LA TEORIA DELLE RISORSE 1/2

La redditività dipende dalle risorse interne

Risale alla fine degli anni '80 la teoria che pone grande attenzione alle risorse come vantaggio competitivo

risorse

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Verso la fine degli anni Ottanta emerse una teoria che individuò la base dei vantaggi competitivi nelle risorse e nelle capacità dell'impresa.
Questa teoria accetta solo in parte l'approccio della posizione nel settore e propone di individuare i vantaggi competitivi nelle risorse, nelle capacità e nelle competenze che l'organizzazione sviluppa.

La realtà dimostra che la redditività media è molto diversa da un settore all'altro. L'approccio della posizione nel settore conferma che un'attrattività/redditività elevata dipende da contesti di settore particolarmente favorevoli più che dalle capacità dell'impresa.

I fattori principali di successo di un'impresa sono due:

  • capacità di scegliere il settore con le condizioni migliori, il segmento migliore, il gruppo strategico migliore
  • capacità di agire sulla competizione, quindi sul comportamento dei concorrenti

L'analisi SWOT è la sintesi di questo pensiero: le imprese che meglio di altre sanno usare i propri punti di forza per cogliere le opportunità dell'ambiente e sono capaci di neutralizzare le minacce dell'ambiente stesso hanno maggiori probabilità di successo.

Queste conclusioni sono contestate dai sostenitori della RBT, la Resource-Based Theory, secondo i quali la fonte di vantaggio competitivo non è nell'ambiente esterno (quindi in una posizione acquisita dall'impresa) ma nelle risorse interne.

Un'impresa crea valore più dei suoi rivali se raggiunge prestazioni superiori in una o più delle proprie attività. Quindi, per battere i rivali, l'impresa deve possedere risorse, capacità e competenze distintive superiori.

Barney e Grant, in particolare, nel 1991 sostennero che le differenze nelle prestazioni tra imprese possono essere spiegate attraverso le differenze nelle risorse e nelle competenze piuttosto che attraverso le differenze nella struttura della competizione.

Secondo l'approccio RBT, per avere successo una strategia deve muovere da tre elementi principali:

  • trarre il massimo vantaggio dalle risorse e dalle competenze dell'impresa
  • usare le risorse al massimo del loro potenziale
  • sviluppare e rafforzare costantemente le risorse e le competenze

Per i sostenitori della Teoria delle risorse, risorse e competenze sono le fondamenta di una strategia di lungo termine, l'elemento che:

  • dà maggiore stabilità agli obiettivi di impresa
  • costituisce la vera fonte dei vantaggi competitivi

Ogni strategia nasce dalla mission dell'impresa e dal sistema di obiettivi che si è data. Nasce, quindi, dalla definizione del business in cui intende operare, dalle esigenze del target che intende raggiungere e dai modi in cui intende soddisfare tali esigenze. Qual è il nostro business? Chi sono i nostri clienti? Chi sono i nostri concorrenti? Le strategie dell'impresa sono anche la risposta a queste domande.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Ma le condizioni esterne cambiano continuamente: cambiano i rivali e le loro strategie, i clienti e le loro attese, mentre l'impresa vuole stabilità. Se alla base del successo vi fosse la posizione rispetto ai concorrenti, la strategia dovrebbe cambiare frequentemente.

Secondo Grant quando l'ambiente è dinamico le risorse e le capacità dell'impresa sono una base più stabile per definire la propria identità e il proprio business: partire da ciò che si è in grado di fare, piuttosto che dalle esigenze che il business cerca di soddisfare, può essere il fondamento di una strategia più durevole.

(Fine prima parte)

UNA RICHIESTA DA PARTE NOSTRA

Per favore, se utilizzi qualsiasi blocco per evitare di visualizzare gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito, ti invitiamo a rimuoverlo.

I nostri annunci sono sicuri al 100% e - per nostra scelta - non sono invasivi.
Senza la pubblicità questo sito, che ti mette a disposizione ogni giorno moltissimo materiale gratuitamente, non potrebbe esistere e tornarti utile.

Abbiamo scelto di non oscurare le pagine di QualitiAmo in presenza di Ad Blocker o Adblock Plus e di non verificare nemmeno se tu ce l'abbia o meno attivati ma ti chiediamo, per favore, eventualmente di disabilitarli o di inserirci nella white list. Se non sai come fare, te lo spieghiamo in questa pagina.

Grazie!
Lo Staff di QualitiAmo

PER SAPERNE DI PIU':

Gestione del talento e leadership
Gestione delle risorse
Il Kaizen e le risorse umane
Clima aziendale e gestione delle risorse umane


cerca nel sito