PAROLE PER FARSI CAPIRE - 2

Staff di QualitiAmo

Vi proponiamo un estratto dal libro "Guida all'uso delle parole" di Tullio De Mauro che abbiamo giudicato un testo estremamente interessante per imparare a parlare e scrivere in modo semplice e preciso per farsi capire meglio dagli altri

comunicazione


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

(...)

La grande libertà di scelta che abbiamo con le parole abbiamo anche con le frasi. I tipi di frase possibili in una lingua sono infiniti ma, anche a badare soltanto ai tipi più comuni, ci troviamo dinanzi a una massa sterminata.
Dalle frasi "monoreme" fatte di una sola parola ("Grazie", "No", "Via!"), si passa alle frasi fatte da più parole, ma senza verbo ("Per di qui", "Via libera", "Scarpe grosse cervello fino"). E da queste si passa a frasi più complesse, fatte di più parole raccolte intorno a un verbo, cioè fatte di una proposizione.

Diversi procedimenti consentono di mettere insieme più proposizioni in una stessa frase. Il procedimento più semplice è la giustapposizione, cioè l'allineamento di proposizioni l'una accanto all'altra, senza congiunzioni ("Prendo, parto, vado via, voglio vivere come dico io"). Le congiunzioni coordinanti o avversative ("e", "ma") marcano il rapporto di proposizioni nella stessa frase. Frasi con proposizioni collegate solo da congiunzioni coordinanti si dicono paratattiche (dal greco "parà", accanto, e "taktikos", ordinato). Il procedimento più complesso è la subordinazione: una proposizione viene scelta come principale e le altre vengono collegate ad essa attraverso congiunzioni subordinanti, tipo "quando", "perché", o attraverso i pronomi relativi ("che", "in cui", "da cui", ecc.).

(...)

Una lunga tradizione scolastica raccomanda le frasi con subordinate come più logiche o gradevoli. In realtà, dall'antichità classica ai nostri giorni grandissimi scrittori hanno preferito frasi solo debolmente ipotattiche.
Dal punto di vista del gusto non è facile decidere. Scrittori che usano frasi brevi e debolmente ipotattiche raggiungono risultati artistici non meno famosi di scrittori che preferiscono frasi ampie e ipotattiche. E se è vero che frasi troppo lunghe possono stancare i lettori, è vero pure che il susseguersi di frasi brevi può alla lunga riuscire noioso, monotono e, alla fine, altrettanto stancante.

Lasciamo perciò da parte la questione del gusto. Limitiamoci ad alcune considerazioni pratiche.

L'uso di frasi brevi, dunque debolmente ipotattiche, favorisce la comprensione di un testo. Frasi più lunghe di venti parole riescono di difficile comprensione a chi ha livelli scolastici modesti. Possiamo usarne una, due, se ci servono. Troppe stancano.

(...)

In generale, non vi è frase che non guadagni in chiarezza semplificandone i rapporti di dipendenza tra le proposizioni che la compongono.

(...)

Si può constatare che la semplificazione dei rapporti ipotattici e la loro trasformazione in paratattici o, al limite, giustappositivi, non soltanto favoriscono l'accessibilità alla frase, ma consentono di abbreviarne notevolmente l'estensione. Non usate proposizioni dipendenti. Usate proposizioni coordinate. Oppure spezzate in due la frase. Guadagnerete in chiarezza e anche in rapidità.
Naturalmente è onesto sottolineare, oltre i vantaggi, gli svantaggi delle frasi brevi, di sintassi semplice. Frasi brevi e limpide si capiscono bene. La mente del lettore o dell'ascoltatore non è tutta impegnata nello sforzo, a volte disperato, di uscire dall'intrico delle subordinate. La mente del lettore può correre alla sostanza concettuale e un maggior numero di menti può dedicarsi a questo compito. Di conseguenza, se nel ragionamento c'è un punto debole, le frasi brevi e lineari rendono più facile scoprirlo.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Chi vuole che il suo punto di vista non sia sottoposto a controlli e verifiche, farà bene a usare frasi molto lunghe, ricche di subordinate e incastrate una dentro l'altra. Chi desidera sottoporre alla verifica e al controllo dei lettori i propri ragionamenti li versi in frasi brevi, lineari.

(...)

PER SAPERNE DI PIU':

Il punto 5.5.3 della norma - La comunicazione interna spiegata dalla ISO 9001
Il communication plan
La comunicazione interattiva base della certificazione alimentare
Metodi di comunicazione
La gestione strategica: fase 2 - la comunicazione
Responsabilità, autorità e comunicazione
I sistemi informativi e la comunicazione
Aforismi sulla comunicazione


cerca nel sito