GESTIRE IL PROPRIO TEMPO PER
MIGLIORARE LA VITA - 3

Staff di QualitiAmo

Quante cose potreste migliorare nella vostra vita se imparaste a gestire meglio il tempo che avete a disposizione?

time-management

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

(Seconda parte)

Abbiamo già stabilito che controllare le nostre vite significa controllare il nostro tempo e che controllare il nostro tempo significa controllare gli eventi nelle nostre vite.
Perché, allora, la maggior parte di noi ha così tanti problemi a realizzare le cose che hanno un significato enorme nel lungo termine? Perché non riusciamo mai ad arrivare a quelle cose che contano veramente?

Ci sono diverse possibili risposte a questo dilemma.
Una è che siamo incorsi involontariamente in due errori sul tempo che ci impediscono di affrontare efficacemente gli eventi della nostra vita. Il primo errore è che pensiamo che avremo più tempo in una data futura non ben specificata (la prossima settimana, il prossimo mese, l'anno prossimo o quando i bambini saranno cresciuti). Il secondo errore è che pensiamo di poter in qualche modo risparmiare del tempo per il futuro ma la verità è che ci vengono dati 86.400 secondi al giorno, né più né meno, e che non possiamo mettere da parte nessuno di questi per utilizzarli in un secondo momento. Questo significa che, quando diciamo a qualcuno "Non ho tempo", non stiamo dicendo la verità perché abbiamo tutto il tempo necessario. Quello che dovremmo dire è che abbiamo intenzione di riempire il nostro tempo con altri eventi. Le stesse menzogne, ovviamente, le raccontiamo anche a noi stessi. Quante volte ci diciamo bugie ingenue per convincerci che non abbiamo tempo di fare qualcosa che, in realtà, non vogliamo fare? Quello che dovremmo davvero dirci è che abbiamo permesso ad eventi insignificanti come guardare la TV o consultare la pagina Facebook di un amico di diventare più preziosi di eventi che sarebbero ben più significativi come, ad esempio, partecipare a quel corso di formazione che consideriamo importante per il nostro avanzamento di carriera.
Non c'è niente di male in tutto questo, intendiamoci. La cosa importante è incominciare ad essere onesti almeno con noi stessi e riconoscere che passiamo il tempo a fare cose che per noi sembrano più importanti, almeno in quel momento.

Ci sono eventi che catturano la nostra attenzione e ci distraggono da ciò che conta davvero e questo significa che su di loro non abbiamo alcun controllo. Tra l'altro, quando ciò accade, la nostra produttività diminuisce e così diminuisce anche la nostra autostima.

Questi eventi che ci allontanano da ciò che dovremmo fare sono anche molto costosi in termini di opportunità e per spiegarvi meglio cosa intendiamo vi facciamo subito un piccolo esempio.
Supponiamo di darvi diecimila euro in banconote da cento euro e di chiedervi semplicemente di spendere i soldi entro mezzanotte. Questo è tutto. A mezzanotte, ci ripresenteremo alla vostra porta per ritirare i soldi che non avete speso e che, di conseguenza, perderete.
Avreste ancora dei soldi a mezzanotte? Ovviamente no.
Ecco, il tempo è un po' come il denaro. Quando decidete di passare un'ora a guardare la TV, avete scelto di dedicare quegli "euro" all'acquisto di una merce che dovrebbe rendervi felici.
Forse ragionare in questi termini aiuta a capire che il tempo è prezioso e che scegliere a cosa dedicarlo è importante. Bisognerebbe prestare più attenzione a come lo sprechiamo, esattamente come stiamo attenti a non sprecare o a non farci rubare i nostri soldi.

L'elenco di "ladri di tempo" è infinito e può variare da persona a persona ma avere un'idea di quello di cui stiamo parlando vi aiuterà, forse, a mettervi in guardia da chi prova a rubare il vostro bene più prezioso.

Ci sono ladri di tempo imposti dall'ambiente in cui si lavora e poi ci sono quelli autoinflitti.
Eccovi una carrellata dei ladri di tempo imposti:

  • interruzioni
  • attesa per avere delle risposte
  • lavori da svolgere che non sono stati ben spiegati
  • riunioni inutili
  • troppo lavoro che tende a sovrapporsi
  • comunicazioni sbagliate
  • slittamento delle priorità
  • macchinari e strumenti che non funzionano o che funzionano male
  • capo disorganizzato
  • conflitti
  • personale non addestrato
  • mancanza di autorità
  • errori
  • scadenze cambiate di continuo
  • ecc.

Ed eccovi una serie di esempi di ladri di tempo che vi infliggete da soli

  • paura di delegare
  • disorganizzazione personale
  • poca capacità di ascolto
  • indecisione
  • mancanza di autodisciplina
  • compiti lasciati da parte prima di completarli
  • procrastinazione
  • obiettivi personali poco chiari
  • perfezionismo
  • mancanza di pianificazione
  • preoccupazione
  • ecc.

Non tutti questi ladri di tempo sono evitabili. Alcuni, come le riunioni e la mancanza di autorità, potrebbero essere al di fuori del nostro controllo ma la maggior parte di loro si insinua nelle nostre vite rubandocele senza che nemmeno ce ne rendiamo conto. Improvvisamente il nostro tempo è finito, abbiamo speso le ore che avevamo a disposizione per quel giorno e non sappiamo nemmeno dove siano andate a finire.

Seguendo l'esempio che vi abbiamo riportato, provate a scrivere quali sono i vostri ladri di tempo e divideteli nei due gruppi. Poi date loro un punteggio, da uno a dieci, e iniziate a pensare attivamente a come eliminare i dieci borseggiatori peggiori del vostro elenco.

Secondo gli studiosi, i cinque rapinatori di tempo più popolari e diffusi sono:

  • interruzioni
  • procrastinazione
  • slittamento delle priorità
  • scarsa pianificazione
  • tempo trascorso in attesa di risposte che non arrivano

Tre di questi ladri li ritrovate nella prima lista, quella dei ladri di tempo imposti, mentre gli altri due provengono dalla seconda e sono, quindi, autoinflitti. Ma la cosa davvero triste comune a tutti e cinque questi rapinatori di tempo è che si tratta di comportamenti abituali per la maggior parte di noi. In altre parole, il modo in cui abbiamo perso tempo oggi è più o meno lo stesso di quello in cui abbiamo perso tempo la settimana scorsa e il mese scorso. E a meno di creare un piano per eliminarli, continueremo a perdere tempo secondo lo stesso schema ogni giorno per il resto della nostra vita.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Quarta parte)

PER SAPERNE DI PIU':

Trucchi per organizzarsi
Trucchi per organizzarsi (2)
Trucchi per organizzarsi (3)
Trucchi per organizzarsi (4)
Impariamo il Time management con Colorhat
Time management: l'arte di organizzare il proprio tempo



cerca nel sito