UN COLLABORATORE SE NE VA?
CERCHIAMO DI TIRARE FUORI QUALCOSA
DI POSITIVO DA QUESTA ESPERIENZA
NEGATIVA

Staff di QualitiAmo

Le domande da fare quando qualcuno si licenzia

dimissioni

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Ogni volta che un collaboratore lascia l'azienda, questa ha un'occasione d'oro per imparare a impostare meglio il suo rapporto con le Risorse Umane. Come? Facendo una bella chiacchierata proprio con chi ha deciso di andarsene! Del resto, riuscite a pensare a una persona che potrebbe essere più sincera nell'elencare eventuali lacune dell'organizzazione per la quale ha lavorato?

Chi è dimissionario spesso parla volentieri e liberamente di come vengano visti il management e le decisioni che prende da parte dei collaboratori. Tutto quello che bisogna fare è rivolgere le domande giuste e ascoltare, ovviamente con l'umiltà necessaria per migliorare.

Chiedete alla persona che ha presentato le dimissioni di dare una sua opinione su ciò che l'organizzazione ha fatto bene e su ciò che, invece, ha fatto male. Mostrate interesse nelle osservazioni che vi verranno rivolte e cercate di ragionare su ciò che vi verrà detto.

Chiacchierate di questo genere possono aiutare la vostra organizzazione e identificare le ragioni che hanno portato ad avere un turnover alto e ad abbassare il morale dei lavoratori e sono di grande supporto nell'individuazione di condizioni di lavoro non ottimali. Oltretutto, possono fornire molte idee su come migliorare l'intera gestione dei rapporti con i collaboratori.
Allo stesso modo, per il lavoratore che se ne sta andando, è possibile riflettere sulla sua storia all'interno dell'azienda per mettere a fuoco i "pro" e i "contro" delle politiche e delle procedure e riuscire a valutare serenamente i rapporti con colleghi, collaboratori e superiori.

Come potete facilmente intuire, tanto materiale permette all'azienda avveduta di avere una visuale diversa sui suoi rapporti con i lavoratori e dovrebbe essere molto interessante per qualsiasi manager che si occupi di Risorse Umane.

Per fare in modo che la persona dimissionaria fornisca più informazioni possibili all'organizzazione, occorre spiegarle cosa si vuole esattamente da lei e lasciarle il tempo necessario per riordinare le idee e per riflettere.
Un colloquio fatto al volo e non preparato a dovere potrebbe non cogliere tutti i punti che la persona vuole mettere a fuoco. Lasciarle, invece, il tempo necessario per prepararselo a dovere la metterà nelle condizioni migliori per elencare tutte i problemi che, a suo giudizio, affliggono l'azienda.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

In ultimo, con le vostre domande cercate di tenere ben separati gli aspetti tangibili (chiedete, ad esempio, se il lavoratore aveva a disposizione tutti gli strumenti necessari per poter lavorare bene) e quelli intangibili (chiedendo, tra le altre cose, come valuterebbe l'etica dell'azienda).

PER SAPERNE DI PIU':

Cosa fare quando un elemento valido lascia l'organizzazione?
Le Risorse Umane


cerca nel sito