TANTI QUESTIONARI PER RILEVARE LA
SODDISFAZIONE DEI CLIENTI SERVONO
DAVVERO?

Staff di QualitiAmo

Ultimamente si assiste ad un proliferare dei questionari di customer satisfaction. Come mai?

questionario customer satisfaction

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Sarà certamente capitato anche a voi di usufruire di un servizio, fosse anche semplicemente il veloce consumo di un pasto al ristorante, e di vedervi recapitare col conto un questionario per raccogliere dati sulla vostra soddisfazione. Potremmo pensare che si tratti - finalmente - di un'inversione di tendenza e che le organizzazioni abbiano deciso di ascoltare la voce dei loro clienti ma spesso, purtroppo, non è così.

E' la rivista "Quality Progress" ad affrontare il delicato argomento nel numero di aprile, chiedendosi se questo continuo sollecitare un feedback dai clienti non sia andato completamente fuori controllo.

Telefonate, e-mail, lettere, pagine internet e cartoline tutte pensate per sollecitare l'opinione dei clienti su un certo prodotto o servizio, quasi come se le organizzazioni del nostro tempo fossero afflitte da una nuova sindrome di insicurezza che le porta a trasformarsi in adolescenti perennemente dubbiosi con la continua necessità di essere rassicurati.

E' questa la Qualità che vogliamo?

Quality Progress gira ulteriormente il dito nella piaga chiedendosi se le domande riportate in molti questionari siano tutte davvero necessarie o se non siano, invece, ovvietà che servono solamente per mettersi a posto la coscienza e per raccogliere dati che spesso non si sa nemmeno come utilizzare. Del resto, se questi dati sono in possesso della concorrenza, dobbiamo averli anche noi!

Negli ultimi anni avere dati a disposizione è diventato sempre più semplice, un po' come mangiarsi un panino al fast food e, dunque, tutti sono "affamati" e tempestano i clienti con le richieste più assurde. Quello di cui però in pochi si accorgono è che la qualità dei dati sta diminuendo di pari passo con la facilità con cui se ne entra in possesso.

La sensazione che si ha dopo aver esaminato tutta la faccenda è che risultino latitanti i manager, quelli veri.

La prima organizzazione che mise a disposizione dei clienti un questionario perché comunicassero all'azienda le sensazioni relative al prodotto acquistato aveva certamente un management attento e innovativo ma oggi si può dire la stessa cosa di chi propina continuamente ai propri clienti pagine e pagine di domande inutili?

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Accorgersi se un cliente è felice o meno è abbastanza semplice e non occorre un questionario per saperlo, basta uno staff recettivo che, tastato il polso di coloro che sono soddisfatti, decide di dedicarsi agli insoddisfatti e di farlo non certo attraverso un questionario ma, preferibilmente, guardando direttamente negli occhi il cliente.

Certo un questionario è più veloce e, anche se spesso non offre dati nemmeno lontanamanete paragonabili a quelli raccolti nel corso di anni da valenti uomini del Commerciale, è la strada più semplice da seguire. Almeno per i "non manager"...

Cosa ne pensate?

PER SAPERNE DI PIU':

La soddisfazione dei clienti: appunti e riflessioni
Misurare la soddisfazione dei clienti
Le esigenze del cliente e la sua soddisfazione
I clienti e la gestione della Customer satisfaction
Customer satisfaction? No, grazie
La Customer satisfaction


cerca nel sito