ISO 9001:2008 E NUOVA ISO 9001:2015 -
QUALI SONO LE PRINCIPALI DIFFERENZE?

Staff di QualitiAmo

In cosa consistono le principali differenze tra l'attuale norma e la futura ISO 9001:2015 che verrà pubblicata alla fine di quest'anno? Scopriamole insieme!

iso-9001-2015-differenze-iso-9001-2008

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La prima differenza fondamentale che possiamo vedere analizzando la famiglia delle norme ISO 9000 è che, con l'avvento della futura ISO 9001:2015, i documenti che fanno parte di questo gruppo passano da quattro a tre perché la ISO 19011:2011 non ne farà più parte.

Passando a quella che appare la differenza sostanziale tra le versioni precedenti dello standard e la nuova ISO 9001:2015, ovvero la gestione dei rischi, vediamo che prima - al paragrafo 0.4 - era la stessa norma a precisare che: "La presente norma internazionale non include requisiti specifici di altri sistemi di gestione, come quelli particolari per la gestione ambientale, per la gestione per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per la gestione finanziaria o per la gestione dei rischi. Essa offre tuttavia la possibilità, ad un'organizzazione, di allineare o integrare i requisiti del proprio sistema di gestione per la qualità con quelli attinenti ad altri sistemi di gestione correlati. È anche possibile, per un'organizzazione, adattare il/i sistema/i di gestione in atto per realizzare un sistema di gestione per la qualità che sia conforme ai requisiti della presente norma internazionale".
Si permetteva, dunque, di effettuare una valutazione dei rischi all'interno del proprio Sistema Qualità ma non lo si rendeva obbligatorio.

La ISO 9001:2015 del risk management fa, invece, una delle sue importantissime basi. Certo, parlare di gestione dei rischi in questo ambito potrebbe creare molta confusione ed è per questo che la norma - al paragrafo 0.5 - pur prendendo come riferimento la ISO 31000, sposta l'attenzione sul "risk based thinking" più che su un vero e proprio risk management.
Certo, nella gestione dei rischi una parte preponderante è legato alla soggettività e questo potrebbe far insorgere problemi nell'interpretare, controllare e gestire il percorso verso la certificazione del proprio Sistema Qualità.

Esaminando e confrontando i testi delle due norme, vediamo anche che la futura ISO 9001:2015 cita in maniera specifica la "cultura", i "fattori esterni" e le "condizioni socio economiche", concetti che prima appartenevano alla ISO 9004, ovvero a un documento che non raccoglie i requisiti restrittivi di una vera e propria norma ma che costituisce una linea guida per migliorare il proprio Sistema Qualità.
Se da una parte, dunque, non possiamo che dirci contenti che si provi a innalzare il concetto stesso di "Qualità" per renderlo uno strumento di gestione adatto a fornirci una rotta in questi tempi di crisi, dall'altra è inevitabile pensare che introdurre tutto questo nei requisiti complicherà notevolmente il lavoro delle nostre aziende che potrebbero rimanere spiazzate nell'adeguarsi al nuovo standard.

Un'altra cosa che possiamo esaminare confrontando la ISO 9001:2008 con la ISO 9001:2015 è che entrambe le norme parlano di miglioramento e di valutazione delle performance ma la ISO 9001:2015 ha dato ad entrambi questi due requisiti un proprio spazio specifico.

Altri due cambiamenti importantissimi li abbiamo nei capitoli quattro e cinque.
Nel capitolo quattro, "Contesto di un'organizzazione", vediamo che l'attuale "Sistema di gestione per la qualità" èdiventato "Sistema di gestione per la qualità e processi" e che dal dare il titolo a tutto il capitolo è passato ad essere un semplice paragrafetto. Sembra un cambiamento lieve e lo sarà per quanti non si sforzano di esaminare a fondo il testo della nuova ISO 9001:2015, ma il concetto che sta alla base è completamente differente e si riallaccia al cambiamento del capitolo cinque che ci parla di leadership e non più di responsabilità della direzione. Ne abbiamo parlato diffusamente nel nostro nuovo libro perché questa è una differenza sostanziale che cambierà completamente l'approccio ai sistemi di gestione (o, meglio, lo cambierà per quelle organizzazioni che ancora non avevano colto il vero spirito della norma).

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Cosa ne pensate? C'è qualcosa che vi lascia perplessi in questa nuova norma? Qual è l'aspetto che giudicate più ostico in vista di una sua futura applicazione? Ne parliamo sul forum?

PER SAPERNE DI PIU':

La futura ISO 9001:2015


cerca nel sito