IL CAPITOLO 7 DELLA NUOVA ISO 9001:2015
- SUPPORTO

Staff di QualitiAmo

Continuiamo il nostro viaggio ragionato e commentato all'interno dei singoli punti e paragrafi della nuova ISO 9001:2015

7-iso-9001-2015-supporto

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Il capitolo 7 della nuova ISO 9001:2015 appartiene alla fase "Do" (fare) della ruota di Deming e tratta tutto ciò che è di supporto alla pianificazione di un Sistema Qualità.
Dopo essersi occupata del contesto dell'organizzazione (capitolo 4), della leadership (capitolo 5) e della pianificazione (capitolo 6), la norma ci spiega in quale modo le organizzazioni possono assicurarsi tutto il supporto necessario per centrare gli obiettivi che si sono poste.

In questa sezione della norma troviamo, quindi, i requisiti relativi alle risorse e ai processi di supporto che sono necessari per implementare e mantenere nel tempo un Sistema Qualità.
I vecchi capitolo 6 della ISO 9001:2008 (Gestione delle risorse), paragrafo 4.2.1 (Requisiti relativi alla documentazione) e 5.5.3 (Comunicazione interna) vengono riuniti tutti insieme in questo settimo capitolo della nuova norma per esplicitarne i requisiti in maniera ancora più chiara e completa. Prestate attenzione anche al fatto che, per la prima volta, in questo capitolo si parla della conoscenza come di una vera e propria risorsa di supporto che deve servire l'intera organizzazione e non essere limitata a persone singole che svolgono un certo lavoro.

Ogni organizzazione ha bisogno di risorse per funzionare e la norma ci spiega che le aziende devono identificare e fornire le risorse necessarie a soddisfare i requisiti dei clienti e del sistema di gestione. L'allocazione delle risorse (uno degli output del riesame della Direzione) si fa, ovviamente, attraverso un attento processo di pianificazione.

Se ci rifacciamo per un attimo alla ISO 9001:2008, vediamo che il vecchio standard considerava necessari come supporto:

  • le infrastrutture (6.3)
  • l'ambiente di lavoro (6.4)
  • la comunicazione interna (5.5.3)

Nel capitolo 7 della nuova ISO 9001:2015 ritroviamo questi stessi concetti e molti altri. Vediamo i principali:

  • il paragrafo 7.1 dedicato alle risorse, al punto 7.1.3 si occupa delle infrastrutture necessarie alla messa in opera dei processi per ottenere la conformità di prodotti e servizi.
    Si prendono in considerazione anche i processi di supporto come, ad esempio, quello di manutenzione, quello che fa riferimento all'informatizzazione dell'organizzazione e quello relativo alla gestione dei mezzi di trasporto;
  • sempre nel paragrafo 7.1 e, precisamente, al punto 7.1.4 si esamina l'ambiente di lavoro necessario alla messa in opera dei processi e all'ottenimento della conformità di prodotti e servizi.
    L'ambiente di lavoro può essere una combinazione di aspetti umani, fisici (temperatura, umidità, luminosità, circolazione dell'aria, livello di rumore, ecc.), sociali (ad esempio atteggiamenti non discriminatori, non conflittuali, ecc.) , psicologici (tesi a ridurre lo stress e a limitare il pericolo di un eventuale esaurimento nervoso);
  • abbiamo poi il paragrafo 7.1.5 che tratta di misurazioni e monitoraggi e che contiene i concetti che nella ISO 9001:2008 erano contenuti nel paragrafo 7.6;
  • le esigenze relative alla documentazione (vecchio punto 4.2.1) le ritroviamo al punto 7.5 dove vediamo che la norma non impone più il manuale della qualità né alcune procedure e lascia ad ogni organizzazione il compito di stabilire il livello di dettaglio del sistema documentale anche in base ai rischi e alle competenze disponibili.
    Da notare la grande attenzione agli aspetti più umani nella pianificazione del Sistema Qualità. Abbiamo, infatti, un'intera sezione dedicata proprio alle risorse umane e una dedicata alle conoscenze delle organizzazioni;
  • la competenza è la capacità di mettere in pratica le conoscenze maturate e di saper fare le cose per ottenere i risultati attesi. Il paragrafo 7.2 precisa che ogni organizzazione deve determinare le competenze necessarie per assicurare l'efficacia del Sistema Qualità.
    Ma che differenza passa tra una semplice raccolta di informazioni e la conoscenza vera e propria? Le informazioni sono scollegate tra loro e possono non essere per niente utili se, attraverso la conoscenza, non si trova il modo di collegarle una all'altra per ricavarne qualcosa di utile e fruibile. Ed è così che arriviamo al punto successivo;
  • il paragrafo 7.1.6 tratta le conoscenze di base di ogni organizzazione e spiega che ogni azienda deve determinare quali debbano essere le conoscenze necessarie per una corretta messa in opera dei suoi processi e l'ottenimento della conformità dei prodotti e dei servizi.
    Ogni volta che cambierà qualcosa, occorrerà fare una nuova analisi per verificare se le conoscenze dell'organizzazione siano o meno sufficienti per la gestione ottimale del cambiamento

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Riassumendo, il capitolo sette della nuova ISO 9001:2015 si occupa di tutto ciò che serve come supporto per ottenere l'output desiderato. Può trattarsi:

  • delle risorse competenti che servono alla buona gestione del Sistema Qualità;
  • di una buona comunicazione interna ed esterna;
  • delle informazioni documentate;
  • delle conoscenze condivise;
  • della misurazione e del monitoraggio;
  • ecc.

PER SAPERNE DI PIU':

La nuova ISO 9001:2015
Il capitolo zero della nuova Iso 9001:2015
Il capitolo uno della nuova Iso 9001:2015 - Lo scopo della norma
I capitoli due e tre della nuova Iso 9001:2015 - Requisiti normativi e terminologia
Il capitolo quattro della nuova Iso 9001:2015 - Il contesto dell'organizzazione
Paragrafo 4.1 della nuova Iso 9001:2015 - Capire l'organizzazione e il suo contesto
Paragrafo 4.2 della nuova Iso 9001:2015 - Capire le necessità e le aspettative della parti interessate
Paragrafo 4.3 della nuova Iso 9001:2015 - Determinare lo scopo del Sistema di gestione della Qualità
Paragrafo 4.4 della nuova Iso 9001:2015 - Sistema di gestione per la Qualità e relativi processi
Capitolo 5 della nuova Iso 9001:2015 - Leadership
Paragrafo 5.1 della nuova Iso 9001:2015 - Leadership e impegno
Paragrafo 5.2 della nuova Iso 9001:2015 - Politica
Paragrafo 5.3 della nuova Iso 9001:2015 - Ruoli responsabilità autorità nell'organizzazione
Paragrafo 6.1 della nuova Iso 9001:2015 - Azioni per affrontare rischi e opportunità
Paragrafo 6.2 della nuova Iso 9001:2015 - Obiettivi per la Qualità e pianificazione del loro raggiungimento
Paragrafo 6.3 della nuova Iso 9001:2015 - Pianificazione delle modifiche



cerca nel sito