DEFINIZIONE E CONTROLLO DEL PROGETTO

Staff di QualitiAmo

Impariamo a gestire i due elementi fondamentali che governano un progetto: la sua definizione e il controllo costante

definizione e controllo del progetto

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Nell'organizzare un progetto occorre, prima di tutto, gestire le due componenti principali che lo caratterizzano:

  • la definizione
  • il controllo

senza prestare la dovuta attenzione a questi due elementi non sarà facile, infatti, centrare il risultato desiderato rispettando budget e tempistiche previsti per il progetto.

Gli elementi che definiscono un progetto

Gli elementi che contribuiscono a definire un progetto sono quattro:

  • lo scopo - cosa ci aspettiamo dal nostro progetto? Perché lo stiamo portando avanti? A quali conclusioni pensiamo di arrivare e quali soluzioni ai nostri problemi dovremmo ottenere?
  • le singole attività - in quante parti può essere spezzettato un progetto? Quali sono queste attività e per quanto tempo durano?
    Scomporre un progetto nelle sue parti essenziali è fondamentale per non vederlo come una cosa enorme e di difficile gestione. Una singola attività è più semplice da portare a termine rispetto ad un intero progetto e procedere per gradi è il metodo migliore per svolgere tutte le attività richieste
  • le tempistiche - qual è la data finale prevista per il completamenbto del progetto? Avendo quella data bene in mente, come possiamo organizzarci per svolgere, entro i tempi previsti, tutte le altre attività del progetto?
    Stimare e stabilire subito i tempi necessari per l'espletamento di ogni singola attività è il modo migliore per essere certi di rispettare la scadenza finale
  • il budget - quanto costerà il progetto? Quali sono le spese che dovremo affrontare per portare a termine il progetto? Il budget stimato è realistico?

Elementi che controllano un progetto

Gli elementi che contribuiscono ad esercitare un controllo sul progetto sono cinque:

  • il team - avendo ben chiaro lo scopo del progetto e come si articola, saremo in grado di definire il team che se ne occuperà e che sarà, molto probabilmente, interdisciplinare dato che per molti progetti è fondamentale avere una visione sfaccettata di eventuali problemi che potrebbero insorgere
  • il coordinamento - per la loro stessa natura, i progetti hanno bisogno di una gestione ferma perché spesso occorre coordinare al meglio persone che hanno esigenze differenti e fare in modo che questi sforzi comuni siano tutti indirizzati nella giusta direzione
  • il monitoraggio - riuscirete a rispettare le tempistiche e il budget previsti per il progetto solo se sarete in grado di individuare sul nascere eventuali problemi per correggerli immediatamente.
    E' fondamentale, dunque, stabilire e tracciare periodicamente gli indicatori necessari ad avere sempre il polso della situazione
  • l'azione - per gestire bene un progetto è necessario agire immediatamente ogni volta che ce ne fosse il bisogno. Prima interverrete e prima riuscirete a risolvere il problema senza creare troppe conseguenze negative

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

  • il completamento - mantenete alta l'attenzione fino al termine del progetto perché potreste rischiare di arrivare in ritardo anche quando il lavoro è stato completato al 99%.
    Non rilassatevi fino alla fine e monitorate il lavoro fino al suo completamento. Al termine, il lavoro non sarà ancora finito perché dovrete assicurarvi di aver scritto tutti i report necessari a mantenere memoria di ciò che avete fatto

PER SAPERNE DI PIU':

Project management: un'introduzione
Gestire i progetti in un'ottica di Qualità
Le competenze del Project manager
Le caratteristiche del Project manager
L'infrastruttura del Project management
Il Project plan - la Work Breakdown Structure
Il Project plan - lo Statement Of Work
Il Project plan - la lista delle risorse
Attivare un team di progetto
Le fonti di rischio in un progetto
Affrontare i rischi di un progetto
Il ruolo del Responsabile Qualità nella gestione di un progetto
Redigere il Project plan di un progetto della Qualità
Modulo per il project planning
Guidare la riunione del varo di un progetto
Valutare la qualità di un progetto
Valutare la qualità di un progetto (2)
Gestire i collegamenti vincolanti
Il mansionario del Direttore dell'Ufficio Tecnico
Note utili per redigere la procedura di progettazione
Progettare
La gestione collaborativa dei progetti
I libri: Six Sigma Project management
I libri: Project & Process Management. La gestione integrata di progetti e processi: una sfida organizzativa
La review di un progetto



cerca nel sito