CALARE LA ISO 9001 NEL CONTESTO
GIUSTO - 2

Staff di QualitiAmo

Spesso ci si lamenta che la ISO 9001 non funziona ma siamo sicuri di averla applicata nel contesto giusto?

ISO 9001

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

La cosa migliore da fare per partire col piede giusto e sfruttare al meglio il nostro Sistema Qualità sarebbe quella di abbracciare in modo sequenziale entrambi gli approcci visti nella prima parte di questo articolo (conformità alle richieste del cliente e sviluppo autonomo di un sistema maturo), rammentando la famosa piramide dei bisogni di Maslow.
In estrema sintesi, Abraham Maslow disse che gli individui hanno una gerarchia di bisogni da soddisfare e che sono motivati ​​da esigenze di ordine inferiore fino a quando queste non siano relativamente soddisfatte. E' a questo punto che affrontano bisogni di ordine superiore anche se i livelli inferiori vanno mantenuti, in caso contrario la loro importanza oscura il raggiungimento dell'auto-realizzazione.

Le esigenze di ordine inferiore, dunque, vanno affrontate per prime perché è difficile realizzarsi se avete fame o se siete senza cappotto e fuori c'è una tempesta di neve in corso.
Per la Qualità possiamo fare un discorso molto simile. La prima motivazione che ci spinge ad adottarla è quella di soddisfare i bisogni più bassi, cioè evitare carenze mentre la più alta è quella di autoregolamentarci facendo sì che le persone siano orientate alla crescita e alla continua espansione dei loro interessi nel dare un contributo all'organizzazione per la quale lavorano.
All'inizio ci si sposta ai più alti livelli della gerarchia in maniera episodica e ci si accontenta semplicemente di implementare la ISO 9001 che è alla base della nostra piramide (ma bisogna comunque farlo bene perché un sistema di facciata non darà alcun risultato!)

Ogni livello della piramide avrà obiettivi diversi:

  • la sopravvivenza (efficacia): assicurare la Qualità attraverso un sistema efficace
  • l'efficienza: ridurre al minimo l'utilizzo delle risorse
  • il vantaggio competitivo: massimizzare il valore per i clienti e per tutti gli stakeholder

La natura delle azioni differirà a ciascun livello:

  • efficacia: ci si rivolge a settori come la conformità alle esigenze del cliente, la prevenzione dell'insoddisfazione, la realizzazione di prodotti sicuri, ecc.
  • efficienza: ci si occupa di temi come l'utilizzo delle risorse con prudenza, la riduzione dei costi, la riduzione dei tempi ciclo e l'aumento della produttività
  • vantaggio competitivo: si punta ad assicurare di avere clienti felici, ad aumentare la quota di mercato e la redditività

Le organizzazioni devono assicurare che i risultati attesi siano in linea con i loro obiettivi strategici e assicurarsi di lavorare al giusto livello per ottenerli. Soprattutto nella parte superiore della nostra piramide tutti i processi, tutte le funzioni e tutte le persone devono essere profondamente coinvolti in ciò che fanno.

Ci sono altre differenze sostanziali tra la base e la sommità della piramide. La base è definita da un Sistema Qualità costituito da un numero minimo di azioni che devono essere eseguite. Per essere in grado di ottenere la fiducia del cliente, il sistema va controllato a fondo per accertarsi che - grazie ad esso - i prodotti o i servizi forniti siano conformi. Del resto, se i requisiti sono soddisfatti, le organizzazioni risultano lavorare in conformità.
Il prodotto è difettoso oppure accettabile. I clienti si lamentano oppure no. La base della piramide può essere considerata come una sorta di territorio binario dove la Qualità si occupa solamente di soddisfare quegli aspetti della soddisfazione dei clienti che si ottengono attraverso la mera conformità ai requisiti.

In contrasto con tutto questo è la natura del mondo sopra la base della piramide. Alzando l'asticella scopriamo, infatti, che esiste un continuum e che per rafforzare la competitività occorre ricercare di continuo l'eccellenza operativa.
Le organizzazioni devono imparare a guardare al di fuori di se stesse per trovare dei punti di riferimento per le migliori pratiche in modo da comprendere ciò che si può fare per migliorarsi. Il successo dipende da tutta l'organizzazione e i risultati sono ottimi solamente se non si smette mai di imparare. Sopra la base le organizzazioni devono imparare a preoccuparsi non solo del presente ma anche delle esigenze future dei clienti.

A questo punto, però, qualcuno potrebbe chiedersi perché perdere tempo con la ISO 9001 e non mirare direttamente ad una Qualità superiore per ottenere un reale vantaggio competitivo. Dopo tutto tra le critiche che abbiamo visto all'inizio non c'è anche quella che la ISO 9001 non garantisce la Qualità?
In realtà un Sistema Qualità progettato secondo i dettami della ISO 9001 (o un suo equivalente) ha i requisiti minimi per assicurarsi di aver soddisfatto almeno il livello di base della piramide anche se non garantisce il successo sul mercato. Come abbiamo visto nel nostro paragone con il modello di Maslow, in questa tipologia di aziende la realizzazione della Qualità al più alto livello della gerarchia tende ad essere episodica ma è questo sistema formale di gestione che funge da mezzo per standardizzare e istituzionalizzare i miglioramenti che possono essere ottenuti.

