QUALITA' TOTALE: GLI ELEMENTI
FONDAMENTALI

Su cosa si fonda la Qualità Totale?

E' la differenza negli obiettivi la chiave di volta del Total Quality Management

TQM

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Il presupposto fondamentale e necessario per comprendere le basi della Qualità Totale riguarda, soprattutto, il cambiamento degli obiettivi.
Si passa da un prodotto sufficientemente buono (massimo livello accettabile di difetti, numero limitato e standardizzato di tipi di prodotti) ad un prodotto e ad una produzione in continuo miglioramento grazie alla diminuzione dei difetti, delle scorte e dei costi.

Se, infatti, la soddisfazione del cliente deve diventare l'obiettivo primario di tutte le organizzazioni, tutto questo non basta.
Un mercato dinamico e competitivo richiede un'azione continua di miglioramento, strettamente legata al coinvolgimento personale degli addetti tramite la gratificazione ed il rispetto dell'elemento umano.
Se in azienda non c'è motivazione, lo spirito di una squadra unita ed affiatata, persone gratificate, non ci può essere miglioramento continuo.

La Qualità Totale può essere riassunta con alcune frasi significative identificate da Kaoru Ishikawa nel 1968:

  • Il cliente è re, la Qualità è la soddisfazione del cliente
  • Controllo Qualità applicato all'intera organizzazione
  • Miglioramento continuo a tutti i livelli e in tutti i campi
  • Educazione ed addestramento di tutto il personale al Controllo della Qualità
  • Sponsorizzazione della Direzione della Politica della Qualità e partecipazione diretta alla sua attuazione

La Qualità Totale si realizza attraverso i seguenti elementi logici:

  • Valutazione prioritaria delle esigenze dei consumatori: a fronte di un mercato particolarmente competitivo, è necessaria la conoscenza approfondita delle esigenze del cliente
  • Qualità innanzi tutto: la Qualità va intesa come la capacità "complessiva" di un prodotto o di un servizio di soddisfare l'acquirente e quindi comprensiva del prezzo, delle quantità, dei tempi. Non è possibile definire la Qualità senza conoscerne il costo
  • Prevenzione di difetti e reclami: attraverso un'azione continua di miglioramento delle attività, definita con l'acronimo PDCA ovvero: Plan (pianificazione), Do (eseguire ciò che si è pianificato), Check (misurare, valutare la conformità) e Act (Agire e correggere)

Ishikawa sintetizzò molto bene in sei punti in cosa consistessero le differenze fra il Controllo della Qualità, applicato nelle aziende occidentali negli anni '60 e '70, e il Company Wide Quality Control o Qualità Totale. Vediamoli insieme:

  • la partecipazione della nazione
  • il cambiamento culturale
  • un management fortemente orientato alla Qualità
  • il rispetto dei valori umani
  • lo statistical thinking
  • l'attuazione dei Circoli della Qualità

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

I principi della Qualità Totale, unitamente a quelli della Produzione snella, hanno consentito alle industrie giapponesi di ottenere dei risultati eccezionali misurabili in:

  • aumento della produttività
  • diminuzione dei costi
  • aumento della qualità del prodotto
  • aumento della flessibilità

PER SAPERNE DI PIU':

Gli strumenti della Lean manufacturing
Come implementare la Produzione snella
Il modello giapponese
Lean manufacturing per accrescere la competitività Il portale della Lean manufacturing
I primi rudimenti per comprendere la Lean manufacturing
Produzione snella e produzione di massa a confronto
Produzione snella applicata
Modello giapponese e produzione snella
Traghettare la vostra organizzazione verso la Produzione snella
I principi della Produzione snella
Organizzazione snella e Lean manufacturing
Come realizzare l'azienda snella
La produzione snella: presentazioni in PowerPoint


cerca nel sito