MOJO: PARLIAMO DI LEADERSHIP

Staff di QualitiAmo

Conoscete l'atteggiamento psicologico che viene definito come Mojo? Sarebbe in grado di influenzare la capacità di leadership, quindi vale la pena dargli un'occhiata.

Mojo


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Cosa si intende con la misteriosa parola che avete letto nel titolo di questo articolo? Cosa significa "mojo"?

"Mojo" è una parola che può avere molti significati differenti ma quello che risulta prevalente è il seguente: "atteggiamento positivo che viene utilizzato in ogni cosa che si fa".
Possiamo, dunque, incontrare persone "mojo" in ogni posto di lavoro, ad ogni livello aziendale, in ogni circostanza della nostra vita.

Quando ne avete la possibilità, provate a vedere come reagiscono le persone attorno a voi: osservate gli impiegati allo sportello, i giocatori di una squadra, gli insegnanti dei vostri figli, i muratori che stanno costruendo una nuova casa nel vostro quartiere.
Tra queste persone ce ne saranno alcune che saranno professionali, al servizio di chi si avvale del loro lavoro e che si mostreranno interessate a ciò che fanno mentre altre, facendo esattamente la stessa cosa, daranno l'impressione di voler essere da un'altra parte, probabilmente a fare un altro tipo di lavoro.

Come riconoscere, dunque, un atteggiamento "mojo" in noi stessi, prima di tutto, e poi negli altri? Eccovi una piccola tabella che riassume i principali atteggiamenti di chi è "mojo" e di chi non lo è:

Mojo

Fatevi delle domande del genere: "Quale atteggiamento ho nei confronti di questa cosa? Dovrei cambiarlo?" oppure "Questa attività mi rende felice?" e fatele a chi vi circonda.
Un atteggiamento "mojo", in fondo, non è altro che il giusto equilibrio tra la soddisfazione a breve termine e i benefici di lunga durata, non credete?

Come spendete il vostro tempo? Vi concentrate su una soddisfazione momentanea o su una più difficile da raggiungere ma di maggiore respiro?

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Ci sono, essenzialmente, 5 modi di porci rispetto ad una determinata attività (nel lavoro come nella vita privata):

  • Attività stimolanti: sono quelle attività che regalano molto in termini di soddisfazione a breve termine ma poco sul lungo termine. Tutto ciò che ci procura una breve soddisfazione ma che può diventare problematico nel tempo si riunisce in questo gruppo. Al lavoro, per esempio, possiamo far rientrare il gossip tra colleghi.
  • Attività che necessitano di sacrifici: in questo gruppo troviamo tutte le attività che non premiano in poco tempo risultando, anzi, piuttosto onerose. Andare in palestra tutti i giorni, ad esempio, paga nel tempo perché migliora la nostra salute ma può risultare un'attività faticosa se ci fermiamo a considerare il tempo presente. Una vita interamente dedicata ad attività di questo tipo è una vita votata al martirio: tanta dedizione ma nessuna (o poca) gioia.
  • Attività per la sopravvivenza: sono attività che rendono poco sia nel breve sia nel lungo periodo. Non provocano né gioia né soddisfazione e non preparano un benessere futuro. Sono tutte quelle attività che facciamo "perché dobbiamo farle". Una vita passata a compiere solo attività di questo genere è una vita davvero molto difficile, come già scriveva Charles Dickens.
  • Attività di sostegno: sono le attività che producono una soddisfazione moderata sia nel breve sia nel lungo termine. Per molti professionisti, ad esempio, rispondere alle email è una vera e propria attività di sostegno di molte altre. In casa le attività di questo tipo sono, ad esempio, cucinare, pulire e fare la spesa. Una vita passata a fare solamente attività di questo genere è una vita appena accettabile: non positiva ma nemmeno troppo negativa.
  • Attività volte al successo: sono le attività che portano soddisfazione sia nel breve sia nel lungo termine. Sono le attività che amiamo fare e che, una volta concluse, ci fanno stare bene.

PER SAPERNE DI PIU':

La strategia è miglioramento continuo
Gli elementi del processo di miglioramento
La leadership strategica
Le 10 caratteristiche di un leader
Le competenze richieste ai leader
L'influenza della leadership
I tratti distintivi di un leader
La leadership strategica
Leader e leadership: le caratteristiche
Essere un vero leader: l'importanza dell'apprendimento continuo

Hitoshi Kume: il guru della statistica
Peter Senge e il pensiero sistemico
Le mappe mentali
Le conoscenze tecniche del RGQ
Diventare un leader: attenzione al linguaggio
Gestione del talento e leadership
Le competenze richieste ai leader


cerca nel sito