L'utilizzo della ISO 9001 e della sua linea guida ISO 9004 insieme assicurano già di riuscire a garantire la Qualità con un discreto successo sul mercato. Per garantirsi, però, un successo duraturo nel tempo, le organizzazioni devono salire lungo la piramide per abbracciare sia le esigenze di base sia quelle legate ad una cultura della Qualità.

Prima di lamentarvi dell'inutilità della ISO 9001, dunque, siete sicuri di averla calata nel contesto giusto?

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

PER SAPERNE DI PIU':

ISO 9001: guida all'implementazione
Come costruire un SGQ
Implementare un Sistema Qualità Totale
Certificarsi ISO 9001 non significa soddisfare il cliente
Perché utilizzare un consulente per certificarsi ISO 9001?
I 10 passi per applicare la Qualità con la ISO 9001
Certificarsi ISO 9001 non significa soddisfare il cliente
Gli ingredienti base della certificazione ISO 9001
La ISO 9000
I passi per certificarsi ISO 9001
Portare un'organizzazione alla certificazione ISO 9001
I vantaggi della ISO 9001 - Facciamoci aiutare dalla Qualità
Guida all'implementazione della ISO 9001
Le novità introdotte con l'ultima ISO 9001
Certificazione ISO 9001:2008, le novità per le PMI
ISO 9001:2008 - Adeguare la gestione documentale
ISO 9001:2008 in azienda - adeguare il Sistema Qualità
La nuova ISO 9001:2008
ISO 9001 - Dalla teoria alla pratica
La ISO 9001 per risorse, sistemi e processi
ISO 9001:2008 Protezione e monitoraggio
Perché la ISO 9001 sembra funzionare poco? Quali sono i motivi che la rendono poco appetibile?
Cosa pensa davvero il Top management della vostra organizzazione della ISO 9001?
Il futuro della norma ISO 9001
La certificazione ISO 9001 nel mondo dello sport
Una ISO 9001 per il volontariato
ISO 9001: il riesame da parte della Direzione
ISO 9001 e processi in outsourcing
ISO 9001: elementi e requisiti del controllo documentale
ISO 9001: cosa controllare in caso di outsourcing
ISO 9001: esternalizzazione e outsourcing
Risorse umane: generalità - Il punto 6.2.1 della ISO 9001
ISO 9001: la messa a disposizione delle risorse
Il punto 7 della ISO 9001: la realizzazione del prodotto
Il punto 7 della ISO 9001: la realizzazione del prodotto (2)
Le infrastrutture: il punto 6.3 della norma ISO 9001
Dubbi e leggende metropolitane su Qualità e ISO 9001
La ISO 9001 - SOMMARIO
La futura ISO 9001 cheverràpubblicata forse nel 2015
La ISO 9004 SOMMARIO
La nuova ISO 9004:2009
La ISO 9004:2009 - un approfondimento
La nuova ISO 9004
Il sistema integrato
L'integrazione tra i sistemi di gestione della Qualità e dell'Ambiente
ISO 9001 punto 0.1
ISO 9001 punto 0.2
ISO 9001 punto 0.3
ISO 9001 punto 0.4
ISO 9001 punto 1.1
ISO 9001 punto 1.2
ISO 9001 punto 2
ISO 9001 punto 3
ISO 9001 punto 4
ISO 9001 punto 4.1
ISO 9001 punto 4.2.1
ISO 9001 punto 4.2.2
ISO 9001 punto 4.2.3
ISO 9001 punto 4.2.4
ISO 9001 punto 5
ISO 9001 punto 5.1
ISO 9001 punto 5.2
ISO 9001 punto 5.3
ISO 9001 punto 5.4.1
ISO 9001 punto 5.4.2
ISO 9001 punto 5.5.1
ISO 9001 punto 5.5.2
ISO 9001 punto 5.5.3
ISO 9001 punto 5.6.1
ISO 9001 punto 5.6.2
ISO 9001 punto 5.6.3
ISO 9001 punto 6
ISO 9001 punto 6.1
ISO 9001 punto 6.2.1
ISO 9001 punto 6.2.2
ISO 9001 punto 6.3
ISO 9001 punto 6.4
ISO 9001 punto 7
ISO 9001 punto 7.1
ISO 9001 punto 7.2.1
ISO 9001 punto 7.2.2
ISO 9001 punto 7.2.3
ISO 9001 punto 7.3.1
ISO 9001 punto 7.3.2
ISO 9001 punto 7.3.3
ISO 9001 punto 7.3.4
ISO 9001 punto 7.3.5
ISO 9001 punto 7.3.6
ISO 9001 punto 7.3.7
ISO 9001 punto 7.4
ISO 9001 punto 7.4.1
ISO 9001 punto 7.4.2
ISO 9001 punto 7.4.3
ISO 9001 punto 7.5.1
ISO 9001 punto 7.5.2
ISO 9001 punto 7.5.3
ISO 9001 punto 7.5.4
ISO 9001 punto 7.5.5
ISO 9001 punto 7.6
ISO 9001 punto 8.1
ISO 9001 punto 8.2.1
ISO 9001 punto 8.2.2
ISO 9001 punto 8.2.3
ISO 9001 punto 8.2.4
ISO 9001 punto 8.3
ISO 9001 punto 8 4
ISO 9001 punto 8.5.1
ISO 9001 punto 8.5.2
ISO 9001 punto 8.5.3
<


cerca nel sito