IL CAPITOLO 8 DELLA NUOVA ISO 9001:2015
- ATTIVITA' OPERATIVE

Staff di QualitiAmo

Continuiamo il nostro viaggio ragionato e commentato all'interno dei singoli punti e paragrafi della nuova ISO 9001:2015

iso-9001-2015-8-attivita-operative

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Il capitolo 8 della nuova ISO 9001:2015 contiene molti requisiti che, nella ISO 9001:2008, erano contenuti nel capitolo 7 - "Realizzazione del prodotto".

Scopo di questa sezione è assicurare - attraverso un approccio sistematico basato sui processi - che i prodotti e/o i servizi forniti ai clienti vengano pianificati, realizzati e consegnati aderendo a tuitti i requisiti dei clienti e delle parti interessate che risultino applicabili.
E' importante anche assicurarsi di poter contare sui processi necessari per gestire una situazione in cui, per qualsiasi motivo, ci si trovi davanti alla non aderenza alle specifiche.

Questa è anche la parte della ISO 9001:2015 nella quale ritroviamo tutti i requisiti relativi agli aspetti tecnici del Sistema Qualità. Fondamentalmente, i requisiti tecnici non cambiano nei loro principi rispetto alla ISO 9001:2008 anche se le cose vengono dette in modo differente e con un linguaggio diverso. Detto questo, ci sono però - come vedremo - alcune novità già anticipate nei capitoli precedenti e qualche requisito del tutto nuovo.

Questo capitolo è fondamentale all'interno della nuova ISO 9001:2015 perché, da solo, contiene la maggior parte dei requisiti del Sistema Qualità dato che offre indicazioni di come si debbano gestire sia i processi "in-house" sia quelli in "outsourcing", quale debba essere la gestione complessiva di un processo comprensiva dei criteri per controllarlo, così come debba essere impostata la gestione delle modifiche pianificate e di quelle non volute.

Come ci spiegherà nel dettaglio questo capitolo, gestire davvero un processo significa:

  • avere dei criteri per la sua valutazione (scritti, possibilmente, nelle istruzioni di lavoro);
  • controllarlo in base a questi criteri (attraverso la formazione del personale e lo sviluppo della sua consapevolezza);
  • gestire le sue modifiche così come sono state pianificate;
  • gestire le modifiche che non siano state pianificate

L'organizzazione deve pianificare, implementare e controllare i processi necessari a soddisfare tutti i diversi requisiti e, in quest'ottica, ci riallacciamo anche all'attuazione delle azioni determinate nel paragrafo 6.1 - "Azioni per affrontare rischi e opportunità" (che, a sua volta, fa riferimento ail paragrafi 4.1 - "Capire l'organizzazione e il suo contesto" e 4.2 - "Capire le necessità e le aspettative delle parti interessate") e 6.2 - "Obiettivi per la qualità e pianificazione per il loro raggiungimento".

Il capitolo 8 ha sette paragrafi, quattro dei quali - a loro volta - hanno sottoparagrafi:

  • 8.1 - "Pianificazione e controllo operativi"
  • 8.2 - "Requisiti per i prodotti e i servizi"
  • 8.3 - "Progettazione e sviluppo di prodotti e servizi"
  • 8.4 - "Controllo dei processi, prodotti e servizi forniti dall’esterno"
  • 8.5 - "Produzione e erogazione dei servizi"
  • 8.6 - "Rilascio di prodotti e servizi"
  • 8.7 - "Controllo degli output non conformi"

Questo capitolo si può dividere in due parti per ciò che riguarda i requisiti.
C'è una prima parte (dal paragrafo 8.1 all'8.4 compreso) che copre la pianificazione degli aspetti operativi del sistema e che comprende processi quali la pianificazione, la progettazione e la gestione dei processi, dei prodotti e dei servizi forniti dall'esterno e una seconda parte (dal paragrafo 8.5 all'8.7 compreso) che copre i requisiti relativi alla produzione e all'erogazione dei servizi.
Se non si svolgono al meglio le attività previste nella prima parte del capitolo 8, il prodotto o servizio finale non sarà aderente alle necessità e ai requisiti del cliente. Questi primi quattro paragrafi del capitolo 8 interagiscono, infatti, con altri processi dell'azienda in modo estremamente critico per la buona riuscita del lavoro complessivo dell'organizzazione, basti pensare alle relazioni che intercorrono tra i processi di progettazione e sviluppo e il riesame dei requisiti del cliente, così come alle decisioni relative al controllo dei processi, dei prodotti e dei servizi forniti dall'esterno che - di solito - si prendono durante il processo di preparazione delle richieste di offerta ai fornitori e il riesame delle singole offerte dato che i controlli su quanto viene fornito dall'esterno devono essere stabiliti in questa primissima fase della pianificazione.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Tipici elementi probativi in sede di audit potrebbero essere:

  • la verifica che il tipo e l'entità del controllo da applicare siano definiti all'interno del sistema di gestione;
  • che siano stati previsti processi per valutare l'importanza del rischio legato alle attività esternalizzate e impostare adeguati controlli

Come capite benissimo anche da soli, le esigenze e le aspettative delle parti interessate avranno chiaramente un impatto importantissimo sulla portata del controllo previsto per i processi in outsourcing.

PER SAPERNE DI PIU':

La nuova ISO 9001:2015 e l'outsourcing
La nuova ISO 9001:2015
Il capitolo zero della nuova Iso 9001:2015
Il capitolo uno della nuova Iso 9001:2015 - Lo scopo della norma
I capitoli due e tre della nuova Iso 9001:2015 - Requisiti normativi e terminologia
Il capitolo quattro della nuova Iso 9001:2015 - Il contesto dell'organizzazione
Paragrafo 4.1 della nuova Iso 9001:2015 - Capire l'organizzazione e il suo contesto
Paragrafo 4.2 della nuova Iso 9001:2015 - Capire le necessità e le aspettative della parti interessate
Paragrafo 4.3 della nuova Iso 9001:2015 - Determinare lo scopo del Sistema di gestione della Qualità
Paragrafo 4.4 della nuova Iso 9001:2015 - Sistema di gestione per la Qualità e relativi processi
Capitolo 5 della nuova Iso 9001:2015 - Leadership
Paragrafo 5.1 della nuova Iso 9001:2015 - Leadership e impegno
Paragrafo 5.2 della nuova Iso 9001:2015 - Politica
Paragrafo 5.3 della nuova Iso 9001:2015 - Ruoli responsabilità autorità nell'organizzazione
Paragrafo 6.1 della nuova Iso 9001:2015 - Azioni per affrontare rischi e opportunità
Paragrafo 6.2 della nuova Iso 9001:2015 - Obiettivi per la qualità e pianificazione per il loro raggiungimento



cerca nel sito