MIGLIORARE LA QUALITA' DI CIO' CHE SI
ACQUISTA SENZA ISPEZIONARE LE MERCI.
COME FARE?

Tre suggerimenti per alzare il livello qualitativo dei vostri
acquisti senza ricorrere all'ispezione delle merci

Articolo di Staff di QualitiAmo

qualita-migliore-senza-ispezione-prodotto


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Come possiamo essere certi che, acquistando qualcosa da un nuovo fornitore, riceveremo la qualità che stiamo pagando?

Ispezionare prima della spedizione la merce che stiamo acquistando è, ovviamente, uno dei pochi metodi per stare tranquilli e per venire davvero a conoscenza della qualità dei materiali e della loro conformità alle specifiche.
Senza arrivare a questa decisione che, finanziariamente, può essere onerosa, è comunque possibile assicurarsi un livello di qualità migliore basandosi su tre semplici passaggi.

Il primo suggerimento, per quanto banale possa sembrare, è quello di scegliere il fornitore migliore per voi.
Quando si rinuncia ad utilizzare un ispettore di terza parte per il controllo delle merci in partenza, la partita si gioca solamente tra voi che acquistate e chi vi sta vendendo qualcosa. Questo significa che non potrete essere davvero sicuri di quello che state acquistando fino a quando non riceverete effettivamente la merce.
Trovare un fornitore con il quale si può lavorare bene e che fa ciò che promette è dunque il primo passo per una collaborazione di successo. Ecco perché non dovrete mai considerare una perdita di tempo la selezione del fornitore perché, se questo processo viene condotto bene, vi metterà al riparo da un bel po' di problemi.

Per scegliere un fornitore che diventerà chiave per la vostra organizzazione, la prima cosa da fare è recarsi presso la sede dove lavora e verificare direttamente sul posto se le aree che ritenete più importanti funzionino a dovere. Un audit ben fatto vi dirà molto sulla situazione generale dello stabilimento, sulla sua capacità produttiva, sull'organizzazione (la fabbrica opera in maniera efficiente e organizzata oppure gestisce il lavoro in modo disordinato e caotico?) e su molto altro ancora.
Prestate attenzione alle metodologie utilizzate, alla pianificazione della produzione, alla gestione dei singoli processi, alle postazioni di lavoro e alle relative istruzioni, ai materiali e ai prodotti che si trovano nei magazzini, alle attrezzature (sono in buono stato e possono contare su una manutenzione regolare?) e a tutto ciò che ritenete importante per assicurarvi un prodotto di qualità.
Ricordate che, con un po' di esperienza, si può capire davvero molto di uno stabilimento anche semplicemente camminando nei diversi reparti.

Il secondo aspetto da non sottovalutare affatto se vogliamo evitare l'ispezione sulle merci è quello che riguarda la trasmissione chiara dei propri requisiti e aspettative al fornitore.
Non fate l'errore di ordinare qualcosa e di completare solamente in seguito i requisiti di prodotto perché, omettendo di trasmettere in anticipo alcuni dettagli relativi all'ordine, potreste mettere in seria difficoltà il fornitore. Ritardare l'invio di tutti i requisiti relativi alla merce che state acquistando può far insorgere, infatti, numerose problematiche come il mancato soddisfacimento di alcuni di essi, una produzione affrettata, una minore qualità del prodotto, ecc.

Specificate, quindi, sempre chiaramente quali materiali ritenete necessari per i vostri prodotti, chiarite eventuali tolleranze, distinguete per tempo ciò che è accettabile da ciò che non lo è.
L'emissione di un ordine di acquisto dettagliato e contenente le informazioni critiche che un fornitore deve conoscere impedisce sorprese indesiderate in seguito. Non trascurate dettagli quali le condizioni del pagamento, le informazioni relative al packaging e all'etichettatura, ecc.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

L'ultimo suggerimento che vi offriamo per non avere sorprese nel caso di un ordine da parte di un nuovo fornitore è quello di richiedere un campione da approvare prima dell'avvio della produzione. Un campione, infatti, mostra più di mille parole ciò che il fornitore è in grado di fare.

PER SAPERNE DI PIU':

Terminologia: punto di ispezione


cerca nel sito