PENSARE IN MANIERA LOGICA AIUTA AD
ELABORARE STRATEGIE

Staff di QualitiAmo

Il pensiero logico come supporto della strategia

pensiero logico strategia

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Per elaborare una strategia un buon punto di partenza è quello di ordinare in un flusso logico i pensieri.
La strategia infatti, se ci pensate bene, non è altro che un processo di pensiero estremamente ordinato perché il suo segreto poggia sulla capacità di pensare nell'ordine giusto.

La prima cosa su cui riflettere per costruire una strategia in maniera logica è capire cosa vogliamo ottenere, ovvero costringerci a partire dalla fine (dal risultato) per capire come raggiungerlo.
Stabilito l'obiettivo a cui tendere, possiamo iniziare a porci una sequenza di domande:

  • da quale situazione partiamo? Che cosa abbiamo in mano?
  • Quali sono le parti interessate in tutta questa faccenda? Cosa sappiamo su di loro? Quali informazioni abbiamo bisogno di avere da loro? Quali sono gli ostacoli che potrebbero porci e come si fa a superarli? Abbiamo preso in considerazione tutto ciò che potrebbe esserci utile per gtestire queste persone?
  • Di quali risorse abbiamo bisogno per raggiungere il nostro obiettivo?
  • Che cosa hanno bisogno di vederci fare, o di sentirci dire le persone per fare ciò che ci serve che facciano? Come possiamo fare in modo che questo accada?
  • I tempi sono maturi per mettere in atto la n0ostra strategia o sarebbe meglio spostarla di qualche settimana (o mese)?

Una strategia efficace basata su un pensiero logico non è mai a senso unico ma poggia su una certa interattività, coinvolgendo direttamente le persone per assicurarsi che abbiano compreso ciò che ci si aspetta da loro.
Una strategia efficace è bidirezionale o multidirezionale e prevede un atto di volontà diretto verso uno o più soggetti che reagiscono. C'è poi da chiedersi se la reazione ottenuta sia stata o meno quella che volevamo e, in caso negativo, perché (come si sarebbe potuta provocare la reazione che volevamo?)
Sono queste, essenzialmente, le domande da porsi per migliorare il nostro modo di pensare in maniera logica e la nostra capacità di mettere in atto strategie vincenti.

Uno stratega efficace sa che ogni strategia ha bisogno di adattarsi perché necessita di adeguarsi alle reazioni delle persone, a ciò che i detrattori dicono e ai cambiamenti avvenuti nell'ambiente in cui si sta mettendo in atto la strategia.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Adattare e cambiare strategia non è un segno di debolezza o di indecisione ma la base di quella chen può essere considerata una vera e propria disciplina. Molti dirigenti, invece, rifiutano di adattarsi e continuano a parlare la stessa lingua ripetendo le stesse parole nello stesso modo anche se chi li sente ormai non li ascolta più. Il famoso generale prussiano Helmuth Karl Bernhard von Moltke sosteneva, però, che: "nessun piano sopravvive al contatto con il nemico" e il pugile Mike Tyson era solito dire che: "si può avere un piano solo fino a quando non ci si ritrova a prendersi un pugno in faccia".

La strategia, dunque, va mantenuta allineata agli obiettivi che vogliamo raggiungere ma deve essere in grado di adattarsi rapidamente per seguire i cambienti intercorsi nell'ambiente o nella percezione di chi dobbiamo guidare e continuare a progredire verso l'obiettivo.

PER SAPERNE DI PIU':

Leadership e strategia: evoluzione nel tempo
Cos'è la strategia?


cerca nel sito