TESTARE LA QUALITA'

Staff di QualitiAmo

Come si imposta un buon controllo della nostra Qualità?

testare-qualita

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Testare la Qualità di un prodotto significa verificarne l'adeguatezza ai requisiti che deve rispettare. In parole povere, si ispeziona il prodotto provando ad individuare un difetto o qualsiasi cosa che non sia allineata alle specifiche del cliente o dell'organizzazione che lo produce.
L'evidenza che questi requisiti siano stati rispettati deriva dai dati che raccogliamo durante i test visivi o strumentali e che diventano una sorta di prova del "pedigree" di ciò che abbiamo prodotto.

I dati raccolti, ai quali spesso si dà poca importanza, sono importanti come il prodotto stesso e un test non si può dire completo se non abbiamo stabilito come utilizzare, proteggere e immagazzinare queste informazioni.

I difetti individuati potrebbero avere effetti sulla performance del prodotto oppure essere semplici difetti estetici ma, di sicuro, hanno un impatto diretto sulla Qualità del prodotto intesa in senso generale.
Alcuni esempi di test condotti sul prodotto sono:

  • esame ai raggi X delle saldature su un aereo
  • l'esame visivo della vernice di un'automobile per verificare che sia uniforme
  • ecc.

Un test fatto bene non può consistere solamente in una serie di controlli casuali o di osservazioni più o meno superficiali ma necessita di un processo formalizzato che faccia procedere l'ispezione correttamente. Affinché i test siano accurati, infatti, abbiamo bisogno che vengano ben pianificati e che seguano delle procedure approvate.
Una buona procedura adatta alla conduzione di un test accurato dovrebbe prevedere almeno:

  • le istruzioni per preparare un piano da seguire per l'ispezione del prodotto;
  • le istruzioni per procedere con eventuali campionamenti e per maneggiare e identificare i campioni;
  • i requisiti relativi agli strumenti necessari per il test;
  • le istruzioni per il settaggio degli strumenti;
  • le condizioni ambientali da rispettare per condurre il test;
  • la definizione dell'unità utilizzata nel test (pezzo, lotto, ecc.);
  • le istruzioni relative alla sicurezza durante la conduzione del test;
  • le istruzioni relative ad eventuali calcoli da fare;
  • una lista delle difettosità o degli attributi da esaminare con descrizioni o foto esemplificative;
  • una scala che indichi il livello di gravità legato a ciascun difetto;
  • l'indicazione dei livelli di tolleranza per ogni difetto;
  • il processo per registrare e gestire un'eventuale non conformità;
  • le linee guida per compilare un report finale e per conservare tutti i dati relativi al test condotto
LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

PER SAPERNE DI PIU':

Il controllo Qualità
La checklist per il controllo Qualità dei prodotti in ingresso


cerca nel sito