GOAL SETTING

Fissare gli obiettivi della Qualità

Perché è importante avere degli obiettivi.

bersaglio

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La teoria del goal setting si basa su una semplice premessa: la prestazione è causata dalla volontà di fornire la prestazione, eseguendo un lavoro. L'intenzione di agire (l'obiettivo), diviene quindi un fattore determinante dell'azione. Gli obiettivi sono tutto ciò che si cerca di realizzare o che si ha intenzione di realizzare e, secondo questa teoria, le persone realizzano ciò che stanno cercando di realizzare. Le conseguenze sono chiare. Prima di tutto, chi ha obiettivi ambiziosi avrà una prestazione migliore di chi ha obiettivi modesti; secondo chi ha un'idea precisa di ciò che vuole fare avrà una prestazione migliore di chi ha obiettivi poco chiari. Vediamo, ora, le idee di base della teoria del goal setting. Esiste una relazione lineare positiva tra difficoltà e performance Obiettivi difficili portano a risultati migliori di quanto facciano obiettivi semplici e questo è il risultato di ricerche svolte in maniera approfondita e in ambiti diversi, quali problemi matematici, di enigmistica, ecc. Quando lo stesso problema viene studiato nell'ambito del mondo del lavoro, i risultati sono identici. I gruppi di lavoro a cui sono assegnati obiettivi più ambiziosi si rivelano quelli della prestazione migliore. Questa ipotesi non è, però, valida quando il raggiungimento degli obiettivi è eccessivamente difficoltoso o quando richiede capacità che le persone non hanno. Per aumentare la spinta all'azione gli obiettivi devono essere difficili ma raggiungibili, poiché lo sforzo è proporzionale al livello di difficoltà e raggiungibilità degli obiettivi e un obiettivo impossibile (sia per capacità che per risorse scarse) diventa frustrante. Obiettivi specifici portano a una prestazione migliore di quanto facciano obiettivi generici Questo è un concetto particolarmente importante poiché spesso i manager mostrano la tendenza a fissare obiettivi troppo generici per i propri collaboratori. Il sostegno dato a questa affermazione è molto ampio. In un esperimento si è assegnato lo stesso compito a due diversi gruppi ma, mentre ai membri di un gruppo venne chiesto di "fare del proprio meglio", ai membri dell'altro gruppo che ottenne una performance superiore, venne dato un obiettivo specifico.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Numerose ricerche hanno dimostrato che gli individui a cui vengono affidati obiettivi specifici e impegnativi ottengono performance migliori dei soggetti che "fanno del proprio meglio" in base a obiettivi generici. Famoso, a questo proposito, è lo studio di Latham Baldes, condotto su gruppi di boscaioli. Il lavoro di un boscaiolo consisteva nel taglio dei tronchi, nel caricare il materiale sul camion e nel trasportare il materiale stesso fino alla segheria. I camion non venivano sfruttati al massimo del loro carico poiché il carico medio corrispondeva al 60% della capacità massima consentita per legge e in quel periodo ai boscaioli veniva semplicemente chiesto di lavorare al meglio delle loro possibilità. In seguito, venne stabilito l'obiettivo di un carico medio per ogni camion del 94 per cento del carico legale e l'incremento di produttività che derivò dalla semplice formulazione di un obiettivo specifico, fu immediato ed elevato.

(Continua la prossima settimana con la seconda parte)

UNA RICHIESTA DA PARTE NOSTRA

Per favore, se utilizzi qualsiasi blocco per evitare di visualizzare gli annunci pubblicitari presenti nel nostro sito, ti invitiamo a rimuoverlo.

I nostri annunci sono sicuri al 100% e - per nostra scelta - non sono invasivi.
Senza la pubblicità questo sito, che ti mette a disposizione ogni giorno moltissimo materiale gratuitamente, non potrebbe esistere e tornarti utile.

Abbiamo scelto di non oscurare le pagine di QualitiAmo in presenza di Ad Blocker o Adblock Plus e di non verificare nemmeno se tu ce l'abbia o meno attivati ma ti chiediamo, per favore, eventualmente di disabilitarli o di inserirci nella white list. Se non sai come fare, te lo spieghiamo in questa pagina.

Grazie!
Lo Staff di QualitiAmo

PER SAPERNE DI PIU':

Vision, mission e obiettivi
Cos'è la strategia?
Mission e obiettivi


cerca nel sito