IL PARAGRAFO 4.4 DELLA NUOVA ISO
9001:2015 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA
QUALITA' E RELATIVI PROCESSI

Staff di QualitiAmo

Continuiamo il nostro viaggio ragionato e commentato all'interno dei singoli punti e paragrafi della nuova ISO 9001:2015

iso-9001-2015-4-4-sistema-gestione-qualita-e-relativi-processi

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Paragrafo 4.4

Il paragrafo 4.4, l'ultimo del quarto capitolo, della nuova ISO 9001:2015, è simile al paragrafo 4.1 della ISO 9001:2008 (la parte relativa ai processi in outsourcing è stata spostata ai nuovi paragrafi 8.1 e 8.4) anche se viene richiesto qualcosa in più rispetto alla versione precedente dello standard in quanto la nuova norma prevede requisiti specifici per l'adozione di un approccio per processi.

Tra le novità introdotte dal paragrafo troviamo:

  • la necessità di determinare i rischi (cioè, secondo la definizione della stessa ISO, l'effetto dell'incertezza su un risultato atteso) e le opportunità associati ad ogni processo;
  • una rinnovata attenzione agli indicatori per garantire una buona operatività dei processi e un loro efficace controllo

Come sappiamo, la ISO 9001 parla di processi da quasi vent'anni. La nuova ISO 9001:2015 non fa altro che continuare su questa strada fornendo un po' più di chiarezza sui componenti di un processo.
Questo paragrafo, in particolare, spiega che ogni organizzazione deve stabilire, attuare, mantenere e migliorare con continuità un sistema di gestione per fornire i prodotti, i servizi e le prestazioni richiesti dal campo di applicazione.

Nella ISO 9001:2015, proprio come nella ISO 9001:2008, si richiede che l'organizzazione determini i processi necessari per il Sistema Qualità e la loro applicazione.

Nel fare questo, l'azienda dovrà determinare un certo numero di dettagli chiave che costituiscono i requisiti del paragrafo quali :

  • gli input richiesti e gli output attesi per ogni processo - Gli input, generalmente, si ricevono da un altro processo e possono essere materiali, informazioni, documenti, servizi, semilavorati, ecc. Gli output, invece, consistono in ciò che esce da un processo al suo termine e possono andare ad alimentare come input un altro processo;
  • la sequenza e l'interazione dei processi - Anche le organizzazioni più semplici e piccole hanno più di un processo. La nuova norma richiede che questi processi siano messi in un ordine logico, partendo - ad esempio - dal processo relativo agli acquisti e arrivando - sempre come esempio - al processo relativo alla logistica;
  • i criteri, le metodologie, le misurazioni e gli indicatori necessari per assicurare un'efficace operatività e un controllo dei processi - I processi devono essere verificati in qualche modo per assicuraci che ottengano i risultati per cui sono stati progettati;
  • le risorse necessarie - Le risorse possono essere di diverso tipo. Possiamo avere, ad esempio, le materie prime, i fornitori, le specifiche, le persone, i servizi, ecc.
    Alcuni processi partono bene, salvo poi interrompersi bruscamente quando ci si trova a rendersi conto che mancano le risorse necessarie a mandarli avanti e questo può capitare ogni volta che non si pianificano adeguatamente. Pianificare l'utilizzo delle risorse serve proprio per evitare tutto questo;
  • le singole responsabilità e autorità per ogni processo - Ogni processo ha qualcuno che ne è responsabile e questo è il primo livello di responsabilità. Le responsabilità, però, non si esauriscono qui perché, ad esempio, ci possono essere altre persone responsabili per le singole attività che si svolgono al suo interno;
  • i rischi e le opportunità legati ad ogni processo - Qui è dove vediamo la relazione diretta con il punto 6.1 della nuova norma quindi il nostro suggerimento è di adempiere prima ai requisiti di questo punto e di tornare poi indietro al 4.4 per completare la descrizione dei processi con i rischi e le opportunità che possono influenzarli;
  • quali azioni andranno implementate per gestire questi rischi e queste opportunità;
  • le metodologie da applicare per misurare, monitorare e valutare i processi e controllarne eventuali modifiche, per essere certi che gli output soddisfini i requisiti - Come fate a sapere se un processo è efficace o meno? Nella descrizione del vostro processo deve anche esserci il modo per misurarne e monitorarne i risultati, identificando eventuali scostamenti rispetto agli obiettivi che ci si è posti;
  • i processi necessari per esplorare nuove opportunità e le responsabilità del miglioramento dei processi e dell'intero Sistema Qualità;
  • le potenziali categorie di miglioramento che sono applicabili ai processi - Tra le categorie che possiamo individuare abbiamo la riduzione dei costi, miglioramenti di efficienza, diminuzione delle non conformità, miglioramento della soddisfazione dei clienti, ecc.
    Quando determinerete le opportunità di miglioramento, sforzatevi di pensare al singolo processo e pensate ai rischi e alle opportunità che avete individuato al punto 6.1 della nuova norma. Saranno questi ragionamenti che vi porteranno a migliorare sensibilmente;
  • mantenere informazioni documentate per supportare il funzionamento dei processi;
  • conservare informazioni documentate per avere fiducia in una loro conduzione coerente rispetto a quanto pianificato

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Seconda parte)

PER SAPERNE DI PIU':

La nuova ISO 9001:2015
Il capitolo zero della nuova Iso 9001:2015
Il capitolo uno della nuova Iso 9001:2015 - Lo scopo della norma
I capitoli due e tre della nuova Iso 9001:2015 - Requisiti normativi e terminologia
Il capitolo quattro della nuova Iso 9001:2015 - Il contesto dell'organizzazione
Paragrafo 4.1 della nuova Iso 9001:2015 - Capire l'organizzazione e il suo contesto
Paragrafo 4.2 della nuova Iso 9001:2015 - Capire le necessità e le aspettative della parti interessate
Paragrafo 4.3 della nuova Iso 9001:2015 - Determinare lo scopo del Sistema di gestione della Qualità



cerca nel sito