GESTIRE LA PRODUZIONE PER ESSERE
COMPETITIVI

Staff di QualitiAmo

Anche una gestione intelligente del proprio ciclo produttivo può contribuire ad aumentare la competitività di un'azienda. Impariamo come.

produzione competitiva

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Da sempre le aziende, per imporsi con efficacia sui mercati, hanno bisogno di imparare a gestire al meglio le loro produzioni. Si può dire che l'uomo provi a gestire la produzione da sempre. Già i grandi cantieri delle piramidi, infatti, invitarono a fare le prime riflessioni su approvvigionamenti, gestione delle risorse e standardizzazione delle singole attività.

Per essere in grado di fornire un prodotto a un cliente, l'impresa deve essere capace di mettere in campo numerose risorse (mezzi per la produzione, mezzi di trasporto, macchinari, ecc.), coordinare numerosi interventi interni ed esterni, gestire le materie prime, gli acquisti e le parti da mettere in lavorazione.
Tutto questo, naturalmente, va fatto tenendo conto dell'ambiente in cui si dovrà lavorare che spesso è instabile a causa delle variazioni climatiche, di quelle legislative, delle oscillazioni di prezzo, delle tempistiche sempre più strette, dei livelli qualitativi, ecc.

Per riuscire, dunque, a produrre serenamente qualcosa occorre un minimo di organizzazione e di gestione. Obiettivo della gestione dei flussi produttivi è, appunto, quello di avere il controllo su tutta questa complessità e sappiamo che un ottimo modo per gestire le cose complesse è cercare di semplificarle il più possibile.

Come abbiamo accennato all'inizio, la gestione della produzione è un punto importante da tenere in considerazione se si vuole provare a migliorare la propria competitività. Se, infatti, fabbricare prodotti di qualità è una condizione necessaria per entrare in gara con la concorrenza, non è certo sufficiente. Bisogna essere in grado di produrre in tempi brevissimi, declinando i propri prodotti in una gran varietà di tipologie in modo da essere in grado di soddisfare ogni cliente. Oltre a tutto questo, occorre anche fabbricare solamente ciò che serve, senza aggiungere attività inutili e focalizzandosi su ciò che fornisce valore aggiunto al cliente.

La complessità dei flussi produttivi e delle informazioni necessarie per portarli a termine sono nemiche della velocità nelle lavorazioni e allungano irrimediabilmente i tempi di attraversamento e di stoccaggio dei prodotti.
Vediamo, ad esempio, alcuni elementi legati alla competitività sui quali una gestione intelligente della produzione può avere un'influenza considerevole:

  • il livello dei magazzini che rappresenta una grande massa di capitale finanziario immobilizzata, senza contare il rischio concreto di trovarsi con obsolescenze, prodotti scaduti e merce da gettare via.
    Bisogna essere coscienti che tutto questo ha un costo che si può e si deve diminuire, a volte fino quasi fino a farlo sparire completamente (ma, in questo caso, parliamo di aziende organizzate con il metodo Just-In-Time, ovvero estremamente progredite)
  • anche i trasporti meritano una riflessione approfondita perché trasportare in giro un prodotto non fornisce valore aggiunto al cliente, contribuisce a tardare la consegna finale, prevede un aumento dei costi associati all'acquisto di mezzi di trasporto, ecc.
    Un'organizzazione avveduta si sforzerà di ottimizzare, far diminuire o addirittura sopprimere la maggioranza delle movimentazioni
  • per fornire un prodotto occorre disporre di una certa quantità di informazioni che si traduce in una serie di documenti o registrazioni elettroniche.
    Se tutta questa mole di informazioni non viene gestita nel modo corretto, c'è il rischio di commmettere errori anche molto gravi; ecco perché una gestione intelligente della produzione deve prendere in considerazione anche questo aspetto.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

I problemi relativi alla gestione produttiva sono, dunque, sicuramente di ordine finanziario ma anche organizzativo ed è proprio l'organizzazione della produzione ad essersi evoluta nel corso della storia dell'industrializzazione fino a porsi oggi stabilmente nel cuore delle strategie di qualunque impresa avveduta.

PER SAPERNE DI PIU':

Gli strumenti della Lean manufacturing
Come implementare la Produzione snella
Il modello giapponese
Lean manufacturing per accrescere la competitività
I primi rudimenti per comprendere la Lean manufacturing
Produzione snella e produzione di massa a confronto
Produzione snella applicata
Modello giapponese e produzione snella
Traghettare la vostra organizzazione verso la Produzione snella
I principi della Produzione snella
Il modello giapponese: Produzione snella e Company Wide Quality Control
Oragnizzazione snella e Lean manufacturing
Come realizzare l'azienda snella
La produzione snella: presentazioni in PowerPoint
Ergonomia e Lean manufacturing


cerca nel sito