COSA SERVE PER SOSTENERE IL
CAMBIAMENTO? - 5

Vediamo insieme quali sono i fattori che aiutano
un'organizzazione a cambiare e a mantenere nel tempo
le modifiche apportate

cambiamento-fattori

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

(Seconda parte)

(Terza parte)

(Quarta parte)

Urgenza

I cambiamenti che vengono spiegati e sostenuti illustrando perché sia urgente cambiare e che vengono realizzati nel più breve tempo possibile hanno maggiori possibilità di avere successo.
Servono, quindi:

  • messaggi chiari e coerenti rivolti a chi deve cambiare che spieghino cosa ci si aspetta da lui ed entro quando farlo;
  • un esempio lampante preso dalla quotidianità del lavoro che mostri che è necessario cambiare in fretta;
  • una tabella di marcia chiara che illustri cosa fare, entro quando e perché è importante non ritardare le azienoni decise

Attenzione, però!
Il senso di urgenza trasmesso alle persone non deve impedire che il cambiamento venga affrontato in modo razionale e motivando manager e collaboratori che devono sì riuscire a vedere l'immediata necessità di cambiare ma anche avere il tempo di abbracciare il percorso da compiere.

Vision

La vision, come sappiamo, è un'idea ben chiara che la Direzione ha del futuro dell'organizzazione.

Solitamente si concretizza prestando attenzione alle nuove tendenze e tecnologie, vagliando nuove idee e opportunità e cogliendo queste ispirazioni per visualizzare un'immagine del futuro.

Una vision chiara è uno strumento potentissimo quando si vuole cambiare qualcosa in un'organizzazione, cioè distaccarsi dalla quotidianità che si è sempre seguita e andare verso qualcosa di nuovo e di parzialmente ignoto.

Una vision ben definita serve per inquadrare l'organizzazione e le sue performance non come sono oggi ma come potrebbero essere domani, il prossimo mese, l'anno prossimo, e così via.
Questa, però, è solamente la parte facile del lavoro. Quella difficile consiste nel riuscire a trasmettere questa visione anche a tutti gli altri, cioè fare in modo che i collaboratori vedano esattamente ciò che sta vendendo la Direzione.

Perché una vision abbia successo, occorre convincere tutti gli altri a guardare il futuro dell'organizzazione nello stesso modo e poi a calibrare le loro attività per raggiungere questo obiettivo comune.
Un leader che sa ispirare gli altri fa esattamente questo: trasmette a tutti la propria visione di futuro.

Il pericolo, ovviamente, è quello di vedere il proprio futuro attraverso le lenti di occhiali troppo rosa e di indulgere - quindi - nell'ottimismo, rendendosi conto troppo tardi di essere poco a contatto con la realtà. Solo una vision possibile e realistica, infatti, può essere condivisa con buone possibilità di successo. Magari un sogno ma basato su una fattibilità realistica.

Qualsiasi cambiamento è un momento estremamente importante per chi lo vive. Se una persona lavora in un certo modo da anni e - all'improvviso - viene informata che occorre cambiare questo metodo, è fondamentale che questi cambiamenti non vengano solamente comunicati ma anche condivisi.

Riflessioni sull'urgenza del cambiamento e sulla necessità di comunicare una vision solida

Per quanto riguarda la necessità di cambiare in fretta, l'errore che si compie più spesso all'interno delle organizzazioni è quello di cercare di convincere le persone che occorre cambiare e accettare un nuovo modo di fare le cose senza, però, spiegare perché lo status quo non sia più un'opzione valida.

Smettere di fare le cose in un certo modo - però - non è facile, soprattutto se si è poco flessibili e desiderosi di novità.
In persone come queste cambiare potrebbe risultare addirittura doloroso e spiazzante.

La Direzione e il gruppo che guida il cambiamento hanno il dovere di stare vicino a chi ha più difficoltà ad affrontare la poca sicurezza che deriva da un futuro incerto perché, se queste persone non si sentiranno sicure, faranno di tutto per boicottare il nuovo percorso.

E arriviamo alla vision che, come abbiamo visto dovrebbe:

  • essere chiara;
  • coinvolgere le persone;
  • costruire il consenso attorno al nuovo futuro

ma che, troppo spesso, appare fumosa e non capace di creare follower.

Non trascurate l'importanza di questi fattori!

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

(Sesta parte)

PER SAPERNE DI PIU':

Imparare a gestire un cambiamento per costruire un SGQ
I driver del cambiamento
Change management: le regole del cambiamento
La resistenza al cambiamento
Aiutare e supportare il cambiamento


cerca nel sito