MIGLIORARE IL MODO IN CUI FACCIAMO I
BRAINSTORMING

di Alberto Luci

Spingere sull'innovazione grazie a un brainstorming condotto nel migliore dei modi

brainstorming

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

L'innovazione, non importa quale forma prenda, inizia sempre da una nuova idea. Per generare nuove idee con un grande potenziale dobbiamo, però, abituarci a pensare in maniera più creativa.

Il brainstorming è una delle metodologie più comunemente utilizzate per innovare anche se, spesso, viene condotto male e non porta i risultati sperati perché, ad esempio, manca una persona che sappia guidarlo efficacemente,oppure gli obiettivi che si vogliono centrare non sono chiaramente definiti o, ancora, si permette ai partecipanti di annoiarsi.
Il vero punto debole di un brainstorming condotto male è la mancanza di formazione di chi guida la sessione che, spesso, conosce solo un paio di tecniche per stimolare la creatività e non ha altre caratteristiche che lo rendano idoneo ad assumersi questo compito delicato. E' importante, infatti, che questa persona sia in grado di pianificare bene il lavoro, sappia stabilire le regole da seguire, faccia fare alle persone alcuni esercizi di riscaldamento e fissi i criteri per valutare le idee una volta che saranno state generate.

Un brainstoming, infatti, va prima di tutto accuratamente pianificato per far sì che il flusso delle idee scorra in maniera più produttiva dall'inizio alla fine.
Pianificare significa, ad esempio:

  • determinare l'obiettivo del brainstorming
  • identificare quali partecipanti potrebbero dare al brainstorming un contributo migliore segliendoli in base alle competenze, alle loro conoscenze, alle esperienze fatte e alla loro predisposizione nei riguardi di attività del genere. Conformisti, persone poco obiettive o perspicaci e collaboratori non disponibili ad esporsi anche ad eventuali rischi saranno, infatti, poco utili
  • spiegare bene al gruppo quali regole occorra seguire
  • identificare le tecniche migliori per stimolare idee in quel particolare gruppo di persone
  • stabilire i criteri per valutare le idee raccolte
  • decidere quali fasi seguiranno l'individuazione delle idee migliori

Soffermiamoci per un momento sulla scelta dei partecipanti perché è importante capire che alcune persone vanno assolutamente evitate se si vuole che una sessione di brainstorming abbia successo. I cosiddetti "vampiri", ad esempio, sono coloro che cercano di accentrare l'attenzione sulla loro figura, dominando la conversazione, sponsorizzando in ogni modo le loro idee e facendo sì che l'intero gruppo si uniformi a ciò che pensano. Un'altra categoria da evitare è formata dai "pessimisti", coloro - cioè - che vedono qualcosa di estremamente negativo in ogni idea scaturita dal brainstorming perché è difficile da mettere in pratica, oppure costa troppo o, ancora, non funzionerebbe là dove si vuole applicarla.

Il pensiero che porta all'innovazione è stimolato attraverso la curiosità, l'immaginazione e l'ispirazione che possono scorrere liberamente solamente quando le persone vengono esposte ad una grande varietà di stimoli (idee, concetti, immagini, parole, informazioni, dati, suoni, social media, eventi, televisione, libri, riviste, film, spettacoli teatrali, concerti, musei, viaggi, natura, ecc.). Sono i nuovi stimoli che aiutano il cervello ad associare cose anche molto differenti tra loro per creare nuove connessioni e riuscire a cogliere similitudini tra cose non correlate tra loro e questa è la base dell'innovazione.

Anche stabilire le regole per il buono svolgimento del brainstorming è fondamentale perché le persone partecipano più attivamente quando il tutto si svolge in un ambiente che supporta la creazione di nuovi spunti senza giudicare e stimolare atteggiamenti di chiusura.
E' importante che tutti i partecipanti capiscano che durante il brainstorming vanno sospesi i giudizi perché nessuna idea deve essere considerata un'idea sciocca. Si deve mirare alla quantità di spunti, non alla loro qualità che verrà affinata con un lavoro successivo a quello del brainstorming, mediante la scelta delle idee migliori che si baserà su criteri che dovremo aver stabilito a priori per decidere quali caratteristiche, attributi o benefici dovranno avere le idee individuate per poter essere definite "vincenti".

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Ad esempio, se stiamo sviluppando idee per migliorare un processo, le caratteristiche vincenti potrebbero essere:

  • efficienza (risparmio di tempo, sforzi, soldi, materiali o risorse in generale)
  • miglioramento della produttività
  • flessibilità

PER SAPERNE DI PIU':

Il brainstorming: descrizione dello strumento
Cosa occorre per fare un brainstorming
le tecniche del brainstorming
Quando è utile un brainstorming
I vantaggi del brainstorming



cerca nel sito