LE CELLE PRODUTTIVE: PRO E CONTRO

Staff di QualitiAmo

Quali sono i pro e i contro di una produzione organizzata con le celle produttive?

cella produttiva

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Le celle produttive offrono molti "pro" e alcuni "contro". Esaminiamoli insieme.

I "pro" delle celle produttive

Le celle produttive riescono ad abbattere notevolmente il tempo che trascorre tra l'arrivo dell'ordine e la spedizione del prodotto al cliente (lead time).
L'abbattimento delle tempistiche si deve ai lotti più piccoli che sono tipici di questa tipologia di produzione e che risultano gestibili con maggiore facilità.

Un altro indubbio vantaggio che si deve all'utilizzo delle celle produttive è l'abbattimento dei "magazzini" dovuti al WIP (work in process) fuori dalle singole celle.

La conseguenza immediata della riduzione del WIP all'esterno delle celle è un risparmio netto di spazio.

Le celle produttive sono anche in grado si fornire una soglia di qualità maggiore perché eventuali problemi dovuti all'insorgere di problematiche che portano il processo ad essere fuori specifica vengono individuate e risolte prima.

Anche la comunicazione tra le singole celle è migliore vista la vicinanza tra gli operatori. Non si perde tempo ad attendere risposte, così come non si rischia di sbagliare per non aver colto un'informazione importante.

La cella produttiva spinge anche la persona che vi lavora a sentirsi responsabilizzata per il lavoro che viene fatto al suo interno, così come a risolvere con maggiore autonomia eventuali problemi.

I "contro" delle celle produttive

Uno dei contro che si riscontrano più spesso nell'organizzazione per celle produttive è che, quando è presente un solo tipo di macchinario all'interno della cella, l'intera cella rimane ferma in caso di un fermo macchina perché si blocca l'operatore che dà il lavoro alle celle a valle.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Quello che stiamo per illustrarvi, invece, potrebbe essere un "contro" per alcuni ma un "pro" per molti e stiamo parlando del fatto che questa tipologia di organizzazione non prevede che esistano esperti per un certo lavoro dato che ogni operatore o quasi è in grado di svolgere anche il lavoro richiesto dalle postazioni a monte e a valle rispetto alla sua.

PER SAPERNE DI PIU':

Le celle produttive
Come implementare la Produzione snella
Introduzione alla Produzione snella
Avviare la Lean manufacturing in 7 mosse


cerca nel sito