LA TEORIA DELLE RISORSE 2/2

La redditività dipende dalle risorse interne

Risale alla fine degli anni '80 la teoria che pone grande attenzione alle risorse come vantaggio competitivo

risorse

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte dell'Approfondimento)

Secondo Grant (1991), quando l'ambiente è dinamico le risorse e le capacità dell'impresa sono una base più stabile per definire la propria identità e il proprio business. Partire da ciò che si è in grado di fare, piuttosto che dalle esigenze che il business cerca di soddisfare, può essere il fondamento di una strategia più durevole.

Per chi ama il gioco di squadra, la RBT (Resource-Based Theory) è un concetto facile da accettare: ogni avversario è diverso; ogni partita è diversa. Per eccellere occorre, è vero, adattarsi alle condizioni del momento e alle caratteristiche dei rivali, ma la radice del successo è nell'eccellenza delle risorse e delle competenze della squadra.
Una tattica efficace può dare alcune vittorie, ma nel lungo termine le squadre che dispongono delle risorse migliori hanno maggiori probabilità di vincere il campionato.

Quindi, più che dall'abilità tattica, la stabilità è data dalle risorse e dalle competenze, che sono la vera fonte dei profitti realizzati, in quanto creano vantaggi competitivi.

Come abbiamo già ricordato, infatti, le differenze all'interno dei settori sono più forti rispetto alle differenze tra settori e per conseguire una redditività superiore a quella dei rivali occorre acquisire e mantenere dei vantaggi competitivi.

Se consideriamo le due principali strategie generiche, possiamo agevolmente dimostrare come in realtà siano basate su risorse e competenze e confermare così la validità della RBT.
I vantaggi di costo dipendono dalle risorse come, per esempio, la gestione di impianti di grandi dimensioni (quindi la possibilità di realizzare economie di scala) e la gestione di tecnologie; dipendono dalla capacità di anticipare i concorrenti, dall'accesso privilegiato a fonti di materie prime e a basso costo del lavoro (grazie a una migliore localizzazione rispetto a quella dei rivali), dall'accesso ai canali distributivi più efficienti, dalle esperienze acquisite dalla forza lavoro.

Anche i vantaggi della differenziazione dipendono dal controllo di certe risorse: marchi, brevetti, specializzazione della forza lavoro, capacità di interpretare l'evoluzione della domanda prima dei rivali, capacità di rispondere rapidamente alle nuove esigenze dei consumatori, capacità nel design e nel time-to market.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Conclusioni

Le tesi della RBT sono molto articolate, ma possono essere ricondotte alle seguenti enunciazioni:

  • le competenze distintive sono i punti di forza che l'impresa non divide con i rivali. Se creano valore danno all'impresa una redditività superiore alla media del settore
  • le competenze distintive di un'organizzazione emergono dalle sue risorse e capacità
  • per costruire vantaggi competitivi, le imprese devono formulare strategie sia basate sulle risorse e sulle capacità esistenti nell'organizzazione (le competenze) sia tese ad acquisire nuove risorse e capacità

PER SAPERNE DI PIU':

Gestione del talento e leadership
Gestione delle risorse
Il Kaizen e le risorse umane
Clima aziendale e gestione delle risorse umane


cerca nel sito