IL CAMBIAMENTO PUO' SCATENARE IL
VITTIMISMO

di Staff di QualitiAmo

Chiunque abbia provato a implementare un cambiamento nella propria organizzazione sa che il rischio del vittimismo è sempre dietro l'angolo

change management


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La paura del cambiamento. Tutti noi l'abbiamo sperimentata almeno una volta nella vita, vero?

Alcune persone sono più portate ad accettare subito i cambiamenti, altre hanno bisogno di prendersi un po' di tempo mentre altre ancora non arriveranno mai ad accettarlo del tutto.

La verità è che cambiare non è mai facile e che molti esseri umani cercano il più possibile di evitare qualsiasi variazione delle loro abitudini, anche la più piccola. Anche i proprietari delle piccole e medie imprese non sfuggono a questa regola perché spesso evitano di migliorarsi fino a quando il cambiamento diventa addirittura indispensabile per riuscire a sopravvivere.
In questo secondo caso la ragione spesso risiede nel fatto che non è facile ammettere che la "creatura" che abbiamo amorevolmente allevato per anni non vada più bene così com'è ma abbia bisogno di qualche modifica. La sensazione tipica dell'imprenditore e che nessuno conosca veramente i suoi affari e che nessuno, a parte lui, possa metterci mano senza fare danni.

Nel caso dei collaboratori le resistenze possono essere di diverso tipo e bisogna imparare a riconoscerle e ad affrontarle nella maniera corretta. Una forma tipica di resistenza è il cosiddetto vittimismo che porta la persona a considerare chi le propone il cambiamento come un vero e proprio nemico da combattere e se stessa come la sua vittima.

Chi ha avuto qualche esperienza di change management sa esattamente a cosa ci riferiamo perché il vittimismo è un atteggiamento con il quale ci si scontra spesso quando si avvia un cambiamento.
La prima sensazione che le persone hanno quando un'organizzazione vuole cambiare qualcosa è che andranno a peggiorare la loro situazione e a perderci qualcosa. Spesso si pensa anche che si stia cambiando solo per il gusto di farlo, senza una reale motivazione e tutto questo porta i collaboratori quasi a sentirsi personalmente sotto attacco.

Questi sono segnali chiari di una tendenza al vittimismo che è legata al tipo di cultura che vige all'interno dell'organizzazione e che porta le persone a non avere fiducia nei propri superiori e a mostrare un attaccamento allo status quo persino quando non riescono a lavorare bene perché ciò che conoscono dà loro sicurezza mentre ciò che è ignoto, per quanto possa essere migliore, le spaventa. E' l'idea della mancanza di controllo che le destabilizza.

Un atteggiamento vittimista può essere radicalmente scardinato guadagnandosi la fiducia dei collaboratori, mostrandosi trasparenti, basando le proprie scelte su una raccolta di dati che le renda oggettive e avendo ben presente uno scopo da seguire e da condividere con le persone che lavorano con noi.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

A voi è mai capitato di avere a che fare con persone che facevano le vittime per sottrarsi al processo di cambiamento? Come avete affrontato la situazione? Ce lo raccontate sul forum?

PER SAPERNE DI PIU':

Imparare a gestire il cambiamento
Le regole del cambiamento
Le regole del cambiamento - 2
La resistenza al cambiamento
Gli ostacoli al cambiamento
Affrontare le resistenze al cambiamento
I fattori critici di successo del cambiamento
Controllare il cambiamento
La gestione del cambiamento con il LSS
Aforismi sul cambiamento


cerca nel sito