REAGIRE POSITIVAMENTE AL
CAMBIAMENTO

di Staff di QualitiAmo

Ognuno reagisce in maniera diversa ma il cambiamento solitamente porta mancanza di sicurezza e preoccupa. Come sfruttarlo positivamente?

change management


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Molte persone si sentono ansiose e stressate quando hanno a che fare con un cambiamento, persino quando l'hanno auspicato. Il motivo è semplice: trovano difficoltà nell'adattarsi alla nuova situazione che si prospetta e che risulta per loro completamente sconosciuta.

I motivi per cui il cambiamento non è sempre ben accolto sono molti. Noi abbiamo provato a riassumere i principali:

  • incertezza - cambiare significa spostarsi da una situazione conosciuta, anche se magari non apprezzata, ad una completamente nuova.
    Anche preparandosi e pianificando tutto per bene non c'è alcuna garanzia che cambiare porterà a raggiungere i risultati attesi.
    Il modo in cui le persone rispondono a questa situazione di incertezza dipende moltissimo dalla loro situazione di partenza: se è stabile avranno difficoltà a mettere in discussione questo equilibrio ma se è già abbastanza instabile, probabilmente non vedranno l'ora di cambiare anche se non sanno cosa aspettarsi. Ci sono, poi, addirittura persone che in una situazione stabile si annoiano, sono contrariate davanti alla routine e che, per questo, sono sicuramente più portate al cambiamento
  • rinunciare a qualcosa - tutti i cambiamenti comportano qualche perdita. Anche quando si approva il nuovo percorso e si riconosce che porterà dei benefici notevoli ci sono alcuni aspetti della situazione corrente che sono destinati a cambiare, spesso in peggio. Pensiamo, ad esempio, ad una nuova assunzione che dovrebbe portarci prestigio, maggiore disponibilità economica e un'organizzazione più importante nella quale lavorare. E' normale che a tutto questo sia associata la paura di perdere i colleghi con i quali si andava d'accordo, la familiarità del lavoro che ormai facevamo ad occhi chiusi e tutti quegli aspetti che consideriamo soddisfacenti e che sono legati al vecchio ambiente di lavoro
  • l'aumento del carico di lavoro - cambiare richiede spesso un bel po' di lavoro per adattarsi alla nuova situazione, per pianificare il cambiamento nei minimi particolari e per adattarsi anche a livello personale la nuova vita professionale. Pensiamo a cosa significhi, ad esempio, cambiare città per andare a lavorare in una nuova azienda. Probabilmente significherà cercarsi una nuova casa, prepararla, arredarla, fare un trasloco, ecc. tutto lavoro in più che non sarebbe necessario se continuassimo a lavorare nella vecchia azienda.
    La cosa migliore è riconoscere da subito che questo lavoro extra è necessario e pianificarlo in modo da non avere sorprese. In caso contrario, lo stress che sperimenteremo in questo periodo della nostra vita ci renderà meno propensi, in futuro, ad accettare con serenità qualsiasi cambiamento
  • la necessità di apprendere cose nuove - cambiare significa apprendere cose nuove, sviluppare competenze differenti, imparare altri modi di fare le cose, ecc. Significa rendersi conto che ciò che si sa non basta per fare il passo che abbiamo deciso di compiere.
    Frequentare un corso e sentir parlare di nuove teorie e di nuovi principi non è molto faticoso. La cosa davvero difficile è mettere in pratica tutto ciò che si è imparato, scardinando completamente il nostro vecchio modo di fare le cose

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Fino ad ora abbiamo visto quali preoccupazioni affliggano le persone che si trovano a dover fronteggiare un cambiamento. Nei prossimi giorni, invece, vedremo come si può reagire a tutto questo per sfruttare solamente gli aspetti positivi della nuova situazione che ci si prospetta. Non mancate!

Seconda parte

PER SAPERNE DI PIU':

Imparare a gestire il cambiamento
Le regole del cambiamento
Le regole del cambiamento - 2
La resistenza al cambiamento
Gli ostacoli al cambiamento
Affrontare le resistenze al cambiamento
I fattori critici di successo del cambiamento
Controllare il cambiamento
La gestione del cambiamento con il LSS
Aforismi sul cambiamento


cerca nel sito