PER QUALI MOTIVI UN FORNITORE PUO'
RINUNCIARE A FARE AFFARI CON VOI?

Come reagire se il fornitore che avete scelto non vuole
saperne di collaborare con voi?

Articolo di Staff di QualitiAmo

gestione-fornitori


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Dopo una lunga ricerca avete finalmente trovato il fornitore che sembra fare al caso vostro. Lo contattate, gli spiegate cosa volete da lui e, quando arriva la sua risposta, leggete con un misto di sorpresa e di rabbia che l'organizzazione che avete contattato non vuole saperne di fare affari con voi e che, forse, sarà per la prossima volta.

Possibile?
Con la fame di lavoro che c'è oggi?
E poi perché la vostra azienda è stata scartata?
Cosa è andato storto?

Proviamo a vedere insieme quali sono i classici tre motivi che possono portare un fornitore a rifiutare di lavorare con voi. Se sarete a conoscenza dei fattori che tendono a raffreddare l'entusiasmo dei fornitori, infatti, sarete in una posizione migliore per impostare al meglio la trattativa e arrivare, forse, a lavorare insieme.

Per molti fornitori l a prima ragione per rifiutare un ordine è che si tratta di un ordine piccolo.

Ogni ordine accettato da parte di un fornitore prevede che vengano impiegate risorse per:

  • creare ed, eventualmente, riesaminare campioni di prodotto da sottoporre al cliente;
  • lavorare con eventuali sub-fornitori per acquisire le materie prime necessarie, le parti che occorrono, gli imballaggi, ecc.;
  • preparare e calibrare le apparecchiature necessarie;
  • produrre le merci;
  • eventualmente procedere, su richiesta del cliente, ad una fase di rilavorazione;
  • prendere accordi con il trasportatore per la consegna dei prodotti;
  • coordinare il tutto;
  • ecc.

Comprensibilmente, la maggior parte dei fornitori preferirsce mettere in moto tutti questi processi una volta sola su larga scala che rifare tutto da capo a causa di una sequenza di ordini piccoli.

Quello che potete fare per contrastare le obiezioni e l'eventuale rifiuto del fornitore in questo primo caso è cercare di rassicurarlo in merito al fatto che, in futuro, intendete aumentare il volume della fornitura per lavorare con loro a lungo termine. Preparatevi, però, al fatto che potreste non riuscire a convincere un fornitore che ha un sacco di offerte migliori altrove.

Se proprio non doveste riuscire a convincere il fornitore che avete scelto in prima battuta, prendete in considerazione il fatto di poter lavorare con un altro più piccolo che potrebbe accettare anche ordini per quantità insignificanti di merce.
Una fabbrica più piccola ha tipicamente sistemi di gestione della qualità meno sviluppati ma manager che, solitamente, sono più propensi a voler lavorare con i clienti a lungo termine e per questo sono più disposti a collaborare per soddisfare in toto i clienti, dato che il loro successo nel tempo dipende più dal saper trattenere i clienti esistenti che dalla ricerca di nuovi clienti più grandi e con esigenze che difficilmente riuscirebbero a soddisfare.

Un'altra ottima opzione è quella di individuare un fornitore di medie dimensioni che non sia ancora ben conosciuto sul mercato e che si deve ancora consolidare. In questo modo potreste crescere insieme e puntare, in futuro, alla gestione di ordini più grandi.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Seconda parte)

PER SAPERNE DI PIU':

Gestire il coinvolgimento dei fornitori in un progetto/a>
Esempio di scheda per la gestione dei fornitori
Valutare, qualificare e monitorare i fornitori: la procedura
Esempio di elenco per la gestione dei fornitori qualificati
Questionario per la valutazione dei fornitori
Esempio di flusso per la qualificazione dei fornitori
Esempio di check list per la valutazione dei fornitori
Analizzare e far crescere i fornitori



cerca nel sito