LA FORMAZIONE E LA CRESCITA DI
SUPERVISORI E RESPONSABILI - 2

di Staff di QualitiAmo

Mantenere aggiornate le competenze di chi deve guidare gli altri è fondamentale. Impariamo come farlo al meglio

formazione responsabili

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(prima parte)

Sono quattro le tipologie di persone che possono prendersi carico della responsabilità della formazione di un supervisore o di un responsabile. Vediamole nello specifico.

Il supervisore - ogni responsabile è ovviamente libero di occuparsi personalmente della propria crescita professionale. Tra l'altro, sono molte le organizzazioni che consentono ai loro livelli intermedi di stilare un piano per la propria autoformazione che poi, se autorizzato dalla Direzione, viene supportato dall'azienda.
Il fatto, però, che al supervisore venga affidata la responsabilità della propria autoformazione non significa che ne abbia anche l'autorità per deciderne le modalità. Nel tempo libero, infatti, ogni professionista potrà formarsi come meglio crede (frequentando corsi, leggendo libri, seguendo i forum di settore) ma molto probailmente non potrà spendere né il denaro né il tempo della sua organizzazione per rafforzare questo programma di formazione. In questo caso, saranno solamente le persone davvero motivate a poter puntare su crescita e formazione.

Il responsabile del supervisore - ogni capo dovrebbe sentire pienamente la responsabilità della crescita dei propri uomini e questo ha anche una certa logica perché i capi dovrebbero essere responsabili delle performance dei loro collaboratori e queste performance, spesso, dipendono più o meno direttamente dalla formazione erogata.
I capi, naturalmente, hanno il potere di decidere di far svolgere ai propri uomini un corso di formazione, oppure di invitarli a leggere libri specifici o, ancora, di chiedere loro di svolgere alcune attività per migliorare conoscenze e competenze.

Il top management - la Direzione ha una responsabilità particolare nei confronti della formazione dei supervisori perché deve preoccuparsi di creare l'ambiente adatto alla crescita professionale di ogni lavoratore oltre che di fornire le risorse (tempo e denaro) affinché la formazione necessaria possa essere erogata.
Il top management è sicuramente composto da figure che hanno un'autorità a 360 gradi per formulare le politiche formative e per approvare i relativi stanziamenti economici necessari alla loro attuazione. Il personale dovrà comprendere che la Direzione si impegna a fondo nella formazione che resta una priorità anche in tempi di crisi. Deve essere chiaro che la formazione è un investimento, non una spesa.
Oltre al supporto economico, i top manager dovranno fornire un certo monte ore lavorative da spendere in formazione perché è inutile chiedere alle persone di sostenere un corso se il loro carico di lavoro non consente di trovare mezz'ora libera per svolgerlo.

Gli specialisti della formazione - il professionista che si occuperà della formazione dei supervisori può benissimo essere un esterno e, in questo caso, si tratterà molto probabilmente di un consulente appositamente formato per svolgere al meglio questo lavoro.
Professionsiti abituati ad occuparsi della formazione saranno in grado di capire fin dalle prime volte quale iter segue ogni supervisore per apprendere e saranno capaci di studiare programmi ad hoc per far crescere ognuno di loro proprio nel campo in cui presentano maggiori segnali di debolezza allo scopo di sfruttare al massimo il loro potenziale.
In questo caso la formazione verrà erogata grazie ad un'influenza positiva che il professionista dovrà riuscire a sviluppare nei confronti del discente e non grazie al potere che una figura come quella del capo diretto o del top management potrebbero esercitare.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

I professionisti esterni all'organizzazione, ovviamente, non hanno alcuna autorità diretta sulle decisioni relative alla formazione e dovranno limitarsi a presentarealla Direzione la loro idea per lo sviluppo professionale delle singole persone.

PER SAPERNE DI PIU':

Il piano annuale della formazione
Aforismi sulla formazione
I documenti per gestire la formazione


cerca nel sito