LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA: ELEMENTI
CHIAVE

Staff di QualitiAmo

9 consigli dedicati al professionista della Qualità

struttura organizzativa

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Alcune tra le decisioni chiave che i manager devono prendere quando di impegnano a progettare un'organizzazione efficace riguardano la struttura organizzativa della realtà che stanno ipotizzando. Sarà questa struttura, infatti, a determinare come si coordineranno gli sforzi dei singoli lavoratori e dei team e come verranno distribuite le risorse.

In particolare, la struttura di un'organizzazione definisce come le singole attività debbano venire suddivise e integrate, delinea i rapporti tra i diversi enti lungo la gerarchia dell'organizzazione, definisce i canali formali per la comunicazione e stabilisce come vadano coordinati gli sforzi di tutti.

I blocchi fondamentali dai quali partire per progettare una struttura organizzativa sono:

  • specializzazione
  • formalizzazione
  • centralizzazione
  • gerarchia

Specializzazione

La specializzazione descrive il grado di suddivisione di una certa attività lavorativa.
Aziende grandi tendono ad avere un maggiore livello di specializzazione (ad esempio il personale amministrativo di una grande azienda tende a specializzarsi in una sola area) mentre nelle piccole aziende vale il discorso contrario.

La specializzazione richiede una conoscenza approfondita dell'argomento mentre quando manca bisogna che il lavoratore abbia una conoscenza ampia dell'intero argomento anche se meno approfondita.

La specializzazione, solitamente, aumenta la produttività ma ha anche aspetti negativi come, ad esempio, la diminuzione della soddisfazione delle persone per il lavoro che svolgono che viene vissuto come estremamente ripetitivo.

Formalizzazione

La formalizzazione di una struttura organizzativa esprime il grado di controllo del modo di operare di un lavoratore attraverso regole codificate e procedure standard.

Le organizzazioni con una struttura estremamente formalizzata sono caratterizzate da politiche molto dettagliate, studiate per adattarsi alle diverse situazioni specifiche. Basti pensare, ad esempio, a come vengono formati i piloti di una linea aerea che imparano a volare proprio grazie ad una serie infinita di procedure raccolte in manuali da utilizzare in ogni differente step di processo e in ogni situazione particolare che si dovesse creare.

La formalizzazione, in sé, non è negativa e spesso si rende addirittura necessaria per raggiungere risultati stabiliti ma è anche vero che può contribuire a rallentare i processi decisionali, a ridurre la creatività e a non stimolare la capacità di innovazione. Attenzione, dunque, a trovare il giusto mix che si adatti alle necessità della vostra realtà professionale .

Centralizzazione

La centralizzazione è un elemento della struttura organizzativa che ci indica a quale livello vengano prese le decisioni che contano: più questo livello è spostato verso l'alto, più l'organizzazione si può definire centralizzata.

Anche in questo caso non c'è un modello giusto rispetto ad un altro ma dipende dal contesto in cui lavora l'azienda.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Gerarchia

La gerarchia è l'elemento organizzativo che stabilisce dove debbano essere posizionate le linee di reportistica e chi si relazionerà con chi.

Il numero dei livelli gerarchici che solitamente ritroviamo all'interno di un'organizzazione determina l'ampiezza del controllo dei singoli manager. Nelle aziende piramidali solitamente questo controllo è in mano a poche persone che supervisionano l'intera organizzazione mentre nelle strutture piatte uno stesso manager supervisiona molti lavoratori che, però, vengono messi nelle condizioni di poter lavorare il più possibile in maniera autonoma (empowerment).

PER SAPERNE DI PIU':

Il punto 5.5.1 della norma ISO 9001
La definizione di organigramma
La cultura di un'organizzazione
Perché la Qualità nasce dall'organizzazione?


cerca nel sito