LA NUOVA ISO 9001:2015

Staff di QualitiAmo

Diamo uno sguardo alla futura ISO 9001:2015 e al suo approccio improntato al risk management

iso-9001-2015

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Come molti di voi già sapranno, la nuova ISO 9001:2015 amplierà l'approccio basato sui rischi che è sempre stato implicito anche nelle precedenti versioni della norma perché ragionare in termini di possibili rischi che potrebbero accadere è qualcosa che ogni professionista della Qualità dovrebbe essere portato a fare automaticamente per ottenere i risultati migliori dal suo lavoro.

La nuova versione della norma rende la gestione dei rischi un requisito esplicito, calandolo in ogni parte del documento in modo da assicurare che le organizzazioni imparino a pensare in questo modo nuovo fin dall'inizio, ancora prima di ipotizzare i processi che andranno a costituire il loro Sistema di Gestione della Qualità.
E' grazie a questo "nuovo" modo di vedere le cose che le azioni preventive troveranno finalmente un senso anche all'interno di sistemi che le adottavano semplicemente per adempiere a un requisito ma che non le avevano mai davvero interiorizzate. Le azioni preventive dovranno essere pianificate a un livello più alto di quello adottato dalla maggioranza delle aziende perché fanno parte di una pianificazione strategica dei rischi e delle opportunità.

Dobbiamo abituarci, infatti, a non dare sempre e solo una connotazione negativa alla parola "rischio". I rischi, infatti, possono rappresentare anche delle opportunità se vengono analizzati e gestiti all'interno di un sistema che permetta di trarre vantaggi dalla loro individuazione precoce.

Ma come si può calare l'idea di "rischio" all'interno di una norma che, in fondo, serve per costruire un sistema di gestione capace di gestire il lavoro di un'organizzazione in modo da fornire ai clienti prodotti o servizi conformi?
Il rischio, nella sua connotazione negativa, è legato proprio all'incertezza di centrare questo obiettivo mentre, se proviamo a esaminarlo dal punto di vista della possibilità di cogliere un'opportunità, dobbiamo impegnarci per soddisfare il cliente al di là delle sue ragionevoli aspettative.

Ecco che le organizzazioni avvedute non hanno mai avuto bisogno di scrivere finte azioni preventive per soddisfare l'auditor che doveva confermarne la certificazione perché esaminare ciò che potrebbe farle crescere o ciò che potrebbe creare loro problemi fa parte del lavoro quotidiano dato che è l'unico modo "sano" di tenere a bada la concorrenza, di guadagnare fette di mercato e di fidelizzare i clienti o gli utenti.
Entrare nel gioco al massacro della diminuzione costante dei prezzi, del taglio dei costi selvaggio e dell'impoverimento costante di tutto ciò che potrebbe rappresentare un valore aggiunto (il know-how delle risorse umane, la professionalità dei collaboratori, un atteggiamento collaborativo da parte dei fornitori) serve solamente a restare a galla fino a quando qualcuno non riuscirà a tagliare più di voi per portare sul mercato il proprio prodottto ad un prezzo inferiore.

E' questo quello che vogliamo? E' questo il lavoro che ci aspetta?
Precariato, competenze ridotte a zero, lavoratori insoddisfatti, clienti che continuano insistentemente a pretendere di pagare sempre meno dato che non sappiamo offrire loro niente di più?
La nuova ISO 9001:2015 ha ben altre idee sul futuro professionale di tutti noi e questa volta converrà davvero dare retta a chi per tanti anni, anche se forse troppo timidamente, ci ha indicato l'unica strada da percorrere per lavorare bene.

Un approccio al lavoro basato su una gestione intelligente dei rischi porta benefici enormi perché ci costringe ad essere sempre pronti e, portandoci a gestire nel migliore dei modi le cose ordinarie, ci lascia spazio, tempo e serenità per fronteggiare eventi straordinari e inattesi e per riuscire a gestirli nel migliore dei modi, anche trasformandoli in opportunità.
E' questo il significato dell'essere proattivi, basare il proprio lavoro su una cultura della prevenzione e del miglioramento.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Nel nostro nuovo libro sulla ISO 9001:2015 entriamo nei dettagli e spieghiamo in quali parti la nuova ISO 9001:2015 affronta in maniera esplicita la gestione dei rischi, come individuarli all'interno della propria quotidianità, come analizzarli e dare loro una priorità di intervento e come affrontarli mediante una buona pianificazione strategica.

Come vedete, non c'è nulla di davvero nuovo in tutto questo perché era tutto già implicito nelle versioni precedenti della ISO 9001 e, soparttutto, nella ISO 9004 ma quante organizzazioni hanno impostato il loro lavoro, i loro processi, i loro documenti e la loro gestione quotidiana su questo semplicissimo principio?

Nella sezione del forum dedicata ai lettori del nostro libro "La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi", abbiamo caricato un documento nel quale Il Comitato Tecnico ISO TC 176/SC2 spiega in maniera dettagliata l'approccio per processi e ci sembra un sunto importante da conoscere prima di leggere le pagine dove vi spieghiamo operativamente come agire all'interno delle vostre organizzazioni.

PER SAPERNE DI PIU':

La ISO 9001:2015 e i rischi - Cosa bisogna fare per adempiere ai nuovi requisiti?
La futura ISO 9001:2015


cerca nel sito