CAMBIARE GRAZIE ALLE BUONE IDEE 3

Per cambiare bisogna avere coraggio e inventiva

Parliamoci chiaro: un cambiamento è sempre un trauma per quanto possa essere positivo. Per innescarlo, inoltre, occorre avere una buona idea.

Sviluppare idee

Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

(Prima parte)

(Seconda parte)

Questa settimana concludiamo il discorso relativo alla valutazione delle idee generate presentandovi le ultime due tecniche.

Brainstorming inverso

La tecnica classica del Brainstorming serve, come sappiamo, a generare un gran numero di idee.

Il Brainstorming inverso, invece, serve ancora a generare idee ma non con lo scopo di trovare una soluzione ai problemi.
Le idee, al contrario, vengono raccolte per criticare altre idee generate in precedenza.

Questo metodo si può considerare l'opposto di quello che abbiamo chiamato "Sostenere le idee" e che abbiamo preso in esame la settimana scorsa. In questo caso, infatti, si raccolgono le tesi negative e non quelle positive.

Le fasi da seguire per applicare la metodologia del Brainstorming inverso sono le seguenti:

  • distribuire ad ogni membro del gruppo una lista delle idee generate in precedenza (o trascriverle su una lavagna ben visibile da tutti)
  • chiedere ai componenti del gruppo di lavoro di alzare la mano quando vogliono esprimere una critica sulla prima idea da esaminare
  • quando le critiche relative alla prima idea sono finite, passare all'esame della seconda e così via fino ad averle terminate tutte
  • cercare alcune soluzioni per reagire alle debolezze individuate per ogni idea
  • selezionare l'idea (o le idee) chje hanno collezionato meno punti deboli

Proprio come il metodo "Sostenere le idee", questo tipo di brainstorming richiede moltissimo tempo per la sua applicazione se vogliamo analizzare un gran numero di idee.
Dunque, è sicuramente meglio utilizzare questa tecnica solo dopo aver fatto una buona scrematura del materiale raccolto in precedenza.

La maggiore debolezza di questa metodologia, però, risiede forse nel suo tono enfatico, focalizzato solo sugli aspetti negativi. Concetrandosi su ciò che non funziona, infatti, c'è il rischio di sviluppare un clima negativo che non favorisce certo la creatività.

Il punto di forza del Brainstorming inverso, invece, è la discussione che si sviluppa attorno ad ogni idea e che mira alla ricerca dei suoi punti deboli.
Analizzare ogni singola idea e individuare eventuali ostacoli alla sua implementazione può offrire, infatti, un grande supporto al raggiungimento del successo del progetto perché permette di non essere colti impreparati durante il suo sviluppo.

Il modo migliore per utilizzare questo tipo di brainstorming è, probabilmente, in combinazione con la tecnica del Sostegno delle idee. Le due metodologie insieme forniranno, infatti, una valutazione decisamente più bilanciata e aiuteranno a sviluppare un clima di lavoro positivo.

Cartoncini adesivi

La tecnica dei cartoncini adesivi è uno dei metodi di votazione che consentono di scegliere le idee migliori in maniera semplice e veloce.

Ogni membro del gruppo di lavoro riceve un numero fissato di cartoncini adesivi colorati con i quali può indicare le sue idee preferite contrassegnandole con un colore identificativo.

Per applicare questa tecnica occorre:

  • mostrare ai memebri del gruppo la lista delle idee generate in precedenza trascrivendola su una lavagna o su un cartellone
  • dare a ciascuno una serie di foglietti adesivci colorati (ogni persona riceverà cartoncini di colore diverso in modo da poter essere facilmente identificata e il numero di foglietti in dotazione sarà pari a circa il 10% del numero totale delle idee da valutare)
  • chiedere ai partecipanti di votare le idea, attaccando i loro foglietti adesivi accanto a quelle che preferiscono (solo uno per ogni idea)
  • contate i voti ricevuti da ogni idea e selezionate quella che ne ha di più

In aggiunta al vantaggio che deriva dal poter impiegare pochissimo tempo er la votazione, questa metodologia è utilissima anche per il fatto di mettere sullo stesso piano tutti i membri del gruppo.
Posizionare i foglietti adesivi accanto alle idee raccolte, infatti, è un'attività nella quale tutti i membri del gruppo hanno la possibilità di partecipare alla pari.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Associati a questa tecnica ci sono, comunque, anche alcuni svantaggi. Il primo, e forse il più importante, è la mancanza di anonimato durante la votazione che può portare alcune persone a fare scelte simili.
Vedendo votare gli altri, infatti, i membri più deboli del gruppo di lavoro potrebbero essere portati a votare come loro.

Secondo svantaggio: non viene fatta alcuna discussione sui criteri utilizzati per il voto.

PER SAPERNE DI PIU':

Su QualitiAmo non sono presenti altri articoli su questo argomento


cerca nel sito
Pubblicità verticale