IL PUNTO 9.2 DELLA ISO 9001:2015 -
GLI AUDIT INTERNI

Staff di QualitiAmo

Esaminiamo il nuovo paragrafo 9.2 della ISO 9001:2015 per capire cosa cambia nella conduzione degli audit interni

9-2-iso-9001-2015-audit

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Torniamo sull'argomento degli audit della ISO 9001:2015 per capire come il nuovo standard regolamenti lo svolgimento delle verifiche ispettive interne

La nuova ISO 9001:2015 prevede che l'organizzazione che decide di adottarla conduca ad intervalli regolari le verifiche ispettive al fine di fornire informazioni sull'andamento del Sistema Qualità.
Lo scopo di questo lavoro è quello di provare che il sistema è conforme ai requisiti stabiliti dall'organizzazione e a quelli della ISO 9001. Attraverso gli audit, inoltre, si verificherà che il sistema venga efficacemente attuato e mantenuto.

l programma di audit, che deve essere stabilito, attuato e mantenuto, dovrà includere almeno le seguenti informazioni:

  • la frequenza delle verifiche;
  • le modalità del loro svolgimento;
  • l’indicazione delle responsabilità (attenzione perché questo è un requisito nuovo);
  • la pianificazione dei requisiti;
  • l'esigenza di un reporting

Per stabilire come pianificare le verifiche, è fondamentale considerare gli obiettivi della qualità fissati dall’organizzazione e l'importanza dei singoli processi da verificare.
A queste considerazioni andranno associati i dati derivanti dagli audit precedenti, quelli dei feedback dei clienti ed eventuali cambiamenti recenti che hanno riguardato un processo e che necessitano di una verifica della sua efficacia e della sua efficienza.

Per svolgere le verifiche ispettive in maniera efficace andranno, poi, definiti i criteri degli audit che verranno seguiti comprendendo anche tutti i ragionamenti relativi alla comunicazione dei risultati delle verifiche (ad esempio alla Direzione e a tutti i responsabili interessati) e alla gestione delle eventuali azioni correttive necessarie a seguito del risultato di una verifica.

La nuova ISO 9001:2015 non richiede più che dopo lo svolgimento degli audit si svolgano azioni di follow-up per verificare che le azioni raccomandate siano state effettivamente intraprese ma specifica che eventuali azioni correttive dovranno essere portate avanti senza indugio.
Nel capitolo dieci, dove si affronterà l'argomento, si aggiungerà che occorre conservare la prova dei risultati delle eventuali azioni correttive e verificarne l'efficacia.

Un nuovo requisito associato alla bozza della ISO 9001.2015 è quello di considerare i rischi connessi per poter effettuare una buona pianificazione del programma di audit.
Prendere in considerazione i rischi significa ragionare sul fatto che il programma delle verifiche ispettive potrebbe non raggiungere i suoi obiettivi oppure che l’audit potrebbe interferire con le attività e i processi del sistema che si stanno controllando.

La bozza del nuovo standard richiede anche che vengano selezionati gli auditor per condurre le verifiche ispettive interne e specifica che essi dovranno essere scelti in modo da assicurare al giudizio complessivo obiettività e imparzialità. Dal nuovo testo della norma è stata eliminata la frase: "I valutatori non possono effettuare verifiche ispettive sul proprio lavoro" e all'organizzazione viene, quindi, lasciata libera scelta in merito a come procedere per assicurare obiettività e imparzialità.

La nuova norma, come è ovvio, richiede anche che sia conservata la prova dell’attuazione del programma degli audit così come è stato pianificato e del controllo dei risultati.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Rispetto alla ISO 9001: 2008, vediamo che il paragrafo che si occupa degli audit interni è stato spostato dall’8.2.2 al nuovo 9.2., nel capitolo 9 che si occupa della valutazione delle performance.
Rispetto alla ISO 9001:2008 vediamo che non è più obbligatorio avere una procedura documentata relativa agli audit.
Ancora una volta possiamo accorgerci di come la nuova ISO 9001:2015 abbia sostituito la parola “registrazioni” con il nuovo termine “informazione documentata” che comprende le vecchie registrazioni e i vecchi documenti.

PER SAPERNE DI PIU':

La futura ISO 9001:2015


cerca nel sito