LA PRODUZIONE SNELLA APPLICATA

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Nei giorni scorsi, il Corriere della Sera ha pubblicato due articoli che ci raccontano la storia di alcune aziende che hanno applicato i principi della Produzione snella nei propri stabilimenti.

Il primo esempio che viene citato, e quello che prenderemo in esame noi, è quello di di Biesse, un'impresa che dal 1969 produce macchine per la lavorazione di legno, vetro e pietra e che è riuscita ad aumentare la propria capacità produttiva, riducendo, allo stesso tempo, i tempi di lavorazione, e diminuendo gli spazi operativi.
Ciliegina sulla torta è stata la forte riduzione dei costi che sempre dovrebbe accompagnare un intervento di lean manufacturing ben gestito.

Biesse descrive l'introduzione della metodologia "snella" come una vera e propria rivoluzione che ha portato allo sviluppo di una nuova cultura d'impresa in grado di migliorare l'efficienza e di trasformare la caccia agli sprechi in un imperativo categorico.

«Confesso che neanch'io credevo che questa scelta potesse realizzare cambiamenti positivi in tempi relativamente brevi» esordisce Roberto Selci, presidente di Biesse.

Gli interventi da mettere in piedi, nonostante gli ottimi fatturati, certo non mancavano. All'epoca lo stabilimento di Pesaro adottava un sistema di produzione push ("spinta" verso il cliente, un concetto del tutto opposto alla produzione di tipo "pull", "tirata" dal cliente), con la presenza di numerose «isole» produttive. Ognuna, però, agiva in maniera indipendente.
Risultato? Un mancato coordinamento e una sovraproduzione, che determinava sprechi di aree operative e di materiali.

In solo 8 settimane di screening , di formazione del personale e di introduzione di nuovi processi produttivi, l'azienda marchigiana è stata rifondata.
«All'inizio - continua il presidente - una parte del personale guardava perplesso i colleghi impegnati in questa rivoluzione. Col tempo, hanno compreso che anche un'idea diversa dalla loro può essere vincente. E oggi i risultati sono evidenti. Abbiamo attuato un processo standardizzato, valido in tutte le componenti aziendali. Così, la nostra produttività è aumentata del 30%, commercializziamo in 100 paesi nel mondo, il tempo risparmiato è pari al 55% e l'area occupata dallo stabilimento è diminuita del 45%. Naturalmente tutto ciò ha inciso sui costi. Basti pensare che, con la riduzione degli spazi operativi sin qui utilizzati, oggi possiamo vendere un'area di 12 mila metri quadrati».

Un bel risultato se pensiemo che, dati del Corriere della Sera, lo scorso anno le aziende tricolore hanno avuto un calo medio del giro d'affari che oscilla tra il 20 e il 40%.
Considerato che nel 2010 gli indicatori dicono che la ripresa sarà molto lenta, le piccole e medie imprese si trovano nella condizione di dover ripensare la loro struttura produttiva.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Il timore più diffuso è che le aziende debbano essere costrette a ridurre il personale per adeguarlo ai nuovi (e più esili) livelli produttivi. L'anno scorso e per alcuni mesi di questo ci sarà la cassa integrazione a proteggere l'occupazione, ma non potrà durare a lungo. E allora bisognerà studiare soluzioni, progetti alternativi che possano scongiurare, o perlomeno attutire, l'emergenza occupazionale.

La strada giusta da percorrere sembra proprio quella di seguire il modello Toyota, percorrendo strade alternative e non abbassando mai il livello qualitativo perché c'è sempre qualche spreco nel sistema produttivo che può essere eliminato con eccellenti ricadute sui costi.

Del resto, resistere sul territorio senza delocalizzare è una tendenza che sembra prendere sempre più piede tra le aziende italiane: gli analisti segnalano addirittura un rientro delle imprese che erano andate all'estero per ammortizzare i costi del lavoro. Il risultato è stato spesso quello di avere una qualità ridotta che è stata puntualmente penalizzata dai mercati. Persino le aziende del settore moda cominciano a guardare con attenzione al rientro alla base delle strutture produttive.
Insomma sembra confermarsi la tesi secondo cui il costo del lavoro alto può essere comodamente compensato dal contenimento degli sprechi produttivi e dall'alta qualità della lavorazione.

(Fonte: Corriere della Sera)

PER SAPERNE DI PIU':

Gli strumenti della Lean manufacturing
Come implementare la Produzione snella
Il modello giapponese
Lean manufacturing per accrescere la competitività Il portale della Lean manufacturing
I primi rudimenti per comprendere la Lean manufacturing
Produzione snella e produzione di massa a confronto
Modello giapponese e produzione snella
Traghettare la vostra organizzazione verso la Produzione snella
I principi della Produzione snella
Il modello giapponese: Produzione snella e Company Wide Quality Control
Organizzazione snella e Lean manufacturing
Come realizzare l'azienda snella
La produzione snella: presentazioni in PowerPoint


cerca nel sito