniscono a ogni membro dell'organizzazione la formazione appropriata e tutte le informazioni necessarie per poter impostare un miglioramento costante del lavoro;
  • stabiliscono misurazioni e obiettivi per guidare e tenere traccia dei miglioramenti;
  • riconoscono pubblicamente i miglioramenti ottenuti

Decisioni basate sulle evidenze

Se un'organizzazione applica al meglio questo principio, chi lavora per lei:

  • definisce nel dettaglio la misurazione delle performance che hanno a che fare con la qualità e che si riferiscono ai processi, ai prodotti e al servizio;
  • raccoglie costantemente i dati che hanno a che fare con gli obiettivi fissati per i prodotti, i processi e i servizi;
  • assicura che i dati e le informazioni raccolti siano sufficientemente accurati, affidabili e accessibili;
  • utilizza metodologie concordate e approvate per analizzare dati e informazioni;
  • prende le decisioni e agisce in base ai risultati delle analisi condotte bilanciandoli con l'esperienza maturata e l'intuizione che deriva dalla professionalità maturata

Gestione delle relazioni con le parti interessate

Le persone che conoscono e applicano questo ottavo e ultimo principio della qualità:

  • capiscono quali sono le parti interessate fondamentali perché l'organizzazione per la quale lavorano abbia successo e quelle che possono mettere a rischio questo successo;
  • si sforzano di comprendere a fondo le necessità e le aspettative delle parti interessate che hanno un'influenza diretta o indiretta sul successo dell'organizzazione;
  • stabiliscono con queste terze parti delle relazioni di lungo termine basate su considerazioni che, magari non porteranno successi a breve ma sono destinate a costruire rapporti forti;
  • si impegnano a comunicare con queste terze parti in maniera chiara e aperta;
  • condividono con le parti interessate informazioni e piani per il futuro se questo può portare qualche beneficio all'organizzazione;
  • riconoscono alle parti interessate il contributo che hanno fornito per raggiungere un obiettivo o per assicurare nel tempo il successo dell'organizzazione

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Terza parte)

PER SAPERNE DI PIU':

I principi della qualità e la ISO 9001:2015


cerca nel sito